Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Calvizie sifilitica

La calvizie sifilitica (alopecia sifilitica) con sifilide secondaria è piccola focale e diffusa; è anche possibile una persistente perdita di capelli limitata nel sito delle cicatrici dopo la guarigione della sifilide pustolosa profonda ulcerata.

La piccola alopecia focale sifilitica (alopecia syphilitica areolaris) è un sintomo patognomonico della sifilide secondaria. È caratterizzato da un aspetto improvviso e rapidamente progressivo sulla parte pelosa della testa di piccoli focolai di perdita di capelli con un diametro di 1–1,5 cm. Le patch calve hanno una forma arrotondata in modo irregolare, sono disposte in modo casuale, non crescono in modo periferico e non si fondono l'una con l'altra. Non tutti i peli cadono nei centri della lesione, a seguito dei quali la pelle del cuoio capelluto diventa simile alla "pelliccia mangiata dalle tarme". Nei focolai di alopecia sono assenti arrossamenti, tosse e cicatrici della pelle. Le chiazze calve del locus sono lisate principalmente nelle aree temporoparietali e occipitali, meno spesso sono osservate nell'area di crescita della barba, dei baffi, del pube, a volte sulle sopracciglia e sulle ciglia. Con la perdita graduale e la successiva crescita dei peli sulle ciglia, queste hanno una quantità ineguale (ciglia a gradino, segno di Pincus).

L'alopecia sifilitica diffusa (alopecia syphilitica diffusa) è caratterizzata da un assottigliamento generale acuto dei capelli in assenza di alterazioni della pelle. La perdita dei capelli di solito inizia con le tempie e si diffonde in tutto il cuoio capelluto. La gravità dell'alopecia sifilitica è

vari: dalla perdita di capelli appena percettibile, leggermente superiore alle dimensioni del cambiamento fisiologico, pari a 100 capelli al giorno, per completare la calvizie. A volte i capelli cadono solo sul cuoio capelluto; in altri casi, l'alopecia nell'area di crescita della barba e dei baffi, delle sopracciglia, delle ciglia e meno spesso viene aggiunta a questo sintomo: tutti i capelli, compresi quelli soffici, cadono.

In alcuni pazienti, non si nota solo l'alopecia, ma i capelli stessi cambiano, che diventano sottili, asciutti, opachi, a volte anormalmente rigidi, simili a una parrucca.

Una piccola alopecia focale e diffusa può essere osservata contemporaneamente nello stesso paziente (alopecia syphilitica mixta).

L'alopecia sifilitica si verifica, di regola, durante il primo anno di malattia, più spesso durante la prima eruzione cutanea fresca, ma viene rilevata dopo 2-3 settimane dopo la comparsa di un'eruzione cutanea, che corrisponde al normale periodo di caduta dei capelli dopo la fine della loro crescita. L'alopecia sifilitica può esistere senza un trattamento specifico per 2-3 mesi, quindi la crescita dei capelli viene completamente ripristinata. Sotto l'influenza della terapia antisifilitica, dopo 10-15 giorni, la perdita di capelli si interrompe e dopo 6-8 settimane, la calvizie scompare.

La patogenesi dell'alopecia sifilitica non è la stessa.

La piccola alopecia focale si verifica a causa dell'effetto diretto dei treponemi pallidi sul follicolo pilifero e dello sviluppo di fenomeni infiammatori attorno ad esso che interrompono la nutrizione dei capelli. Questo punto di vista è confermato dai risultati di uno studio istologico che rivela uno specifico infiltrato attorno ai follicoli, costituito principalmente da linfociti e plasmacellule. Inoltre, si notano marcati cambiamenti distrofici nell'area del follicolo pilifero.

L'alopecia diffusa si verifica a seguito di intossicazione sifilitica o a causa di danni alla sifilide ai sistemi nervoso ed endocrino che regolano la funzione dei follicoli piliferi.

