Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

IMPIANTI CHE FORGONO IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

Papaver rhoeac L. (Fig. 2). Pianta erbacea annuale alta 25-60 cm, il fusto è eretto, quasi non ramificato. Foglie sezionate due o tre volte in modo mirato, coperte da peli duri e sporgenti. I fiori sono grandi, rosso vivo. Il frutto è una capsula obovata con dentro piccoli semi.

Cresce nelle regioni meridionali della Russia, nel Caucaso, nella Siberia occidentale. Come una pianta erbaccia - su depositi molli, tra colture, in orti, in giovani cinture forestali, lungo strade e in altri luoghi.

Il significato tossicologico è ipnotico, pavone, orientale, ibrido e altre specie.

Le proprietà velenose del papavero sono dovute al contenuto di alcaloidi nel suo succo di latte. Quindi, negli alcaloidi papavero-samoseyka readin, i readymine sono contenuti, nel papavero ipnotico - fino a 20 alcaloidi, tra cui morfina, codeina, papaverina, tebaina, ecc.

Tossicodinamica. Le più velenose sono le scatole di papavero immature, che sono pericolose sia in forma cruda che secca. I semi e l'intera pianta prima e dopo la fioritura sono praticamente atossici per gli animali.

L'avvelenamento da animale si verifica quando si mangiano teste di papavero insieme ad altri rifiuti quando si selezionano i cereali, quando si alimentano paglia, fieno o paglia mescolati con papavero, in particolare capsule, quando si pascolano su pascoli disseminati di papavero. Tutti gli animali domestici sono sensibili al papavero, ma l'avvelenamento è spesso registrato nei bovini.

Secondo A. M. Vilner (1966), i fatti di avvelenamento sono noti.

vitelli attraverso il latte di mucche che mangiavano alimenti contaminati da semi di papavero. L'avvelenamento di animali con semi di papavero sui pascoli è raro, ma possibile.

Clinica. Nei bovini, all'inizio si notano ansia, agitazione, muggito e uno sguardo spaventato, le pupille sono dilatate. A volte l'eccitazione si trasforma in attacchi violenti, si notano convulsioni epilettiformi, che vengono sostituite dalla depressione. In futuro compaiono sonnolenza, debolezza generale, andatura instabile, disturbi digestivi (salivazione, diarrea, coliche), nei suini - vomito.

Nei cavalli, l'avvelenamento da papavero è accompagnato da una depressione generale: i cavalli stanno a testa bassa, completamente non rispondenti all'ambiente. L'andatura è traballante, l'animale spesso inciampa. Questi cavalli hanno la pelle secca, le pupille dilatate e la respirazione profonda.

Il risultato ha principalmente successo: dopo 2-3 giorni, arriva il recupero.

Trattamento. In primo luogo, lo stomaco (preventricoli) viene lavato con una soluzione di permanganato di potassio 1: 1000, quindi vengono introdotti tannini o prodotti contenenti tannino, decotto di corteccia di quercia e lassativi salini. Il resto del trattamento è sintomatico. Ai suini vengono prescritti farmaci emetici, con uno stato di grave oppressione - stimolanti; per stimolare la respirazione e l'attività cardiaca, viene somministrata per via sottocutanea una soluzione di caffeina-benzoato di sodio.

Cambiamenti patologici. Un'autopsia rivela infiammazione della mucosa del tratto gastrointestinale, iperemia dei polmoni, meningi e teste di papavero immature nel contenuto del pancreas o dello stomaco.

Vetsanekspertizy. In caso di macellazione forzata, la carne viene inviata per la lavorazione industriale e gli organi interni vengono eliminati.

Prevenzione. Dovresti sistematicamente gestire l'intasamento del campo di papaveri.

Lo sputo inebriante - Lolium temulentum L. (Fig. 3). Una pianta annuale di cereali alta 50-100 cm, orecchie da 10 a 25 cm di lunghezza, con una tenda grezza. Le foglie sono lineari, strette, con una superficie ruvida. Fiorisce da maggio ad agosto.

Cresce come un'erbaccia nella fascia settentrionale e centrale della parte europea della Russia, nella Siberia occidentale, nel Caucaso. Negli anni favorevoli delle precipitazioni, cresce abbondantemente nei campi tra le colture di cereali e nelle terre incolte.

La sostanza tossica della pula è l'alcaloide, che è contenuto solo nei semi in quantità fino allo 0,06%. Secondo A.M. Vilner (1966), ciò è dovuto alla sconfitta del fungo di cereali Stomatinia temulenta, che, essendo in simbiosi con la pula, produce uno speciale alcaloide - topiculina.

Tossicodinamica. Temulin ha un pronunciato effetto tossico sul cervello e sul midollo spinale, inibisce le strutture colinergiche.

La sensibilità degli animali da allevamento alla zizzania non è la stessa. Secondo V. Kornevich (1912), la sua tossicità per i cavalli è di 7 g / kg di peso animale, per i bovini - 15-18 g / kg e i maiali sono insensibili ai semi di pula. Per gli uccelli, a quanto pare, è anche innocuo.

