Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

PIANTE, PICCOLE RELAZIONI IN TOSSICOLOGIA STUDIATE. PIANTE DI OLIO ESSENZIALI

Ci sono molte piante che contengono oli essenziali e hanno un odore specifico, spesso piacevole. Da un punto di vista tossicologico, molti di loro sono capiti male.

Le gemme sono edera - Glechoma hederacea L. Una pianta perenne lunga 70 cm con gambo strisciante. I fiori sono viola-bluastro. Il frutto è una noce.

Cresce nelle zone forestali e steppiche della parte europea della Russia, nel Caucaso, nella Siberia occidentale e orientale. Si trova tra gli arbusti, lungo i bordi della foresta, nei prati, vicino alle abitazioni, lungo le rive di fiumi e laghi.

Contiene odore sgradevole volatile, olio essenziale insufficientemente studiato. Nell'erba fresca è fino allo 0,03%, nell'erba secca - 0,06%. Esistono casi noti di avvelenamento di cavalli durante l'alimentazione di erba medica con contenuto di budra.

Tossicodinamica. La pianta ha un odore specifico e un sapore amaro, quindi, in condizioni normali, gli animali non la mangiano. Il budra può essere consumato con una mancanza di altri alimenti o mescolato con altre piante. Con una conservazione prolungata, le proprietà tossiche delle gemme sono significativamente indebolite.

Budra provoca insufficienza cardiaca acuta, che porta alla congestione (edema) in varie parti del corpo. L'edema polmonare del cavallo è associato non solo all'insufficienza cardiaca, ma anche a un effetto irritante sul tessuto polmonare dell'olio essenziale.

Clinica. L'avvelenamento nei cavalli procede con segni di danno al sistema respiratorio (edema polmonare). Si osservano aumento della salivazione, ansia, pupille dilatate, difficoltà a respiro sibilante, arrossamento delle mucose, deflusso dal naso, battito cardiaco martellante.
La temperatura corporea è elevata.

Trattamento. Con edema polmonare, vengono prescritti salassi, lassativi e farmaci cardiaci. In futuro, viene utilizzato il trattamento sintomatico.

Cambiamenti patologici. All'autopsia, gli animali trovano segni di iperemia acuta ed edema polmonare.

Vetsanekspertizy. La macellazione viene effettuata senza restrizioni. Gli organi modificati vengono eliminati.

Hogweed comune - Heraeleum spondylium L. Pianta perenne con solco, pubescente nella parte superiore del gambo.

Cresce nella parte europea della Russia nei prati, nelle regioni di montagna media e alta.

L'intera pianta, in particolare il frutto, ha un odore sgradevole. Contiene olio essenziale. La letteratura descrive l'avvelenamento dei bovini con il porcospino quando si mangia il foraggio verde.

Tossicodinamica. Hogweed ha un forte effetto irritante e quando applicato sulla pelle provoca ustioni. L'avvelenamento degli animali è possibile con tempo nuvoloso, quando l'olio essenziale volatilizza poco e si accumula nella pianta.

Clinica. Nei bovini, i primi segni di avvelenamento quando si mangia una pianta (steli, foglie, fiori, frutti) compaiono dopo 1 ora: salivazione e lacrimazione, debolezza (andatura instabile), dolore addominale, contrazioni convulsive dei muscoli della parte posteriore del corpo, indebolimento dell'attività cardiaca. La temperatura scende a 37 ° C.

Trattamento. Sono indicati la ruminotomia e la rimozione della cicatrice.

Vetsanekspertizy. La macellazione di animali malati viene effettuata senza restrizioni. Carne e frattaglie vengono utilizzate per preparare salsicce cotte e cibi in scatola.
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del libro di testo =