Diagnosi differenziale L'alopecia diffusa sintomatica può essere dovuta a varie cause. I capelli in questi casi cadono rapidamente o gradualmente. L'alopecia sifilitica clinicamente diffusa di solito non è diversa dalla perdita sintomatica di capelli di diversa eziologia; pertanto, in tutti i pazienti con alopecia diffusa a insorgenza improvvisa di eziologia poco chiara, si raccomanda di studiare le reazioni sierologiche del sangue alla sifilide. L'alopecia diffusa nei pazienti con malattie infettive acute (influenza, tifo, scarlattina, malaria, ecc.) Inizia in modo acuto, di solito durante la convalescenza. Nella caduta dei capelli sintomatica diffusa, si dovrebbe anche tenere presente le malattie delle ghiandole endocrine (ipofisi, tiroide, diabete mellito), gravidanza e contraccettivi orali; malattie epatiche croniche (epatite, cirrosi), alcune neoplasie maligne (matosi linfogranule), ecc.

La perdita dei capelli può essere osservata quando si ingeriscono anticoagulanti, farmaci cardiaci, citostici, psicofarmaci; farmaci che riducono la funzione tiroidea; in caso di avvelenamento con sostanze chimiche, ad esempio sali di tallio, ecc.
n.

La calvizie da incastramento (alopecia areata) è caratterizzata dall'improvvisa comparsa sul cuoio capelluto di una o più piccole forme rotonde di perdita di capelli. A causa della crescita periferica dei singoli cerotti calvi o della loro fusione tra loro, sorgono ampie aree di calvizie con un diametro fino a 5-10 cm, con bordi arrotondati o a grana grossa. La pelle sulle aree calve può inizialmente essere leggermente rosa e gonfia, ma acquisisce un aspetto normale.

La sua superficie è liscia, lucida. I peli lungo i bordi della zona calva durante il suo periodo di crescita vengono facilmente estratti. Quindi, la crescita dei fuochi della calvizie si interrompe e dopo diversi mesi, meno spesso, i capelli vengono completamente ripristinati. Oltre al cuoio capelluto, può verificarsi calvizie nidificante nell'area della crescita della barba, sul pube, sulle sopracciglia. A volte l'alopecia areata si trasforma in alopecia totale con la perdita non solo dei capelli lunghi, ma anche soffici. Nest e alopecia totale sono inclini a ricadute.

La tricofitosi superficiale e la microsporia del cuoio capelluto sono caratterizzate dalla formazione di diversi piccoli focolai arrotondati a causa del diradamento dei capelli. La pelle delle lesioni ha un colore rosa pallido ed è ricoperta da squame a forma di crusca bianco-grigiastro. I capelli colpiti si staccano a una distanza di 2-3 mm sopra il livello della pelle o nei punti di uscita dal follicolo. A poco a poco, molto lentamente, i fuochi del diradamento dei capelli aumentano con la crescita periferica e possono fondersi l'uno con l'altro.

La malattia di solito inizia durante l'infanzia e dura per molti anni. Con la microsporia, la parte pelosa della testa è colpita come nella tricofitosi, oppure tutti i capelli nei focolai della lesione si staccano ad un'altezza di 4-6 mm sopra il livello della pelle e sembrano tagliati corti. Spesso, i capelli colpiti sono avvolti in una copertura bianca di spore.

Il favus del cuoio capelluto è caratterizzato dall'infiammazione della pelle, dall'aspetto di formazioni secche simili a croste, di colore giallo brillante, con un centro affondato. Sui capelli colpiti, perdono la loro lucentezza, si sbiadiscono, diventano grigi e cadono senza staccarsi.

Dopo aver risolto il processo infiammatorio e la caduta dei capelli sulla testa, si formano atrofia cicatriziale della pelle e alopecia persistente.

La diagnosi di tricofitosi, microsporia e favus dovrebbe essere confermata dall'esame microscopico di capelli e scaglie di pelle e dal rilevamento di elementi fungini in essi.

Calvizie precoce (alopecia praematura). La malattia si osserva solo negli uomini di età inferiore ai 20 anni, molto spesso affetti da seborrea, complicata dalla forfora. La caduta dei capelli inizia con le aree frontali parietali e la corona. I capelli diventano più sottili, quindi scompaiono. La calvizie persistente si manifesta in 25-30 anni.

L'alopecia cicatriziale (pseudopelada di Broca) è caratterizzata dall'apparizione di sezioni di alopecia cicatriziale sul cuoio capelluto, che hanno una forma irregolare, a volte si fondono. Nella fase iniziale della malattia si possono osservare eritema e peeling periferici moderati; in futuro si nota solo l'atrofia cutanea senza segni di infiammazione. Per molto tempo, tuttavia, i singoli capelli possono rimanere nei focolai della lesione.

