Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

MALATTIE INFIAMMATORIE DEI SINAS NANOLAIN

Le malattie infiammatorie dei seni paranasali (sinusite) sono tra le malattie più comuni del tratto respiratorio superiore. Secondo la letteratura, i pazienti con sinusite rappresentano circa 1/3 del numero totale di ospedali ospedalizzati in otorinolaringoiatria (Kozlov M.Ya., 1985; Soldatov IB, 1990; Piskunov GZ et al., 1992; Aref'eva N.A. , 1994). I focolai di infiammazione nei seni paranasali possono essere una fonte di sensibilizzazione infettiva delle vie respiratorie e dei polmoni sottostanti, oltre a causare gravi complicazioni orbitali e intracraniche.

La maggior parte degli autori sulla frequenza di coinvolgimento nel processo infiammatorio mette in primo luogo il seno mascellare (sinusite mascellare), quindi il labirinto etmoidale (etmoidite), frontale (sinusite frontale) e sfenoidite (sfenoidite). Tuttavia, questa disposizione non può essere considerata del tutto impeccabile. Nel processo infiammatorio, non uno, ma diversi seni (polisinite) sono spesso coinvolti. In questo caso, in caso di danno ai seni parziali di un lato, parlano di emisinite e in caso di danno a tutti i seni - sulla pansinite.

Spesso il seno è suscettibile al processo infiammatorio. I clinici conoscono l'espressione: "l'infiammazione ama i seni".

Nei bambini, tenendo conto dello sviluppo dei seni correlato all'età, fino a 3 anni, prevale l'infiammazione del labirinto etmoide (fino all'80 - 90%), e dai 3 ai 7 anni, predominano le lesioni combinate del labirinto etmoide e dei seni mascellari (Soldatov IB, 1990).

Nell'eziologia della sinusite sia acuta che cronica, la penetrazione dell'infezione nei seni paranasali è di primaria importanza. La via più comune è attraverso le anastomosi naturali che comunicano con il seno alla cavità nasale. Nelle malattie infettive acute (tifo, difterite, scarlattina, morbillo), l'infezione del seno è possibile attraverso la via ematogena. Nell'eziologia della sinusite mascellare, anche i focolai purulenti del sistema dento-mascellare, in particolare i molari grandi e piccoli adiacenti alla parete inferiore del seno, svolgono un ruolo. La causa più comune della sinusite mascellare odontogena sono i corpi estranei che entrano nel seno dalla cavità orale: materiale di riempimento, frammenti di strumenti dentali rotti, radici dentali guaste e tumuli. Anche i granulomi alla radice del dente, gli ascessi subperiostali, la malattia parodontale possono portare alla comparsa di sinusite mascellare odontogena (Ovchinnikov Yu.M., 1995). È possibile che l'infezione venga introdotta quando i seni vengono feriti con una pistola o altra arma.

La causa più comune di sinusite acuta è respiratoria acuta, incluso malattie virali. Importante importanza, insieme ai virus dell'influenza e della parainfluenza, è data ai rinovirus e adenovirus, nonché a stafilococchi, streptococchi, pneumococchi, bacilli gram-negativi e gram-positivi. In alcuni casi, le colture dai seni nasali nella sinusite acuta risultano sterili, il che si spiega con la presenza di flora virale e anaerobica, rilevata solo con metodi di ricerca speciali.

La monoflora è caratteristica delle sinuiti acute e la poliflora è cronica.

Nella sinusite cronica, insieme alla flora coccale, si trovano Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli e vari ceppi del protea volgare.

Significativamente più spesso che nella sinuite acuta, specialmente nelle ricerche mirate, si trova la flora anaerobica (Lushnikova T.A., 1992, Dainyak LB, 1994). Negli ultimi anni, l'infezione fungina dei seni paranasali è diventata rilevante.
Non essendo il principale fattore eziologico nello sviluppo della sinusite, la flora fungina dovuta alla disbiosi causata dalla terapia antibiotica irrazionale può essere il fattore dominante o addirittura l'unico a supporto del persistente processo infiammatorio cronico nei seni. Può essere la causa di un ulteriore pericoloso sviluppo della malattia sotto forma di micosi profonda (Stammberger H., 1982; Dainiak LB, 1994). I funghi più comunemente seminati del genere Aspergillus, Penicillum e Candida (Kunelskaya V.Ya., 1989). Nella patogenesi della sinusite acuta e soprattutto cronica, la ventilazione compromessa (aerazione) dei seni paranasali causata da difetti anatomici della cavità nasale (pronunciata curvatura del setto nasale, ipertrofia del concha nasale medio, presenza di bulla etmoidalis anormale), nonché la ristrettezza congenita del naso (leptorina).

