principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Condizioni di emergenza e loro sollievo nella fase preospedaliera. ricovero

La nefropatia urica acuta è una versione postrenale ??? con oligo- e anuria, il rilascio di urina "marrone" contenente una grande quantità di acido urico. Possibile azotemia transitoria.

Pronto soccorso: bere abbondante, acqua minerale alcalina, infusione goccia a goccia di soluzione di cloruro di sodio isotonico, soluzione di glucosio al 5% fino a 1-1,5 l / giorno, lasix alla dose di 40-80 mg (diuresi forzata). Nei casi più gravi, una seduta di emodialisi nel centro di nefrologia.

• Attacco colico renale. Bevanda abbondante, antispasmodica. Ricovero nel reparto di urologia.

• Attacco acuto di artrite gottosa:

- riposo a letto;

- bere abbondantemente;

- Butadion, ibuprofen, naproxen, piroxicam in dosi abituali (vedere "Artrite reumatoide" per tre giorni, quindi a metà dose fino al completo sollievo dei sintomi;

- iniezioni di reopirina o pyrabutol, 5 ml per via intramuscolare 1 volta al giorno - 2-3 giorni;

- colchicina (colchicum disperd, dragee, 0,5 mg), la prima dose di 2 dragees una volta, quindi 1 drage ogni ora, fino ad una dose totale non superiore a 5-6 mg / die. Quindi 1 pillola 2-3 volte al giorno, dal 4 ° giorno 1 pillola al giorno, per un lungo periodo. Effetti collaterali: nausea, vomito, dolore epigastrico, in rari casi, rene tossico, pancitopenia;

- metodo omeopatico: Colchicum autumnale D 2, D 3 in 5 cap. 2-3 ore prima del sollievo di un attacco;

- applicazioni del 50% di soluzione di Dimexidum con analgin per 30 minuti al giorno;

- iniezione intraarticolare di kenalog, idrocortisone.

Terapia programmata

Dieta ipocalorica, con la restrizione di grassi e proteine. Sono esclusi fegato, reni, cervelli, brodi ricchi, carne fritta, alcool (specialmente vini fortificati), cioccolato, caffè, cacao, sale eccedente e spezie. Verdure, frutta, latticini, bevande in abbondanza (fino a 2-3 litri di liquido, preferibilmente alcalino, al giorno).

• Con iperuricemia, artrite persistente, nefropatia - colchicina (vedi sopra), uso a lungo termine di allopurinolo (compresse da 0,1 e 0,3 g) alla dose di 0,1-0,2 g / die - con una luce, 0,3 -6 g / die - con moderata, 0,7-0,9 g / die - con malattia grave. Il trattamento continua fino a 8-12 mesi, mentre la normalizzazione del livello di acido urico nel sangue continua a ricevere una dose di mantenimento di 0,2 g / die. Effetti collaterali: sintomi dispeptici, linfoadenopatia, reazioni allergiche e occasionalmente pancitopenia. Il farmaco è controindicato in gravi lesioni del fegato, reni, gravidanza, allattamento, intolleranza individuale.
Nel corso del trattamento è necessario monitorare periodicamente l'analisi generale del sangue e delle urine. Le droghe di Uricosuric sono mostrate nell'assenza di nefropatia.

Anturan (0,1 g compresse) vengono somministrati 0,1 g 3-4 volte al giorno, per 1 mese, quindi 0,1 g per un lungo periodo 2-3 volte al giorno. Effetti collaterali: eruzione cutanea, citopenia, disturbi dispeptici. Il farmaco è controindicato nell'ulcera gastrica e nell'ulcera duodenale, nella funzionalità epatica compromessa, nelle leucopenia e nelle piastrine del canto. Durante il trattamento, è necessario monitorare l'emocromo completo 1-2 volte al mese.

Alternative: probenicide (compresse, 0,5 g), 1 etichetta. 1-2 volte al giorno; benzb-romarone (compresse, 0,1 g) su 1 / 2-1 tavolo al giorno. Il primo apporto di fondi urikozuricheski può causare un attacco acuto di gotta! Quando si assumono farmaci urikozuricheskikh necessariamente abbondanti (fino a 2-3 litri / giorno), il pH delle urine dovrebbe essere mantenuto a 6.4-6.8. Con un prolungato corso di artrite - sostieni le dosi di indometacina, voltaren. Metodi di hardware e terapia non fisica, terapia fisica, massaggio.

