principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Infanzia (primo anno di vita)

Nel primo anno di vita di un bambino, i movimenti di palpazione appaiono sullo sfondo della sua caotica attività motoria. Ma non ci sono già movimenti direzionali in vista. Nel sistema visivo ci sono tracciamento, convergenza, concentrazione, reazione al nuovo. Il fatto è che l'ulteriore sviluppo dei movimenti passa sotto il controllo dei sistemi sensoriali. HM Shchelovanov ha stabilito una differenza fondamentale tra l'ontogenesi di un bambino e l'ontogenesi degli animali; consiste nel fatto che inizialmente tutti gli animali sviluppano precisamente sistemi motori.

In un atto di presa, un bambino muove prima la mano verso un oggetto sotto il controllo della sua vista. In altre parole, c'è una certa percezione dello spazio. E puoi osservare come si forma: prima il bambino si concentra sul soggetto, poi le sue braccia si alzano, prende qualcosa nell'aria e, infine, afferra il soggetto.

Sulla base dell'atto di afferrare, il bambino sviluppa attività manipolativa, supportata da una reazione orientativa al nuovo. Le manipolazioni di un bambino non solo acquisiscono il carattere di azioni oggettive, ma ricevono anche la funzione di un modo di comunicare con gli adulti. Il bambino usa queste azioni per attirare la sua attenzione.

Entro 4 mesi, il bambino ha un bisogno noto di una persona; prima di allora, aveva solo bisogni organici. Nella seconda metà del primo anno, i movimenti del bambino iniziano a svilupparsi intensamente, l'attività vocale diretta verso la comunicazione con gli adulti si intensifica e compaiono elementi per attirare l'attenzione degli adulti sotto forma di azioni manipolative.

Il principale tipo di attività del bambino nel primo anno di vita è la comunicazione emozionale diretta con gli adulti. Se non viene fornito in modo tempestivo, quindi tutti gli ulteriori sviluppi del bambino sono lenti e anormali. Nella prima metà del 1 ° anno di vita, il bambino ha assolutamente bisogno di una vivace comunicazione emotiva con gli adulti.

Questo fatto di per sé è di grande importanza: conferma la posizione secondo cui una persona diventa una persona solo accanto a una persona.

Nel processo di sviluppo, il bambino ha qualcosa che esplode sotto l'influenza della comunicazione all'interno della comunicazione stessa. Il bambino si alza in piedi. Di conseguenza, il suo spazio si espande, può muoversi al suo interno, strisciare da solo e prendere un oggetto. La necessità di una comunicazione emotiva diretta con gli adulti dovrebbe essere ridotta.
Nasce un gesto che significa: "Dai!", Quindi inizia ad essere accompagnato da una parola, quindi rimane solo la parola. Finalmente si verifica la camminata. La situazione di fusione di un bambino e un adulto è lacerata dall'interno. Appaiono due. Questa è l'essenza della crisi del primo anno.

Questa crisi è caratterizzata dalla distruzione della precedente situazione sociale dello sviluppo del bambino e dalla formazione di altre forme di comunicazione che portano all'emergere di una nuova situazione sociale. Indichiamo le caratteristiche di tale crisi e la sua neoplasia.

Questo è, prima di tutto, il "discorso autonomo" del bambino, che solo sua madre comprende. Le parole sorgono in un bambino in situazioni emotive che sono percepite da lui nel suo insieme. Tali parole sono situazionali e ambigue; c'è già comunicazione, conversione, ma è ancora privo di costanza di significati. Nella forma, questa è comunicazione, e nel contenuto, è la connessione emotiva e diretta del bambino con un adulto e con la situazione. Un bambino e un adulto sono ancora collegati da una comunanza di situazioni in cui sorgono le parole.

Quindi camminare, la cui affermazione non è stata ancora stabilita. Consiste finora in un movimento lento e incerto, che occupa completamente il bambino. Un bambino cammina e un adulto, guardandolo, protegge ogni suo movimento.

La particolarità della nuova situazione sociale è che il bambino ora vive non con l'adulto, ma attraverso l'adulto, con il suo aiuto. Un adulto non lo fa invece di lui, ma insieme a lui. Quando un bambino vede un nuovo oggetto, per prima cosa si trasforma in un adulto. Le situazioni corrispondono a un nuovo tipo di attività del bambino - attività oggettiva (manipolativa) associata all'assimilazione di metodi di azione socialmente sviluppati con il soggetto. Ma per la sua attuazione, il bambino ha bisogno di un vero discorso. Il discorso emotivo non è più sufficiente. L'attività del soggetto quindi diventa gradualmente leader, perché richiede e garantisce lo sviluppo di tutti gli altri aspetti della vita del bambino, compresi i mezzi di comunicazione.

