Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

L'uso di droghe nell'attuazione dell'assistenza generale al paziente

Il concetto di medicine e forme di dosaggio. Ci sono i seguenti concetti usati nella scienza medica: sostanza medicinale (medicinale), materia prima medicinale, medicinale e forma di dosaggio.

Le sostanze medicinali sono chiamate quelle che, entro determinate dosi, danno un effetto terapeutico.

Le materie prime medicinali sono sostanze naturali (piante, sali minerali, organi animali e altre materie prime) da cui sono prodotte sostanze medicinali. I prodotti di trasformazione delle materie prime medicinali in cui vengono rimosse il più possibile le impurità necessarie e viene lasciato il massimo delle sostanze attive sono chiamati droghe. Le medicine sono anche ampiamente sintetizzate, sotto forma di composti chimici complessi o semplici. Per facilità d'uso, ai farmaci vengono date varie condizioni, che sono chiamate forme di dosaggio.

Esistono forme di dosaggio solide, morbide e liquide. Le forme di dosaggio solide includono polveri, compresse, granuli, confetti.

Le polveri vengono utilizzate internamente, esternamente e per la preparazione di soluzioni. In base al grado di macinazione, vengono suddivisi in quelli più piccoli, che vengono utilizzati per polveri su ferite e membrane mucose, quelli piccoli vengono spesso utilizzati internamente e quelli grandi, che successivamente si dissolvono. Le polveri sono semplici (costituite da una sostanza) e complesse (di più sostanze), suddivise in dosi e non divise.

Capsule o bustine sono gusci per sigillare polveri utilizzate internamente. Tale imballaggio è necessario per polveri con effetti irritanti, nonché polveri igroscopiche, volatili e dall'odore sgradevole. Le capsule sono fatte di gelatina o amido.

Le compresse sono polveri compresse. Questo modulo è portatile, conveniente per ricevere, dosato con precisione, mascherando il sapore sgradevole della polvere, conservato per lungo tempo, più economico. Ci sono compresse semplici e complesse, in conchiglie e senza di esse. Sono destinati all'applicazione interna, esterna, ad iniezione (dopo dissoluzione in un solvente appropriato), nonché all'impianto.

I granuli differiscono dalle compresse di dimensioni più piccole, non hanno gusci e vengono utilizzati internamente.

I confetti si ottengono stratificando farmaci ed eccipienti su granuli. Per proteggere il farmaco dall'azione del succo gastrico, i confetti sono ricoperti da una membrana che si dissolve nell'intestino tenue. Confetti, capsule, compresse nel guscio sono presi invariati.

Le forme di dosaggio lievi includono pomate, linimenti, paste, cerotti, supposte (supposte).

L'unguento è una forma di dosaggio viscosa utilizzata esternamente. È costituito da una base e una sostanza medicinale uniformemente distribuite al suo interno. Come base per unguenti, vengono utilizzati grassi animali, vaselina, lanolina, naftalano, polietilenglicole, silicone, ecc. Gli unguenti preparati sulla base di polimeri hanno una durata di conservazione più lunga.

Il linimento è un unguento liquido che ha la consistenza di una massa liquida densa o gelatinosa. Le basi dell'unguento per linimento sono oli vegetali, grasso di merluzzo, glicerina, ecc. È destinato allo sfregamento o allo sfregamento sulla pelle.

La pasta ha una consistenza densa, che si ottiene introducendo una quantità significativa di sostanze in polvere nella sua composizione. Dura più a lungo sulla superficie interessata, ha proprietà di assorbimento e asciugatura.

Le candele sono composte dal principio attivo e dalla massa formante. Per decorare le candele, vengono utilizzate sostanze che hanno una consistenza solida a temperatura ambiente e si sciolgono a temperatura corporea (butirolo, burro di cacao, ecc.). Ci sono candele per l'inserimento nel retto e nella vagina.

I cerotti sono una massa di plastica applicata su un supporto piatto che può ammorbidirsi a temperatura corporea e aderire alla pelle. I cerotti vengono utilizzati per riparare le medicazioni, avvicinare i bordi della ferita, per l'azione locale del farmaco sulla pelle, ecc.