Focolai limitati o comuni di alopecia cicatriziale possono verificarsi a seguito di lesioni, ustioni, foruncolosi, forme profonde di dermatatomicosi.

Il lupus eritematoso discoide e disseminato sulla pelle e sul cuoio capelluto si manifesta con una triade di sintomi: eritema, ipercheratosi e atrofia cicatriziale. Le foche della lesione sulla testa sono generalmente significative e, inizialmente, la comparsa di macchie rosse leggermente infiltrate con ipercheratosi. Dopo aver risolto i punti, rimangono atrofia cicatriziale e calvizie persistente. I danni isolati al cuoio capelluto sono rari.

Lichen planus rosso (lichene a pelo piatto, Picardi - Little - Sindrome di Lassuer). Un quadro clinico dettagliato della malattia è caratterizzato da papule follicolari sulla pelle e alopecia in varie parti del corpo ricoperte di peli lunghi e soffici. Le difficoltà diagnostiche sorgono se i pazienti hanno alopecia cicatriziale solo sui capelli della parte eretta della testa. In questi casi, si dovrebbe prestare attenzione alla presenza di papule follicolari alla periferia dell'alopecia.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Calvizie sifilitica

  1. calvizie
    Blocco fisico La calvizie è la perdita di peli della testa o di altre parti del corpo, con conseguente formazione di sezioni arrotondate di pelle bianca liscia. I capelli intorno a queste aree rimangono spessi come al solito. Forse completa calvizie. Blocco emotivo Dal momento che sia gli animali che l'uomo, i capelli hanno una funzione protettiva, la caduta dei capelli in grandi quantità
  2. Calvizie
    ALOPETIA (calvizie, calvizie) - assenza o diradamento dei capelli (più spesso sulla testa). L'alopecia può essere totale (completa assenza di capelli), diffusa (forte assottigliamento dei capelli) e focale (assenza di capelli in aree limitate). Diverse varietà di alopecia si distinguono per origine e caratteristiche cliniche. L'alopecia congenita dovuta a difetti genetici si manifesta
  3. Calvizie (alopecia)
    Alopecia areata (alopecia) - perdita di capelli (capelli). L'alopecia può essere congenita e acquisita. L'alopecia congenita è divisa in universale (completa assenza di pelo dalla nascita), ipotermosi (alla nascita, il pelo si assottiglia, quindi cade) e tricocinesi (sindrome dei capelli attorcigliati), in cui solo i capelli secondari che si attorcigliano
  4. Alopecia (calvizie)
    L'alopecia è un evento molto comune nei gatti. Sono congeniti e acquisiti. Alopecia ereditaria congenita - alopecia universale delle sfingi e ipotricosi ereditaria (quantità anormalmente piccola di peli) in Siamese, razze messicane e Devon Rex. Le sfingi derivavano essenzialmente da animali con alopecia universale congenita, tuttavia hanno anche una leggera quantità nella loro pelle.
  5. Meningoencefalite sifilitica
    Patologia. Insieme all'ispessimento e all'opacizzazione delle membrane caratteristiche della meningite sifilitica, eruzione cutanea di noduli (piccole gengive) e comparsa di infiltrazioni linfocitiche e plasmacitiche, il processo infiammatorio si diffonde alla sostanza del cervello. Il processo infiammatorio penetra nel cervello lungo i vasi. Clinica. Il meningoencefalo sifilitico si sviluppa nei primi 3-5
  6. Rupia sifilitica
    La rupia sifilitica (rupia sifilitica) è considerata un tipo di ectema sifilitico in pazienti con sifilide particolarmente grave. Appare al 5-8 ° mese, meno spesso al 2 ° - 3 ° anno della malattia, è accompagnato da una grave condizione generale del paziente, può essere combinato con periostite sifilitica, irite, lesioni ulcerative della mucosa orale e altri. Rupia sifilitica
  7. Leucoderma sifilitico (pigmen. Syphilis)
