principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Vasopatia (codice D 69.0)

Definizione. Un gruppo di malattie in cui il fenomeno del sanguinamento dovuto a difetti della parete vascolare. Caratterizzato da sanguinamento di tipo petecchiale. In precedenza, le malattie di questo gruppo erano descritte sotto il nome generico di "malattia di Schönlein-Henoch", tuttavia la vasopatia è eterogenea. Le ragioni che portano al loro sviluppo sono diverse, il primo posto è occupato da infezioni purulente croniche. La malattia più comune di questo gruppo è la vasculite emorragica.

Statistiche. La malattia è più spesso diagnosticata durante l'infanzia: nei bambini - 23-25 ​​anni, negli adulti - 8-12 casi per 10.000 abitanti.

Eziologia, patogenesi. La malattia si riferisce agli immunocomplessi. Quando si verificano reazioni immunitarie a virali, farmaci, alimenti e altri antigeni nel caso di una predominanza significativa dell'antigene rispetto agli anticorpi, si formano complessi immuni a basso peso molecolare. Hanno un effetto patogeno sui capillari, causando loro di trombare, e hai un edema brillante e distruzione.

Clinica, diagnosi. La vasculite emorragica si manifesta con tre sindromi: cutaneo, articolare e addominale. Le forme di pelle, di regola, non sono pesanti e si manifestano da eruzione hemorrhagic sulla pelle, il più spesso delle estremità. Non ci sono papule sul viso e sui palmi. La vasculite emorragica articolare cutanea è una malattia di gravità moderata. Insieme con la sindrome della pelle, i reclami di dolore e rigidità delle articolazioni. Le articolazioni sono gonfie, dolorose alla palpazione.

Grave vasculite emorragica si verifica con la sindrome addominale quando ci sono eruzioni emorragiche sugli organi interni. Reclami di dolore addominale di varie sedi, possibile irritazione peritoneale, ematuria.

L'emocromo completo ei parametri tradizionali del coagulogramma non mostrano disturbi pronunciati del sistema di coagulazione del sangue. Questi disturbi sono rilevati solo con l'aiuto di test utilizzati per la diagnosi di coagulazione intravascolare disseminata, condotta in un ospedale specializzato.

Esempi della formulazione della diagnosi.

• Vasculite emorragica, forma della pelle.

• Vasculite emorragica, forma articolare della pelle, moderata.

• Vasculite emorragica con sindrome addominale, decorso grave.

Diagnostica differenziale

In presenza di manifestazioni cutanee, sono escluse la pelle e le malattie infettive. Questo non è particolarmente difficile, poiché l'eruzione emorragica sulla pelle degli arti inferiori è quasi patognomonica per la vasculite emorragica. La natura emorragica dell'eruzione è controllata come segue: se si allunga e si preme la pelle sugli elementi dell'eruzione con due dita, i petecchie non svaniscono o scompaiono.

Difficile diagnosi differenziale della forma addominale, quando si rimette dolore addominale combinato con sintomi positivi di irritazione peritoneale. È necessario un esame approfondito della pelle degli arti inferiori (ricerca dell'emorragia), tenendo conto dei dati storici (la presenza di attacchi simili di dolore addominale, in combinazione con un'eruzione petecchiale in passato).

Come una sindrome, la vasculite emorragica può verificarsi in grave intossicazione, sepsi, ma in questi casi prevale il quadro della malattia sottostante.

Gestione del paziente

L'obiettivo del trattamento: la creazione di una remissione clinica sostenibile. obiettivi:

• sollievo dalla sindrome emorragica;

• bloccare l'ulteriore sviluppo di immunocomplessi;

• sviluppo e mantenimento di un regime che riduce la probabilità di una ricaduta.

Condizioni di emergenza e loro sollievo nella fase pre-ospedaliera

L'ematuria lorda, la grave sindrome addominale, l'infarto degli organi interni nella fase preospedaliera non vengono arrestati, sono indicazioni per l'ospedalizzazione di emergenza nel reparto ematologico o terapeutico.

L'organizzazione del trattamento.
La vasculite emorragica di moderata gravità (forma articolare-cutanea) e grave (forma addominale) sono indicazioni per il ricovero in un reparto ematologico o terapeutico.

In caso di forma della pelle, trattamento ambulatoriale.

Monitoraggio del trattamento Nel periodo di esacerbazione, la visita medica e il monitoraggio del sangue vengono effettuati 1 volta in 7 giorni; nel periodo di remissione parziale, quando non ci sono nuove manifestazioni emorragiche, ma rimane una eruzione petecchiale sulla pelle e dolore alle articolazioni, -1 ogni 14 giorni.

Terapia programmata

Informazioni per il paziente e la sua famiglia:

• È riportato sulla possibile eziologia della malattia.

• La malattia si manifesta con periodi di esacerbazione e remissione.

• Nel periodo di esacerbazione, è necessario un trattamento complesso.

• Durante la remissione, il paziente necessita di supervisione medica.

Consulenza al paziente e alla sua famiglia:

• Eliminare i fattori di rischio immunologico: alimenti allergici, insolazione, surriscaldamento, ipotermia.