Le forme di dosaggio liquide includono soluzioni, infusi, decotti, tinture, estratti liquidi, pozioni.

Una soluzione è una forma di dosaggio trasparente costituita da sostanze medicinali completamente disciolte in un solvente. I solventi includono acqua distillata, alcool etilico, olio, una soluzione isotonica di cloruro di sodio, glicerina e altri liquidi. Le soluzioni sono destinate all'uso interno, a iniezione ed esterno. Le soluzioni per uso interno sono dosate con cucchiai e soluzioni di sostanze tossiche e potenti - con gocce. Le soluzioni per uso esterno sono gocce oculari, auricolari, nasali e dentali, risciacqui, lozioni e lavaggi. Le soluzioni iniettabili sono preparate sterili e rilasciate in fiale o in flaconcini. L'ampolla è una nave di vetro sigillata. Quando la fiala viene aperta, i contenuti perdono la loro sterilità, quindi le soluzioni di iniezione ampollate sono monouso. Per l'iniezione sotto la pelle, le fiale hanno una capacità di 1 e 2 ml, nel muscolo - 3 e 5 ml, nella vena - 5, 10 e 20 ml. Le bottiglie contenenti soluzioni iniettabili sono preparate dalla fabbrica o in farmacia e recano la scritta "Sterile".

Le infusioni e i decotti sono estratti acquosi di materiali vegetali destinati ad uso interno ed esterno. Per preparare l'infuso, vengono utilizzate parti essiccate, per lo più sciolte di piante (foglie e fiori). Vengono schiacciati, riempiti con acqua e insistono per un bagno di acqua bollente per 15 minuti, quindi raffreddati per almeno 45 minuti e filtrati. I decotti sono preparati da parti più dense delle piante: corteccia, radici o rizomi.
A differenza dell'infusione, i decotti vengono mantenuti in un bagno di acqua bollente per 30 minuti, raffreddati per 10 minuti e filtrati (in forma calda).

La tintura è un estratto di acqua-alcool o alcool-etere da materiali vegetali. Per preparare la tintura, la materia prima frantumata viene versata con alcool o vodka al 70% in un rapporto di 1: 5 e insistita in un luogo buio a temperatura ambiente per 7 giorni. L'estratto liquido è un estratto concentrato di materiali vegetali. Queste forme di dosaggio sono dosate in gocce, rack di stoccaggio (possono essere conservate per anni).

Una pozione è una miscela di diverse sostanze medicinali, disciolte o sospese in acqua, destinate all'uso orale. La medicina è dispensata con cucchiai.

Vie di somministrazione di droghe. Le vie di somministrazione dei farmaci possono essere divise in due gruppi: enterico, cioè attraverso il tratto gastrointestinale (attraverso la bocca, sotto la lingua, attraverso il retto) e parenterale, cioè bypassando il tratto gastrointestinale (mediante iniezione, inalazione , applicazioni sulla pelle e sulle mucose).

Il modo più semplice e conveniente per un paziente di usare un medicinale è somministrarlo per via orale. L'effetto non è immediatamente evidente, ma dopo 15-40 minuti, poiché l'assorbimento nell'intestino avviene gradualmente. Lo stato della membrana mucosa del tratto digestivo (specialmente nell'infanzia e nella senilità), nonché la composizione e la qualità del cibo (alcuni ingredienti alimentari possono legare il farmaco e interferire con il suo assorbimento) influenzano il tasso di assorbimento. Mangiare in sé peggiora l'assorbimento dei farmaci dal tratto digestivo, e quindi molti farmaci sono prescritti 30 minuti prima dei pasti. I medicinali che irritano la mucosa gastrica devono essere somministrati immediatamente prima dei pasti o durante i pasti o immediatamente dopo i pasti, sebbene il loro assorbimento ed efficacia siano ridotti. All'inizio del pasto, l'assunzione di medicinali che favoriscono il processo di digestione (amarezza, preparati enzimatici, succo gastrico naturale) è temporizzata.