    porta per 4-6 mesi. . È sim. secondo recid Si verifica sulla pelle del culo. e laterale nella parte superiore del collo (collana di Venere), m. prima. parete dell'ascella. trogoli nella parte superiore. parti del torace, sulla schiena, sull'addome, sugli arti, nella regione. parte bassa della schiena Nei focolai della sconfitta sullo sfondo della pelle iperpigmentata, viene rivelato un distretto biancastro. macchie da 0,5 a 1,5 cm in d. Il numero di punti è aumentato. Leucoderma è meglio visibile lateralmente
  8. Ectema sifilitico
    L'ectima sifilitico (ecthyma syphiliticum) è la manifestazione più grave della sifilide secondaria, osservata al 5-6 ° mese della malattia, a volte alla fine del primo, durante il secondo anno. Molto raramente osservato come una nuova eruzione cutanea della sifilide secondaria. Questa sifilide si osserva in pazienti con sifilide maligna e indica un decorso grave della malattia. Da altra sifilide
  9. Mono e polineurite sifilitica
    Patologia. Il danno ai nervi primari nella sifilide è raro e si manifesta con lo sviluppo di infiammazione o gomma proliferativa. Spesso c'è una transizione del processo infiammatorio dai tessuti adiacenti o la compressione del nervo da specifiche esostosi, gengive, aneurismi dei vasi, linfonodi colpiti sifiliticamente, cioè si sviluppa una neurite secondaria. Gomito, sciatico e
  10. Impetigine sifilitica
    L'impetigine sifilitica (impetigine sifilitica) inizia con l'apparizione di una papula leggermente in aumento sopra il livello della pelle, correttamente arrotondata, di 1-2 cm di diametro, color rame. Dopo 3-4 giorni, una pustola appare al centro della piscina circondata da una stretta corolla di denso infiltrato rosso. Dopo aver aperto la pustola, viene rilasciato un liquido giallo appiccicoso e sporco, che si attenua più o meno
  11. Meningite sifilitica
    Patologia. L'esame macroscopico rivela un ispessimento e annebbiamento delle conchiglie. In caso di meningite gumema, sono visibili tubercoli grigio-rossi delle dimensioni del grano di miglio, sparsi nella pia madre. I cambiamenti della conchiglia sono più pronunciati sulla superficie inferiore del cervello. Istologicamente, nelle membrane del cervello, si infiltrano costituiti da linfociti e
  12. Sifilide pigmentata (leucoderma sifilitico)
    Leucoderma sifilitico (leucoderma sifiliti cum) è una violazione della pigmentazione della pelle che si verifica nei pazienti con sifilide ricorrente secondaria il più delle volte nei primi 6 mesi dopo l'infezione, meno spesso in seguito. Il principale sintomo clinico è la comparsa di aree combinate di iper e depigmentazione della pelle. In primo luogo, i fuochi dell'iperpigmentazione diffusa della pelle compaiono in varie parti
  13. Endarterite sifilitica
    Patologia. Con la forma vascolare della neurosifilide, i vasi cerebrali (arterie e vene) soffrono principalmente, senza un pronunciato processo infiammatorio nelle meningi. In questo caso, ci sono fenomeni di endo e perivasculite, arterite gummia e flebite. La manifestazione più comune di lesione vascolare è l'eliminazione dell'endarterite. Con esso, proliferazione dell'endotelio, ispessimento dell'intima e
  14. Meningomielite sifilitica
    Patologia. Le meningi al centro dell'infiammazione sono ispessite e torbide. Istologicamente, viene determinata l'infiltrazione linfocitaria con una miscela di plasmociti. Gli infiltrati sono prevalentemente perivascolari. I cambiamenti infiammatori si estendono alla sostanza del midollo spinale. La materia grigia soffre di più. Insieme ai focolai infiammatori, si trovano focolai di rammollimento. Sul posto
  15. Meningoencefalomielite sifilitica
    Patologia. I cambiamenti infiammatori nelle membrane e nella sostanza del cervello sopra descritti influenzano simultaneamente le membrane e la sostanza dell'intero sistema nervoso centrale. Clinica. La malattia può essere acuta, post-Dostro o cronicamente. Insieme a sintomi meningei più o meno pronunciati, mono- ed emiplegia, danni ai nervi cranici, generalizzati e Jackson
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com