Quando l'anastomosi del seno viene chiusa dalla mucosa edematosa, il contenuto di ossigeno nel seno diminuirà e il contenuto di anidride carbonica aumenterà. Il contenuto di ossigeno è particolarmente ridotto se si produce pus nel seno (Drettner B., 1984). In presenza di pus, il contenuto di ossigeno nel seno si avvicina allo zero, il contenuto di anidride carbonica aumenta in modo significativo e il pH diminuisce - (Carentfeld C., Lundberg S., 1977). L'ossigeno viene assorbito non solo dalla mucosa, ma anche da batteri e leucociti (Drettner B., 1984). Tutto ciò contribuisce allo sviluppo di infezioni anaerobiche nella sinusite cronica.

Un ruolo significativo nello sviluppo della sinusite acuta e cronica è svolto dai processi allergici (allergie auto e batteriche), nonché da un determinismo noto associato a carenza immunologica congenita o acquisita. Attualmente, è stato stabilito che uno dei motivi principali per lo sviluppo di malattie infiammatorie ricorrenti del tratto respiratorio superiore, tra cui seni paranasali, è una carenza di immunoglobuline, in particolare Ig di secrezione. L'espressione clinica di carenza di Ig A nella mucosa del tratto respiratorio superiore si manifesta sotto forma di rinite cronica, polisinite, tonsillite cronica, adenoidite, ecc. (Gerber V.X., 1989; Komarets S.A., 1992; Grebenshchikova L.A., 1994; Lantsov A.A. et al., 1996).

Di grande importanza nello sviluppo della sinusite acuta e cronica è una violazione della normale funzione dell'epitelio ciliato e delle ghiandole mucose (apparato mucociliare della mucosa) causata da fattori ambientali avversi: aria fredda, inquinamento atmosferico da gas industriali dannosi. Di conseguenza, si verifica oppressione o cessazione della palpazione ciliare, che porta a un ritardo dell'insorgenza infettiva nella cavità nasale e dei seni paranasali e alla sua successiva penetrazione attraverso le membrane della mucosa (Ostakovich V.E., 1982, Pankova VB, 1987, Piskunov G. 3 e Piskunov S.3., 1988, Pluzhnikov M.S. e Lavrenova G.V., 1990). Una significativa riduzione dell'attività funzionale dell'epitelio ciliato della mucosa nella regione del concha nasale medio e inferiore è stata stabilita nell'etmoidite acuta e cronica e nella sinusite mascellare (Bondaruk V.V., 1996).

Lo sviluppo di sinusite acuta e soprattutto cronica è promosso da malattie croniche, tra cui il diabete.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