• Riabilitare focolai di infezione cronica.

• Limitare l'assunzione di farmaci indicati nella sezione "Trombocitomiopatia", escludere la somministrazione di biseptolo.

• Trova un lavoro senza essere pericoloso.

Terapia farmacologica

Nel periodo di esacerbazione con vasculite emorragica moderata e grave, viene eseguito il trattamento ospedaliero con reopolyglucine, eparina e chimerone. Quando la pelle si forma nei primi 3 giorni, il riposo a letto è necessario, quindi la modalità Home. La dieta è la stessa della trombocitosi. L'ascorutina è assegnata alla tabella 2. 3 volte al giorno, carillon 50 mg (2 compresse) 3 volte al giorno. Quando la sindrome articolare - indometacina 50 mg 3 volte al giorno. Al di fuori della riacutizzazione, l'ascorutina viene somministrata nella primavera e nell'autunno di 1 etichetta. 3 volte al giorno, 1 mese, carillon 50 mg 3 volte al giorno, 2-3 settimane.

Buoni risultati sono dati dalla nomina di aspirina (preferibilmente aspirina cardio 100 mg) in 1 etichetta. al mattino, durante l'esacerbazione - a giorni alterni, senza esacerbazioni - 2 volte a settimana.

Le forme moderate e gravi della malattia nelle donne in gravidanza sono indicazioni per l'aborto.

Terapia di riabilitazione

In primavera e in autunno ci sono 2-4 corsi settimanali di assunzione di ascorutici e carillon (trentala, agapurina). Dieta ipoallergenica a vita. Trattamento di sanatorio-resort per malattie associate nei sanatori locali, nella stagione calda, ad eccezione dell'elettroterapia e della fangoterapia, che sono possibili solo durante i periodi di remissione clinica completa.

Criteri per l'efficacia della terapia riabilitativa. Mancanza di nuove manifestazioni emorragiche senza terapia antiinfiammatoria e rinforzo vascolare attiva.

Visita medica

• Esame dell'invalidità temporanea. Durante il periodo di esacerbazione, i pazienti sono disabilitati fino all'arresto delle sindromi articolari e addominali, in assenza di nuove eruzioni emorragiche - entro 7-10 giorni. Il periodo medio di invalidità temporanea: con la forma della pelle - 21 giorni, con pelle-articolare - 28 giorni, con addominali - 40 giorni. Le restrizioni sull'occupazione sono le stesse dei pazienti con TVP.

• Competenze mediche e sociali. Indicazioni per il riferimento a MSEC: forma cutaneo-articolare di vasculite emorragica, che causa disfunzione delle articolazioni del 2 °-3 ° grado; vasculite emorragica addominale con esacerbazioni frequenti.

• Esame medico-militare. Visite mediche preliminari e periodiche - vedi la sezione Coagulopatia.
<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Vasopatia (codice D 69.0)