Quando la diatesi dell'acido urico, i calcoli uratici nei reni - miscele di citrato (maghurlite, ecc.) I preparati omeopatici sono selezionati individualmente, a seconda della costituzione, delle modalità, ecc. La loro lista è piuttosto ampia: Berberis, Licopodium, Solidago, Ledum, Guajacum, Litio, Rus e - mn altri metodi omotossicologici. Terapia di base: Lithiumeel su 1 etichetta. sotto la lingua 3 volte al giorno, Briaconeel nella stessa dose. Metodi locali: Traumeel S (unguento), mattina e sera, Arnica-Salbe-Heel S (pomata), mattina e sera. Terapia sindromica: Berberis-Homaccord (gocce, ampolle) - terapia di drenaggio. Nosodi. Artrite urica-Nosode-injeel forte no 1,1 ml per via parenterale 2 volte a settimana, 2-4 settimane. Metodi di medicina di erbe. Per l'artrite viene utilizzata la seguente collezione: fiori di calendula 5 g, fiori di fiordaliso 5 g, frutti di ginepro 5 g, corteccia di olivello 5 g, fiori di sambuco nero 10 g, corteccia di salice 20 g, erba equiseto 20 g, foglie di betulla 20 g - 1 st . l. raccolta in un bicchiere di acqua bollente, assumere 1 bicchiere ogni 2 ore. Il metabolismo dell'acido urico è normalizzato con il trattamento di raccolta: erba di San Giovanni, camomilla 20 g, colore calce 20 g, fiori di sambuco 20 g - 1 cucchiaio. l. raccogliere un bicchiere di acqua bollente, prendere 2 tazze al giorno, 10-14 giorni ogni 2 mesi.

Visita medica

Vedi sopra "Artrite reattiva".
<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Condizioni di emergenza e loro sollievo nella fase preospedaliera. ricovero

  1. Condizioni di emergenza e loro sollievo nella fase preospedaliera
    Un paziente con cardiomiopatia ipertrofica può presentare episodi di aritmie potenzialmente letali, insufficienza cardiaca acuta e stati sincopali. Modi per fermarli: vedi rilevante
  2. Condizioni di emergenza e loro sollievo nella fase preospedaliera
    Terapia programmata | Bradiaritmie. Gli stati sincopali nelle bradiaritmie si verificano a seguito dell'asistole che dura più a lungo di 5-10 secondi o in caso di un'improvvisa diminuzione della frequenza cardiaca a 20 in 1 minuto o meno. Le principali cause di bradiaritmia: blocco atrioventricolare (AV) 2-3 cucchiai. e sindrome del seno malato. Gli episodi di Morgagni-Edems-Stokes (MEA) sono caratteristici di pazienti con un blocco AV di alto grado.
  3. A. N. Nagnibeda L.P. Pavlova. Condizioni di emergenza in ostetricia e ginecologia nella fase preospedaliera, 2000
    Il manuale contiene materiale sulle misure mediche e tattiche nella fase preospedaliera in tutte le sezioni dell'ostetricia e della ginecologia di emergenza. Il manuale riflette le problematiche del riconoscimento e della valutazione delle situazioni di emergenza della donna partoriente, del puerperale e del neonato, metodi e metodi per stabilizzare le funzioni di supporto vitale e prevenire le complicazioni nel processo di trasporto dei pazienti in ospedale, così come
  4. Pronto soccorso nella fase pre-ospedaliera
    Con morte clinica - rianimazione cardiopolmonare. Il massaggio cardiaco indiretto deve essere eseguito per un lungo periodo, fino a 30-40 minuti. Intubazione tracheale, ventilazione meccanica con ossigeno al 100%. • Se il paziente è cosciente, è necessario deporlo, per stabilire l'inalazione di ossigeno umidificato attraverso i cateteri nasali. - Alleviare il dolore, eliminare lo stress psico-emotivo iniettando 2-4 ml di 0,25% in una vena
  5. TERAPIA INTENSIVA E ASSISTENZA D'EMERGENZA NELLA FASE PRE-OSPEDALE
    L'alta frequenza di infortuni nei bambini, in particolare in età scolare, è dovuta alla loro formazione socio-psicologica durante questo periodo di vita, al desiderio di un'ampia conoscenza del mondo che li circonda e alla mancanza di consapevolezza dei potenziali pericoli. Cause accidentali e intenzionali di lesioni infantili non possono essere completamente prevenute e prevenute, ma possono essere ridotte in modo significativo.
  6. Assistenza di emergenza per infarto miocardico non complicato nella fase preospedaliera
    Il paziente deve essere sdraiato, calmo, dare sotto la linguetta 1-2. nitroglicerina, se non vi è un ipoteismo arterioso iniziale; sciogliere in bocca 150-325 mg di aspirina. Quando la nitroglicerina è inefficace, viene utilizzata una delle seguenti opzioni per alleviare il dolore: • Neuroleptanalgesia bilanciata mediante somministrazione endovenosa di analgesico antipsicotico e non narcotico da droperidolo
  7. Posternak G. I., Tkacheva M. Yu., Beletskaya L. M., Volny I. F. Assistenza medica di emergenza per bambini nella fase preospedaliera, 2003