MALATTIE INFIAMMATORIE DEI SINAS NANOLAIN

  1. Malattie dei seni paranasali
    Le malattie infiammatorie dei seni paranasali rappresentano il 25-30% della patologia stazionaria degli organi LOP. Molto spesso, l'infiammazione si verifica nel seno mascellare (mascellare) (sinusite). Ciò è dovuto al fatto che l'evacuazione del contenuto dal seno è difficile a causa della posizione dell'anastomosi con la cavità nasale nel terzo superiore della sua parete mediale, nonché del fatto che l'infiammazione delle radici dei quattro posteriori
  2. Chirurgia per malattie del naso e dei seni paranasali
    Le operazioni più comuni per le malattie del naso e dei seni paranasali includono polipectomia, interventi endoscopici nei seni paranasali, apertura del seno mascellare (operazione Caldwell-Luc), rinoplastica, settoplastica. Periodo preoperatorio I pazienti hanno spesso marcati disturbi respiratori nasali dovuti a polipi, curvatura nasale
  3. MALATTIE DEL NASO E SENI SUCCESSIVI, GOLE, Laringe e Orecchio
    Il tratto respiratorio superiore (naso, seni paranasali, faringe e laringe) svolgono le più importanti funzioni di supporto vitale, una descrizione dettagliata delle quali è riportata nella parte I. La parte successiva è dedicata alle malattie di questi organi. Sulla base del significato funzionale nella clinica di ciascuno degli organi - riflessi, umorali e altre connessioni di questi organi con il corpo nel suo insieme, possiamo concludere
  4. MALATTIE DEL NASO E DELLA NANOSI DEL SENO
    MALATTIE DEL NASO E DELLA PROSSIMA LINEA
  5. Malattie allergiche dei seni paranasali (sinusite allergica)
    Le malattie allergiche acute e croniche dei seni paranasali rappresentano una categoria speciale di condizioni patologiche della mucosa del tratto respiratorio superiore derivanti da una maggiore sensibilità del corpo del paziente a una proteina estranea (antigene o allergene) e da disturbi neurogenici ed endocrini. Nella patologia della malattia appartiene un ruolo importante
  6. TUMORI DEL NASO E SINAS NANOPINASI
    Nella cavità nasale e nei seni paranasali, come in altri organi ENT, ci sono neoplasie benigne e maligne, molto diverse nella struttura morfologica e nella manifestazione clinica. Spesso è impossibile tracciare un confine distinto con molti tumori benigni e maligni. Le classificazioni moderne dei tumori, inclusi naso e seni paranasali, sono voluminose e
  7. Anatomia dei seni paranasali
    I seni paranasali, sinus paranasalis, si trovano nelle ossa del cranio facciale e cerebrale e comunicano con la cavità nasale. Si formano a seguito della crescita della mucosa del passaggio nasale medio nel tessuto osseo spugnoso. In fig. 2.1.4 presenta un diagramma dello sviluppo dei seni paranasali nell'aspetto dell'età. I seni filogeneticamente paranasali sono derivati ​​del labirinto etmoide
  8. Lesioni ai seni paranasali
    Negli adulti e nei bambini, i seni frontali sono spesso danneggiati, quindi i seni mascellari, il labirinto etmoidale e molto raramente il seno sfenoidale. Di solito, un trauma a un seno è combinato con un danno ad altre parti dello scheletro facciale, della cavità cranica e degli occhi. Una ferita da arma da fuoco meccanica o al seno frontale è spesso accompagnata da danni al lobo anteriore del cervello, labirinto etmoide, setaccio
  9. La struttura dei seni paranasali
    I seni paranasali si trovano intorno alla cavità nasale e comunicano con essa (Fig. 3). Solo quattro coppie di vie aeree: seni, cellule labirintiche mascellari, frontale e sfenoide. Esistono seni anteriori (mascella superiore, frontale, anteriore e centrale dell'osso etmoide) e posteriori (cellule sfenoidali e posteriori dell'osso etmoide). Tale unità è conveniente perché patologia
  10. Anatomia clinica dei seni paranasali
    I seni paranasali si trovano intorno alla cavità nasale e comunicano con essa (Fig. 1.8). Solo quattro coppie di vie aeree: seni, cellule labirintiche mascellari, frontale e sfenoide. Esistono seni anteriori (mascella superiore, frontale, anteriore e centrale dell'osso etmoide) e posteriori (cellule sfenoidali e posteriori dell'osso etmoide). Tale unità è conveniente perché patologia
  11. NEXT SINUS (SINUSES) HORSES
    I seni paranasali sono ulteriori estensioni della cavità nasale. Non danno alcun contributo diretto al senso dell'olfatto o della respirazione: due funzioni assegnate alla cavità nasale. La forma generale del cranio è determinata in larga misura da mascelle e muscoli allungati e approfonditi ad essi associati. Ciò significa che è richiesto un “supporto” per supportare le mascelle allungate e l'osso tra i supporti e