La cosa più notevole in questo periodo di sviluppo mentale del bambino è che le proprietà dell'oggetto iniziano a trasformarsi in proprietà che orientano il bambino - diventano i suoi punti di riferimento nell'oggetto stesso. Cominciano ad essere visti da un bambino solo perché lo orientano in attività obiettive. In altre parole, la percezione è intessuta nell'attività soggettiva del bambino e funge da orientamento in essa.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Infanzia (primo anno di vita)

  1. PERIODO DEL BAMBINO (PRIMO ANNO DI VITA)
    PERIODO DEL BAMBINO (PRIMO ANNO
  2. PERIODO DEL BAMBINO (PRIMO ANNO DI VITA)
    PERIODO DEL BAMBINO (PRIMO ANNO
  3. PRIMO ANNO DI VITA
    Da 1 a 3 mesi. Reazioni sensoriali. In 1 mese di vita nei bambini, si forma la concentrazione uditiva e visiva iniziale. Il bambino gira la testa in risposta a forti rumori e irritazioni visive. A 2 mesi, fissa bene lo sguardo su un oggetto fermo. Entro 3 mesi, lo sguardo è fissato su un oggetto che si muove su un piano orizzontale. Gira la testa e gli occhi verso la fonte del suono. In questo
  4. SECONDO ANNO DI VITA
    Reazioni sensoriali. Sono differenziati e selettivi. C'è un ulteriore sviluppo della percezione della forma e dello spazio. Sviluppo motorio. L'equilibrio si sviluppa. L'andatura diventa costante. Il bambino sta diventando più mobile. Verso la fine di questo periodo, scende e sale le scale, prima lo percorre con il supporto e poi in modo indipendente. Sale
  5. TERZO ANNO DI VITA
    Reazioni sensoriali. Le reazioni sensoriali sono differenziate e selettive. Nella percezione visiva, un occhio (di solito il giusto) inizia a dominare. Un bambino differenzia gli oggetti in base a peso, forma, colore, dimensione. Inizia ad aggiungere un'immagine divisa in due parti. Funzioni motorie. Migliori reazioni di equilibrio quando si cammina e si sta in piedi. Il bambino può camminare con l'argomento
  6. prima infanzia
    Attività motoria del bambino Sviluppo fisico del bambino. Il bambino sta crescendo rapidamente. La crescita di un bambino sano nel primo anno della sua vita aumenta di circa 1,5 volte e il peso - quasi 2 volte. Ma per noi più interessante è un altro aspetto dello sviluppo fisico. Il bambino inizia a muoversi sempre più intensamente e con successo e, pertanto, acquisisce grandi opportunità per conoscere l'ambiente
  7. prima infanzia
    Il bambino sta crescendo rapidamente. La crescita di un bambino sano nel primo anno della sua vita aumenta di circa 1,5 volte e il peso - quasi 2 volte. Ma per noi più interessante è un altro aspetto dello sviluppo fisico. Il bambino inizia a muoversi sempre più intensamente e con successo e, pertanto, acquisisce grandi opportunità per conoscere il mondo che lo circonda. Pietre miliari nello sviluppo fisico del bambino ed esemplare
  8. Proprio infanzia
    L'infanzia è un momento speciale nello sviluppo di un bambino. La situazione sociale dello sviluppo nell'infanzia, secondo L.S. Vygotsky, consiste nel fatto che l'intera vita e il comportamento di un bambino sono mediati da un adulto o realizzati in collaborazione con lui. Pertanto, lo ha chiamato "Noi" (un bambino non può esistere senza un adulto), il che ci consente di considerare il bambino un essere sociale, il suo atteggiamento verso la realtà
  9. La crisi della gioventù (18-21 anni)
    Per descrivere la crisi della gioventù, è necessario indicare le condizioni iniziali per il suo sviluppo. Quando si entra in una vita indipendente, un ampio spazio di applicazione di forze e abilità si apre davanti ai giovani. Soggettivamente, il mondo intero è di fronte a loro, e loro entreranno nel modo in cui ognuno ha delineato per se stesso. Nella loro scelta, ragazzi e ragazze hanno costruito una prospettiva sulla loro vita. Ingresso in una vita indipendente
  10. prima infanzia
    L'uomo in sostanza può essere considerato attraverso tre ipotesi: 1) come un biosistema; 2) come essere sociale; 3) come persona. Nell'ontogenesi, ogni periodo di età è caratterizzato da una combinazione speciale di questi componenti essenziali. In condizioni normali, l'apparizione di una nuova persona è il risultato della prontezza psicologica della madre per la sua nascita. neonato inizialmente
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com