PIANTE, PICCOLE RELAZIONI IN TOSSICOLOGIA STUDIATE. PIANTE DI OLIO ESSENZIALI

  1. Avvelenamento da piante contenenti olii essenziali e sostanze catramose
    Gli oli essenziali sono composti organici complessi con un alto grado di volatilità e oleosità. Sono prodotti naturali del metabolismo delle piante e si accumulano in vari organi di quest'ultimo. Le sostanze resinose sono simili agli olii essenziali in termini di effetto sugli animali e in alcune proprietà fisico-chimiche. Alcune piante contenenti olii essenziali e
  2. PIANTE CHE CAUSANO LA PREVENZIONE DELLA RISPOSTA AL TRATTATO RESPIRATORIO E DIGESTIVO (PIANTE CONTENENTI TIOGLICOSIDI)
    I glicosidi sono chiamati composti organici simili all'etere che si scompongono rapidamente nella parte dei carboidrati (glicone) e una o più altre sostanze chiamate agliconi o genine (parte non zuccherina). Dopo l'assorbimento nel tratto gastrointestinale, si scompongono anche in glicone e aglicone. I glicosidi sono instabili e si disgregano rapidamente quando sono isolati dalle piante e durante
  3. PIANTE CHE CAUSANO UNA MALATTIA DEL CUORE PRECEDENTE (PIANTE CONTENENTI GLICOSOSI DEL CUORE)
    I glicosidi cardiaci si trovano in vari tipi di digitale, in adone, mughetto, obvoynik, ittero, harga e altre piante. I glicosidi di tutte queste piante hanno una struttura chimica comune e hanno fondamentalmente gli stessi effetti farmacologici e, a grandi dosi, effetti tossici sul cuore. Digitalis L. Il genere Digitalis comprende 34 specie di piante, 7 delle quali
  4. . PIANTE CHE CAUSANO I SINTOMI DEI DISTURBI DELLO SCAMBIO DI SALE. PIANTE CONTENENTI ACIDI ORGANICI E LORO SALI
    Acetosa (acetosa, acetosa di pecora) - Rumex acetosella L. (Fig. 30). Una pianta corta alta 10-20 cm, con diversi steli ramificati. I fiori sono piccoli, verdastri-rossastri. Cresce ovunque come un'erbaccia perenne, intasando campi, prati, steppe, trovati tra gli arbusti. Acetosa grande - Rumex acetosa L. Una pianta alta 30-60 cm Alla fine di un gambo solco dritto
  5. IMPIANTI CHE CAUSANO DANNI PRECEDENTI AL TRATTO GASTROINTESTINALE E CHE INTERVENGONO SIMULTANEAMENTE SUL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E SUI RENI (IMPIANTI CONTENENTI SAPONINA-GLICIDE)
    I glicosidi saponinici sono emolitici e irritanti per il tratto gastrointestinale. Per loro natura chimica, le saponine sono derivati ​​dei triterpeni, tuttavia tra loro si trovano anche composti steroidi. Sono contenuti in piante da quantità insignificanti fino al 30-50% (A. D. Turov et al., 1965). Le piante contenenti saponine sono ampiamente distribuite nel mondo vegetale.
  6. Avvelenamento con piante contenenti tioglicosidi
    Colza (colza), senape di campo (selvatica) o colza, stupro di bosco, streamer spraty (sofferenza di Sophie), aglio maturo, punta di campo selvatica, insetto trafitto. Inizi velenosi. La colza contiene glicosapina glicoside, la senape contiene sinigrina e sinalbina; i glicosidi non sono stati stabiliti nella maggior parte delle altre piante. L'eziologia. Tutte le piante contenenti tioglicosidi diventano tossiche
  7. Piante contenenti alcaloidi del gruppo atropina
    Avvelenamento con belladonna, sbiancato, droga Le piante contenenti alcaloidi del gruppo atropina includono: Datura ordinaria, belena nera, belladonna (belladonna). Inizi velenosi. Tutte le piante contengono alcaloidi: atropina, iosciamina, scopolamina. Si trovano in tutte le parti della pianta. Tutti gli alcaloidi sono molto persistenti. Non perdono tossicità nella massa verde durante l'essiccazione di piante, insilati e
  8. Avvelenamento con piante contenenti cyanglycosides
    Un numero relativamente piccolo di specie ha un interesse tossicologico pratico nella pratica della medicina veterinaria: trifoglio, mannifero, corteccia di fagiolo, bukharnik, ciliegia di uccello, carice, bluegrass, agnello cornuto, frutti di pietra (ciliegia, prugna, pesca, mandorla, ecc.), Lino, veccia, erba medica, miglio , sorgo, erba del Sudan, festuca, ryegrass, mais, ecc. I ciano o nitroglicosidi contenuti in tutte queste piante, con
  9. Avvelenamento da piante contenenti glicosidi cardiaci
    Le piante contenenti glicosidi cardiaci includono vari tipi di digitale: la digitale è a fiore grande, la digitale è rossa (viola). In varie parti della pianta, tutti i digitali contengono glicosidi digitossina e hitalin, che hanno un effetto cardiotonico specifico e un alto grado di cumulo. Maggio mughetto. Tutte le parti della pianta contengono vari glicosidi:
  10. Avvelenamento da piante contenenti glycoalkaloids
    Di grande interesse tossicologico è il glycoalkaloid - solanina, che si trova nelle patate e in vari tipi di belladonna. L'eziologia. Il più sensibile alla solanina è il bestiame. Le cause di avvelenamento sono spesso: l'alimentazione di top con bacche verdi, l'alimentazione di patate avariate dopo la cottura insieme a un decotto (durante la cottura, la solanina si dissolve in acqua e
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com