  1. Lingeopatia (vasopatia)
    Nelle angiopatie, l'HD si sviluppa a causa di anomalie congenite della parete vascolare (ad esempio, telangiectasia emorragica ereditaria - sindrome di Oulero-Randyu), lesione immunoallergica o tossica infettiva della parete del vaso (ad esempio, vasculite emorragica - malattia di Schönlein - Genoch). Con teleangiectasia emorragica ereditaria - si nota la sindrome di Osler-Randyu
  2. Violazioni di emostasi vascolare (vasopatia) e genesi mista
    Disturbi dell'emostasi vascolare (vasopatia) e misti
  3. Gemostaziopatii. Coagulopatia (codice D 66)
    Questa è una violazione dei sistemi di coagulazione e anticoagulanti del sangue, che porta al sanguinamento. Il termine "sanguinamento" indica il flusso di sangue al di fuori del letto vascolare sotto l'influenza di influenze esterne inadeguate o, per così dire, spontaneamente. Tipi di sanguinamento. • Ematomatoso: sanguinamento abbondante ed emorragia nelle articolazioni e nelle cavità del corpo. • Ekhimatozny: manifestazioni della pelle
  4. Polmonite (codice J 18)
    Definizione. La polmonite è un processo infiammatorio acuto non specifico infettivo con lesioni del tratto respiratorio inferiore, il cui criterio diagnostico è una sindrome di infiltrazione infiammatoria del tessuto polmonare, verificata con metodi a raggi x. Statistiche. Nella pratica ambulatoriale, le infezioni acute del tratto respiratorio virale e batterico rappresentano il 25% di tutte
  5. Pleurite (codice J 90)
    Definizione. La pleurite è una sindrome clinico-morfologica caratterizzata da infiammazione delle foglie pleuriche con formazione di fibrina (pleurite secca) sulla loro superficie o accumulo di liquido nella cavità pleurica (pleurite essudativa). Statistiche. Secondo R.U. Layta (1996), per una popolazione di circa 370 milioni di persone negli Stati Uniti, 1 milione di pazienti con versamento pleurico sono registrati ogni anno. Sviluppi statistici
  6. Gotta (cifra? 10)
    Definizione. La gotta è una malattia geneticamente determinata (enzimopatia), basata su un aumento della sintesi di purine, formazione eccessiva di acido urico, che porta a ricorrenti artriti "fini-cristalline", lesioni sistemiche sotto forma di nefropatia da acido urico, urolitiasi, nefrite da urato interstiziale. Statistiche. Iperuricemia asintomatica (superiore a 0,07 g / l - 7,0 mg%)
  7. Malattia piastrinica (codice D 69.1)
    Definizione. Un gruppo di malattie associate a disturbi piastrinici e, indirettamente, emostasi vascolari, caratterizzate da tipi di sanguinamento peteico-ecchimato ed ecchimato. Statistiche. La seconda patologia più comune del sistema ematico dopo anemia da carenza di ferro. Il rapporto tra uomini e donne sofferenti è di circa 3: 5. Nella prima infanzia, è raro, le prime manifestazioni
  8. Tiroidite (codice? 06)
    Definizione. Il gruppo combinato di malattie basate sul processo patologico generale è l'infiammazione della ghiandola tiroidea. Statistiche. La malattia è più comune nelle persone di età compresa tra 30-50 anni, il rapporto tra uomini e donne è 1: 8, 1:10. L'eziologia. Patogenesi. Anatomia patologica. Nell'eziologia della tiroidite acuta e subacuta non purulenta, il posto principale è occupato da virus (adenovirus, virus Coxsackie, virus
  9. Ipotiroidismo (codice? 03)
    Definizione. Ipotiroidismo è una malattia polietiologica che si verifica con equivalenti clinici e metabolici del deficit di ormone tiroideo. Statistiche. Una delle più comuni malattie umane. Ill con lo 0,2-1% della popolazione. Le forme subcliniche si presentano nel 7-10% delle donne e nel 2-3% degli uomini (Melnichenko GA, 1998). L'eziologia. Patogenesi. L'ipotiroidismo congenito (mixedema) è dovuto a
  10. Bronchite cronica (codice J 41, J 44)
    Definizione. La bronchite cronica è una lesione infiammatoria diffusa, non allergica progressiva dell'albero bronchiale, associata ad un'irritazione prolungata delle vie aeree da parte di agenti nocivi, solitamente caratterizzati da ristrutturazioni dell'apparato secretorio della mucosa, nonché cambiamenti sclerotici negli strati più profondi della parete bronchiale e del tessuto peribronchiale,
  11. Asma bronchiale (codice J 45)
    Definizione. Asma bronchiale - infiammazione persistente cronica dell'albero bronchiale con il ruolo predominante di eosinofili e mastociti, che porta all'iperreattività dei bronchi con il loro spasmo transitorio, edema della mucosa, ipersecrezione di espettorato viscoso, disturbi ostruttivi, reversibili spontanei o medici; nel risultato della malattia si formano pneumosclerosi peribronchitica, polmonare
  12. MALATTIA CORONA (codice C 50)
    La malattia di Crohn è una lesione granulomatosa cronica del tratto gastrointestinale, nel 90% dei casi con coinvolgimento selettivo nel processo dell'ileo terminale (ileite terminale), nel 50% dei casi con una lesione combinata del colon e dell'intestino tenue (ileocolite). Clinica: dolore nell'addome inferiore, di solito nella regione iliaca destra, peggio dopo aver mangiato; diarrea; anoressia, debolezza, declino
  13. Epatite cronica (codice 73)
    Definizione. Infiammazione diffusa nel fegato, che dura più di 6 mesi. Statistiche. La prevalenza dell'epatite virale cronica in diverse regioni della Russia varia dallo 0,5 all'1% della popolazione e, secondo studi selettivi, può raggiungere il 2% della popolazione. L'epatite virale cronica rappresenta circa il 90% di tutta l'epatite cronica. Il restante 10% proviene da altre forme.
  14. Cirrosi epatica (codice K 74)
    Definizione. La cirrosi epatica è la fase finale delle sue malattie croniche, caratterizzata da alterata architettura della struttura lobulare del parenchima dell'organo, fibrosi, nodi di rigenerazione (morfologicamente), sindromi da insufficienza epatocellulare, ipertensione portale (clinicamente). Statistiche. L'affetto patologico in Russia ammonta a 20-35 casi per 100.000 in varie regioni.
  15. Malformazione da calcoli biliari (codice K 80)
    Definizione. La malattia da calcoli biliari è una malattia in cui calcoli biliari e dotti biliari (collio-tiase, colecistolitiasi, coledocolitiasi) si formano a causa del metabolismo metabolico del colesterolo e della bilirubina. Statistiche. La frequenza della colelitiasi nei paesi dell'Europa occidentale è dell'8-9% della popolazione e l'incidenza patologica aumenta con l'età: nelle persone del terzo
  16. Colecistite cronica (codice K 81)
    Definizione. La colecistite cronica è una lesione infiammatoria cronica ricorrente della cistifellea, spesso causata da microflora opportunistica, solitamente associata a discinesia biliare e, in alcuni casi, a malattia del calcoli biliari. Statistiche. La colecistite cronica non calculare è più comune nelle donne sovrappeso di età superiore ai 40 anni. tuttavia
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com