  12. Caratteristiche anatomiche e topografiche dei seni paranasali
    Esistono quattro coppie di ariosi seni paranasali: mascellare, cellule labirintiche etmoidali, frontale e sfenoide. Esistono seni anteriori (mascella superiore, frontale, anteriore e centrale dell'osso etmoide) e posteriori (cellule sfenoidali e posteriori dell'osso etmoide). La comunicazione con la cavità nasale dei seni anteriori avviene attraverso il passaggio nasale medio e la parte posteriore attraverso la parte superiore. Malattie della schiena
  13. Tumori maligni del naso e seni paranasali
    Le malattie maligne di questa localizzazione - il cancro e l'isarcoma, di regola, sono primarie. Sono relativamente rari, più spesso negli uomini di mezza età e anziani. Molto spesso, il processo maligno primario colpisce i seni mascellari, poi etmoidi, frontali e sfenoidali. Raramente, il setto nasale è la fonte del tumore maligno. malignità
  14. Fisiologia clinica del naso e dei seni paranasali
    Distingue tra tratto respiratorio superiore e inferiore. Il naso e i seni paranasali, la faringe con la cavità orale e la laringe appartengono al tratto respiratorio superiore, alla trachea, ai bronchi con bronchioli degli alveoli - verso il basso. Normale per una persona che sta respirando attraverso il naso. Il naso svolge, oltre alle funzioni respiratorie, protettive, risonanti ed olfattive, e partecipa anche alla regolazione della profondità della respirazione e della lacrimazione,
  15. METODI PER LO STUDIO DEL NASO E DELLA NANOSASSI
    Lo studio del naso e dei seni paranasali, dopo aver identificato gli aghi e chiarito l'anamnesi, inizia con un esame esterno e una palpazione. All'esame, prestare attenzione alle condizioni della pelle e dei tessuti molli, all'assenza o presenza di difetti, alla simmetria di entrambe le metà del viso, nonché alla forma del naso esterno. La palpazione dovrebbe essere eseguita con cura. Con movimenti delle mani morbidi, la presenza o
  16. FISIOLOGIA CLINICA DEL NASO E NANOSASSI
    Il naso e i suoi seni paranasali, essendo la parte superiore del tratto respiratorio, svolgono un ruolo importante nell'interazione del corpo con l'ambiente, mentre svolgono una serie di funzioni fisiologiche correlate. Si distinguono le seguenti funzioni nasali: 1) respiratoria, 2) protettiva, 3) risonatore (linguaggio) e 4) olfattivo. Inoltre, il naso, come elemento importante nella formazione di un singolo ensemble del viso, è dotato di e
  17. Metodi di ricerca per naso e seni paranasali
    Producono un naso nasale esterno, luoghi di proiezione dei seni paranasali del naso sul viso. Toppa del naso esterno: gli indici di entrambe le mani si trovano lungo la parte posteriore del naso, con leggeri movimenti massaggianti avvertono le aree della radice, delle pendenze, della schiena e della punta del naso. Palpare le pareti anteriore e inferiore dei seni frontali, scoprendo le sensazioni del paziente. Pollici di entrambe le mani
  18. Metodi microendoscopici di intervento chirurgico nella cavità nasale e nei seni paranasali
    Esistono diverse opzioni per le microoperazioni endoscopiche endonasali, tuttavia tutte le tecniche possono essere combinate in due varietà principali: questi sono i metodi classici secondo Messerklinger e Wiegand, sono progettati per ripristinare i percorsi di ventilazione e drenaggio naturali, con i più piccoli cambiamenti nelle strutture anatomiche e la massima delicatezza della mucosa. Più ampiamente
  19. Mal di testa a causa dell'infiammazione dei seni paranasali
    Clinica. I mal di testa sono noti sia nei processi acuti che cronici nei seni paranasali. La frequenza del mal di testa e la variazione della loro intensità da 12 a 17 ore sono tipiche. L'intensificazione del mal di testa a metà giornata è dovuta alla difficoltà nel deflusso di pus dai seni a causa di un cambiamento nella posizione del corpo da orizzontale a verticale. Ciò aumenta l'irritazione dei sensibili
  20. Corpi estranei al naso e seni paranasali
    Molto spesso, si trovano corpi estranei nei bambini che hanno l'abitudine di mettere vari oggetti (perline, bottoni, pietre, monete, semi di bacche, semi e altri piccoli oggetti) nel naso di se stessi o dei loro coetanei creduloni. Negli adulti, corpi estranei entrano nel naso in circostanze casuali (ad esempio, durante il sonno nel fienile, un pezzo di paglia può essere attirato nel naso durante la respirazione). più
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com