La causa dell'avvelenamento è l'alimentazione degli animali con grano (orzo, avena, ecc.), Soffocato con semi di erba.
Inoltre, è possibile avvelenare quando si alimentano animali con fieno mescolato con paglia con semi maturi. Nella fase di fioritura, la pula è innocua.

Clinica. Nell'avvelenamento acuto, i segni di danno al sistema nervoso centrale si sviluppano molto rapidamente: letargia, sonnolenza, andatura instabile, traballante, pupille dilatate, sensibilità ridotta, tremori muscolari. Attività cardiaca disturbata (polso debole), respiro rapido, indebolimento della peristalsi, costipazione, a volte colica. Gli animali muoiono in 36-48 ore

Nei bovini si notano segni di agitazione nervosa, che a volte si alternano alla depressione.

Trattamento. Gli agenti sintomatici sono generalmente prescritti. In casi acuti di avvelenamento, lo stomaco viene lavato, vengono sedimentati e adsorbenti, vengono prescritti lassativi salini, clisteri e in depressione, eccitatori, farmaci cardiaci.

Cambiamenti patologici. All'autopsia, i reni sono iperemici e flaccidi, il cuore è rilassato, i coaguli di sangue nei ventricoli, il fegato e la milza sono pieni di sangue. Nelle cavità dell'accumulo di liquido nel cervello, vengono iniettati i vasi sanguigni. Sono espressi cambiamenti infiammatori nella mucosa del tratto gastrointestinale, i vasi del mesentere sono dilatati. I polmoni sono gonfi, in vari organi di emorragia. Il sangue è di colore scuro.

Prevenzione. Eseguono misure agrotecniche volte a combattere le erbe infestanti. Puliscono il grano dai semi della pula.

Hemlock, o omega, macchiato - Conium maculatum L. (Tabella II b). Una pianta biennale alta fino a 1,5 m. Lo stelo è ramificato, coperto di macchie rosso scuro o marrone-rosso nella parte inferiore - un importante segno morfologico della cicuta. Le foglie, una volta strofinate, emettono un odore sgradevole. I fiori sono piccoli, bianchi, raccolti in ombrelli complessi. I semi sono quasi arrotondati.

Cresce nelle terre desolate, nei giardini, tra gli arbusti, lungo le valli fluviali, intorno a stagni secchi quasi ovunque nella parte europea della Russia, e si trova in Siberia e nel Caucaso.

È raro in prati e pascoli.

Tutte le parti della pianta, in particolare i semi, contengono l'alcaloide con-in e altri quattro alcaloidi.

Tossicodinamica. Koniin è un veleno prevalentemente nervoso che agisce in modo deprimente sul sistema nervoso centrale ed è simile nel tipo di miorilassanti alle estremità dei nervi motori. Inoltre, migliora la secrezione delle ghiandole. La funzione cerebrale è mantenuta.

Quando la cicuta si asciuga, perde gran parte della sua tossicità, ma rimane comunque tossica per gli animali. In un silo è pericoloso. Di solito gli animali non mangiano le cicogne sui pascoli a causa del suo odore sgradevole. Mangiare è possibile con fame grave. Per la manifestazione della tossicosi, i cavalli hanno bisogno di 2-3 kg, il bestiame - 4-5 kg ​​di erba fresca, le anatre - 50-70 g di semi.

Clinica. Sono espressi debolezza generale, un'andatura traballante, che si trasforma in completa paralisi degli arti. Gli animali non sono in grado di stare in piedi e muoversi, vacillare, cadere, sdraiarsi per terra, allungare il collo, non rispondere alle irritazioni esterne. La saliva scorre dalla bocca, la lingua cade dalla cavità orale, la temperatura si abbassa. Si notano bradicardia, mancanza di respiro, pupille dilatate, sussulti convulsi dei muscoli di alcuni gruppi. Nei bovini, timpano. L'urina ha un odore sgradevole. In caso di avvelenamento grave, la morte si verifica per arresto respiratorio.

Trattamento. Innanzitutto, le sostanze che stimolano l'attività cardiaca e la respirazione sono prescritte introducendo una soluzione di sodio in benzoato di sodio, corazolo. Allo stesso tempo, lo stomaco (preventricoli) viene lavato con una soluzione di permanganato di potassio 1: 1000 o con una soluzione di tannino (0,2-0,5%), vengono introdotti all'interno tannino, preparati contenenti tannino, seguiti dalla nomina di lassativi. Si ottengono buoni risultati nutrendo gli animali con latte fresco. In futuro, viene prescritto un trattamento sintomatico.

Cambiamenti patologici. Nelle pecore si notano emorragie, muscoli cascanti del cuore e fegato nella sezione dell'argilla. La mucosa gastrointestinale è infiammata catarralmente, con emorragie multiple. Il contenuto della cicatrice abbonda di un gran numero di fiori e foglie della pianta. L'urina ha un forte odore specifico (N. Ya. Panchenko, V.N. Prokhorenko, 1964).

Nell'avvelenamento acuto, il quadro patoanatomico è insolito.