  8. Condizioni di emergenza e loro sollievo
    Sollievo dell'attacco. Usato? 2-agonisti di azione breve - berotek, berotek 100 (fenoterol hydrobromide 200 e 100 mg in una dose per inalazione). Di norma, una singola dose di inalazione è sufficiente. Se non ci sono miglioramenti entro 3-5 minuti, il paziente ricorre all'inalazione della seconda dose. In una tecnica simile, viene utilizzato un ventodisk-200, un ventodisk-400 (contengono rispettivamente 200 e 400
  9. Condizioni di emergenza e modi per fermarli
    Tachiaritmie parossistiche. Nel giro di pochi minuti prima di fornire assistenza di emergenza, è necessario stabilire, almeno a titolo di prova, la causa dell'aritmia. È particolarmente importante farlo quando il parossismo si verifica in un paziente per la prima volta nella sua vita. Secondo l'anamnesi, lo stato oggettivo, il metodo ECG, è un giudizio su infarto del miocardio, angina pectoris, crisi ipertensiva, stress psico-emotivo. In corso
  10. SESSIONE 1 Oggetto e obiettivi del primo soccorso. Metodi di esame clinico del paziente e diagnosi di condizioni di emergenza nella fase preospedaliera.
    Obiettivo: studiare le basi dell'etica medica e i metodi per l'esame di un paziente in condizioni di emergenza. Per insegnare agli studenti a distinguere tra condizioni urgenti ed esacerbazioni di malattie croniche, determinare il volume di pronto soccorso, pronto soccorso, pronto soccorso, assistenza medica qualificata e assistenza medica specializzata. Domande di prova 1. Che cosa si intende per
  11. Terapia infusionale pre-ospedaliera
    La terapia infusionale nella fase pre-ospedaliera ha i seguenti obiettivi: | sostituzione urgente della BCC; Correzione urgente dei disturbi metabolici ed elettrolitici; | Gocciolamento endovenoso di droghe (adrenomimetica, lidocaina, ecc.). Lo stato di emodinamica, la natura e il ritmo di sviluppo della malattia determinano il tipo di mezzo di infusione, la dose e la velocità di infusione. | Dose iniziale
  12. Farmaci utilizzati nella fase preospedaliera
    Farmaci utilizzati nella fase preospedaliera 1. Stimolatore di epinefrina cloridrato a e (3-adrenorecettori Forma di rilascio: 1 ml di fiale con soluzione allo 0,1% Indicazioni, collasso, shock, edema laringeo allergico, sindrome M-A-C, coma ipoglicemico Controindicazioni: cardiopatia ischemica, angina pectoris, ipertensione, età avanzata, diabete mellito, glaucoma.
  13. Benefici ostetrici nella fase preospedaliera
    Le nascite sono una ragione frequente per chiamare un'ambulanza. Tutte le donne in gravidanza con un periodo di più di 28 settimane e segni di travaglio che hanno iniziato (crampi al dolore addominale, perdita di liquido amniotico) devono essere ospedalizzati negli ospedali per la maternità (sulle barelle). Le donne incinte completamente esaminate che hanno una carta di scambio e senza malattie infettive e infiammatorie, al momento dell'ispezione, sono consegnate a
  14. Trattamento di tachicardie parossistiche sopraventricolari con un complesso QRS stretto nella fase preospedaliera
    Un algoritmo di azione per la tachicardia nodale AV parossistica reciproca e tachicardia AV reciproca parossistica ortodromica che coinvolge ulteriori connessioni atrioventricolari (sindrome WPW) nella fase preospedaliera. Le tattiche mediche per la tachicardia parossistica sopraventricolare parossistica con un complesso QRS stretto sono determinate dalla stabilità dell'emodinamica del paziente. sostenibile
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com