Alcuni farmaci (validolo, nitroglicerina, ormoni sessuali) sono prescritti sotto la lingua. Un ricco apporto di sangue alla mucosa orale assicura il loro rapido (dopo 7-10 minuti) e il completo assorbimento. Anche un medicinale iniettato attraverso il retto inizia rapidamente a produrre effetti. Questa via di somministrazione può essere utilizzata per la nausea e il vomito in un paziente. Le medicine assorbite attraverso la mucosa della cavità orale e del retto entrano nel grande cerchio della circolazione sanguigna, bypassando l'effetto inattivante dei succhi digestivi e del fegato.

Il nome della via di iniezione deriva dalla parola latina injectio - injection. Le iniezioni possono essere fatte nei tessuti (pelle, tessuto sottocutaneo, muscoli, ossa), nei vasi (vene, arterie, vasi linfatici), nella cavità (addominale, pleurica, cardiaca, articolare), nello spazio subaracnoideo (sotto le meningi). Le iniezioni sono indispensabili per fornire cure di emergenza, con vomito, difficoltà a deglutire, riluttanza del paziente a prendere la medicina o il suo stato di incoscienza. I vantaggi dell'iniezione di farmaci comprendono la velocità di insorgenza dell'effetto terapeutico, l'assenza di sistemi enzimatici inattivanti sul percorso di assorbimento e la capacità di regolare il contenuto del farmaco nel flusso sanguigno. Tuttavia, questo metodo di somministrazione presenta gravi inconvenienti: la presenza di un fattore traumatico (dolore), la possibilità di infezione del corpo, danni al sistema neuromuscolare. La rapida somministrazione del farmaco può portare a un aumento significativo della concentrazione del farmaco, contribuendo allo sviluppo dell'intossicazione.

Negli ultimi decenni, il metodo di inalazione per somministrare i farmaci è diventato molto diffuso, in cui vengono effettuati effetti sia locali che generali del farmaco, e l'effetto di assorbimento è stato stabilito per la mucosa nasale. Tuttavia, con questo metodo di somministrazione, è necessario tenere conto del pericolo di un effetto irritante diretto del farmaco sulle mucose del tratto respiratorio, nonché di perdite significative della sostanza farmacologica.

L'uso esterno di farmaci è progettato principalmente per la loro azione locale e riflessa, sebbene in alcuni casi (ad esempio con danni alla pelle), il farmaco possa essere assorbito nel sangue. Le vie di somministrazione esterne comprendono impacchi, lozioni, polveri, lubrificazioni, sfregamenti, medicazioni bagnate sulla superficie della ferita, nonché instillazione di gocce sulle mucose dell'occhio, del naso, dell'orecchio, ecc.

Una volta nel corpo, il farmaco subisce numerose trasformazioni, a seguito delle quali l'effetto della sostanza viene spesso indebolito.

La sospensione dei farmaci (in forma alterata o invariata) può essere effettuata in vari modi (reni, tratto gastrointestinale, polmoni, ghiandole sudoripare). La maggior parte dei farmaci e dei prodotti delle loro trasformazioni vengono escreti dai reni, pertanto, con le malattie di questo organo, i farmaci possono essere ritardati e il loro effetto aumenta e si allunga. Un certo numero di sostanze medicinali che sono scarsamente assorbite nel tratto gastrointestinale (alcuni sulfamidici e antibiotici) sono trattenute a lungo nelle sue sezioni inferiori e sono principalmente utilizzate per influenzare la microflora intestinale. Le sostanze gassose e volatili vengono rilasciate attraverso il tratto respiratorio. Sali di iodio, bromo, metalli pesanti vengono rimossi attraverso la pelle e soprattutto attraverso le ghiandole sudoripare. Durante l'allattamento (allattamento al seno), molte sostanze medicinali somministrate a una madre che allatta vengono escrete nel latte.
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del libro di testo =