Prevenzione. Evitare di pascolare gli animali nei luoghi di crescita della cicuta, per attuare misure generali per combattere le piante velenose.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

IMPIANTI CHE FORGONO IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

  1. IMPIANTI CHE CAUSANO DANNI PRECEDENTI AL TRATTO GASTROINTESTINALE E CHE INTERVENGONO SIMULTANEAMENTE SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E SUI RENI (IMPIANTI CONTENENTI SAPONINA-GLICIDE)
    I glicosidi saponinici sono emolitici e irritanti per il tratto gastrointestinale. Per loro natura chimica, le saponine sono derivati ​​dei triterpeni, tuttavia tra loro si trovano anche composti steroidi. Nelle piante sono contenute in quantità trascurabili fino al 30-50% (A. D. Turova et al., 1965). Le piante contenenti saponine sono ampiamente distribuite nel mondo vegetale.
  2. . PIANTE CHE ECCITANO IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
    Belena nera - Hyoscuamus niger L. (Tabella I a). Appartiene alla famiglia della belladonna. Erba biennale alta 30-100 cm, con un odore sgradevole. La radice è ramificata, asta. Il gambo è eretto, densamente coperto di peli morbidi e appiccicosi. Le foglie sono grandi, alternate. I fiori sono di medie dimensioni, di colore giallo sporco, con venature viola scuro più o meno evidenti. Fiorisce in giugno - luglio, semi
  3. IMPIANTI CHE AGISCONO PREFERITO SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
    PIANTE CHE PREFERISCONO AGLI AGENTI SUL NERVOSO CENTRALE
  4. IMPIANTI CHE OPERANO IL NERVOSO CENTRALE E ALTRI SISTEMI
    Colchicum autumnale - Colchicum autumnale L. (Fig. 4). Pianta bulbosa perenne. I bulbi sono grandi, ricoperti di guaine marroni, da cui in autunno uno stelo fiorisce fino a 15 cm di altezza, i fiori sono grandi rosa o viola-rosa. Fiorisce in agosto e settembre senza formazione di foglie. Cresce nella parte occidentale e sud-occidentale della parte europea della Russia in prati umidi in pianura. Crescere in Russia
  5. SISTEMA NERVOSO CENTRALE O SISTEMA NERVOSO CENTRALE
    La parte centrale del sistema nervoso comprende il cervello e il midollo spinale con i loro gangli. Gangli spinali: corpi rotondi situati lungo il midollo spinale, a destra e a sinistra di esso. Giacciono con il midollo spinale all'interno del canale spinale. Il numero di gangli corrisponde al numero di segmenti. Istologicamente, i gangli sono costituiti da stroma e cellule nervose con i loro processi. al di fuori
  6. L'effetto del fosforo sul sistema nervoso
    Il problema del lontano effetto neurotossico dei composti organofosforici ha attirato l'attenzione di medici e ricercatori per circa 100 anni. I primi casi di neuropatia furono notati alla fine del 19 ° secolo in pazienti con tubercolosi che assumevano il fosfocreazot come medicina - una miscela di esteri dell'acido fosforico e fenoli dal catrame di carbone. Negli anni '30 si è stabilito che questi
  7. Bruciatori di grasso del sistema nervoso
    L'efedrina è ancora un bruciagrassi senza rivali. La sua azione si basa sul fatto che contribuisce all'accumulo di noradrenalina alle estremità delle cellule nervose, sia nel sistema nervoso centrale e periferico, sia nel sistema autonomo, che è molto importante per bruciare i grassi. L'efedrina è disponibile in compresse da 25 e 50 mg di efedrina cloridrato. L'efedrina stimola anche la lipolisi
  8. Bruciatori di grasso che calmano il sistema nervoso.
    Per cominciare, dovresti parlare in particolare della carnitina. La carnitina viene prodotta sotto forma di cloruro di carnitina (un isomero mancino, che a volte viene anche chiamato L-carnitina). Fondamentalmente, la carnitina è disponibile come soluzione al 20% in fiale per somministrazione orale con una capacità da 10 a 60 ml. Alcune aziende farmaceutiche producono carnitina in flaconi da 100 ml. Carnitina o vitamina W (chiamata anche vitamina
  9. SISTEMA NERVOSO CENTRALE
    Il sistema nervoso centrale (SNC) comprende il midollo spinale e il cervello, che sono composti da materia grigia e bianca. La materia grigia del midollo spinale e del cervello è un accumulo di cellule nervose insieme ai rami più vicini dei loro processi. La sostanza bianca sono le fibre nervose, i processi delle cellule nervose che hanno una guaina mielinica (conferisce alle fibre un colore bianco). Entrano le fibre nervose
  10. Tumori del sistema nervoso centrale.
    Nel 1999, negli Stati Uniti sono stati diagnosticati 16.800 nuovi casi di tumori intracranici e 13.100 pazienti con neoplasie del SNC sono morti. Secondo la Mayo Clinic (USA), dal 1950 al 1989, l'incidenza annuale dei tumori del SNC era del 19,1 per 100 mila persone. Inoltre, circa 100 mila pazienti con metastasi cerebrali muoiono ogni anno solo negli Stati Uniti. Un fattore eziologico ben consolidato
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com