L'uso di droghe nell'attuazione dell'assistenza generale al paziente

  1. Caratteristiche degli elementi di cura generale del paziente
    A seconda della gravità della malattia e delle condizioni del paziente, l'assistenza generale può essere suddivisa in cure per i pazienti polmonari, gravi, incurabili, costretti a letto e anziani. L'assistenza generale per pazienti gravi, incurabili, costretti a letto e anziani è piuttosto complicata, ha le sue caratteristiche specifiche e non è considerata in questo corso. Cure generali per polmoni di pazienti e pazienti moderati
  2. CONCETTO DI MALATTIA. FONDAMENTI DI CURA GENERALE PER I PAZIENTI
    CONCETTO DI MALATTIA. BASI DI CURA GENERALE PER
  3. CONTROLLO DI SICUREZZA DEI MEDICINALI CARDIOVASCOLARI DURANTE L'UTILIZZO
    La sicurezza dei medicinali è sempre stata, è e sarà nella sfera di interesse pubblico, poiché tocca una vasta gamma di questioni relative alla vita umana e all'esistenza della società. All'inizio degli anni '80 del XX secolo. L'OMS ha formulato i requisiti di base per un farmaco moderno (Viktorov A.P. et al. (Ed.), 2007) - efficacia,
  4. COMPETENZE PRATICHE DI APPLICAZIONE DEI MEDICINALI E PRIMO SOCCORSO DI PRIMO SOCCORSO IN CONDIZIONI DI EMERGENZA E TERMINALI
    COMPETENZE PRATICHE DI APPLICAZIONE DEI MEDICINALI E PRIMO SOCCORSO PER IL PRIMO SOCCORSO IN EMERGENZA E TERMINALE
  5. Metodi e mezzi di cura del paziente
    Banche. L'attrezzatura necessaria è costituita da vasetti medici da 10-20 pezzi, una bacchetta di metallo lunga 20-25 cm, cotone idrofilo, alcool etilico e vaselina. La pelle al posto dei vasetti (parte posteriore, superfici laterali del torace e superficie del seno anteriore destro) (Fig. 33) è lubrificata con vaselina La lana viene avvolta sull'asta, lo stoppino risultante viene inumidito con alcool, spremuto e dato alle fiamme. Il barattolo viene mantenuto nel corpo del paziente con la sinistra
  6. CARATTERISTICHE DELL'APPLICAZIONE DEI MEDICINALI NELL'ETÀ ANZIANA E SENILE
    I principi generali della prescrizione di medicinali per gli anziani non differiscono da quelli per le altre fasce di età, tuttavia, di solito è necessario l'uso del farmaco a dosi più basse (Bezrukov V., L. Kuprash, 2005). Nei pazienti di questa categoria di età, le reazioni avverse durante la farmacoterapia si sviluppano in generale più spesso rispetto ad altre fasce di età (tabella 4.1). Ultima connessione
  7. USO DEI MEDICINALI
    APPLICAZIONE DI MEDICINALI
  8. LE ISTRUZIONI PER L'USO DEI MEDICINALI COMPRESI NEL PRIMO SOCCORSO IL KIT DI PRIMO SOCCORSO PER LE NAVI NON HANNO IL PERSONALE MEDICO
    Farmaci analgesici e antipiretici 1. Fiale tramali in 2 ml. È usato per il dolore intenso: viene somministrato per via intramuscolare o sottocutanea 3-4 volte al giorno. 2. Compresse Analgin da 0,5 g; fiale da 2 ml di una soluzione al 50%. È usato come analgesico e antipiretico per dolori muscolari, articolari, mal di testa e condizioni febbrili. Prendi per via orale 1-2 compresse. 2-3 volte
  9. Prevenzione della morte cardiaca improvvisa in pazienti con insufficienza cardiaca e uso di farmaci antiaritmici
    La prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa è un complesso di misure farmacoterapeutiche e di altro tipo volte a prevenire la morte cardiaca improvvisa in pazienti con un aumentato rischio di insorgenza, ma che non ha una storia di misure di rianimazione per fibrillazione / flutter ventricolare o tachicardia ventricolare persistente emodinamicamente inefficace. Di importanza
  10. Dosaggio di droghe Farmacocinetica e farmacodinamica dei farmaci
    La forma di rilascio di una sostanza medicinale determina in gran parte la sua via di somministrazione nel corpo. Dopo che il farmaco è entrato nel corpo, due processi iniziano simultaneamente: • Il cambiamento della concentrazione del farmaco nel tempo. Questi processi sono descritti quantitativamente dalla farmacocinetica. • Interazione di una sostanza farmacologica con bersagli molecolari di azione in organi e tessuti
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com