Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Lesione tracheale

Il danno alla trachea toracica appartiene alla competenza dei chirurghi toracici, mentre il danno alla trachea cervicale rientra nell'ambito di interesse sia dei chirurghi che dei laringologi.

A seconda che la trachea comunichi con la ferita esterna, si distinguono le sue ferite aperte e chiuse e in base alla penetrazione della ferita nel lume dell'organo cavo, penetrante e non penetrante.

Le lesioni chiuse della trachea, come la laringe, si verificano più spesso con lividi. Le lesioni più significative si osservano quando la violenza agisce nella direzione antero-posteriore, poiché in questo caso la trachea viene premuta contro una colonna vertebrale instabile (Zenger V.G. e Nasedkin A.N., 1991). Gravi danni si verificano quando i legamenti inter-ring sono strappati, il che porta alla separazione degli anelli tracheali l'uno dall'altro. Nei casi in cui è conservata la parete membranosa posteriore, i bordi spalancati della fessura interannulare non superano 1,5 cm. Tuttavia, se si verifica una rottura trasversale completa della trachea, la parte inferiore di essa si separa nella profondità del torace e la distanza tra i frammenti separati raggiunge 4 cm o più ( Schuster, M.A. et al., 1989).

Le ferite da arma da fuoco della trachea cervicale sono solitamente accompagnate da lesioni di altri organi del collo: grandi vasi e nervi, danni alla laringe, alla ghiandola tiroidea, all'esofago e alla colonna vertebrale. In molti casi, queste lesioni sono incompatibili con la vita e portano alla rapida morte dei feriti.

Secondo le statistiche di Z.A. nella Grande Guerra Patriottica Neufaha (1951) ha isolato le ferite tracheali in relazione al numero totale di lesioni al collo rappresentava il 16,5%, le ferite combinate di trachea e laringe - 2,4% e trachea ed esofago - 3,8%.

Sintomatologia. Nella maggior parte dei casi, lo shock si sviluppa immediatamente dopo una lesione. I sintomi più importanti del danno tracheale sono: insufficienza respiratoria, deglutizione, tosse, emottisi ed enfisema.

Il sanguinamento che si verifica quando il collo e la trachea sono feriti è generalmente diviso in interno (emottisi) ed esterno attraverso la ferita (spesso sotto forma di espettorato schiumoso). Il sanguinamento interno provoca una tosse dolorosa ed è molto pericoloso, poiché l'ingresso di grandi quantità di sangue, ad esempio da una ghiandola tiroidea danneggiata, nella trachea e nei bronchi, può portare alla morte istantanea.

La mancanza di respiro è espressa in vari gradi. Con la separazione della trachea, si sviluppa rapidamente una minacciosa mancanza di respiro. L'afonia è il risultato di un forte dolore durante la fonazione e l'incapacità di pompare un flusso respiratorio.

L'enfisema può essere molto significativo e per natura della sua distribuzione è suddiviso in: 1) enfisema del tessuto sottocutaneo, 2) enfisema mediastinico e 3) enfisema interstiziale (diffusione nel tessuto polmonare).

La prognosi del danno tracheale è sempre grave. Si deteriora significativamente in presenza di lesioni concomitanti di altri organi del collo, in particolare, quando vi è un messaggio tra la trachea e l'esofago. Le lesioni di grandi vasi e nervi causano la morte rapida per sanguinamento e shock.

Trattamento. Misure urgenti e urgenti per le lesioni tracheali sono di ripristinare la ventilazione polmonare, fermare l'emorragia ed eliminare lo shock. L'intubazione non è sempre possibile e con la separazione della trachea è pericoloso. È possibile inserire un tubo endotracheale sottile attraverso i percorsi naturali, nonché un tubo tracheotomico o endotracheale nel lume della trachea attraverso il canale della ferita.

La tracheostomia deve essere eseguita con lesioni tracheali chiuse, anche in assenza di soffocamento.
La tracheostomia eseguita tempestivamente può prevenire il pericoloso sviluppo dell'enfisema mediastinico (Suprunov V.K., 1960).

Se possibile, viene eseguita una tracheostomia sotto il sito di lesione alla trachea. Se la cannula per tracheotomia non è abbastanza lunga, deve essere estesa con un tubo in materiale sintetico, oppure deve essere usato un tubo endotracheale.

Con opzioni anatomiche avverse e condizioni patologiche, l'introduzione e il cambiamento del tubo tracheostomico possono essere difficili. In questi casi, lo specchio nasale medio di Killian aiuta molto.

Per fermare l'emorragia e la revisione della ferita al collo, viene praticata un'incisione verticale, che consente l'esame vicino alla laringe e allo spazio paratracheale e il doping dei vasi sanguinanti.

In caso di distacchi tracheali, le cure di emergenza iniziano con un intervento chirurgico urgente: una tracheostomia da una lunga incisione verticale fino all'elsa dello sterno. L'estremità distale recisa della trachea viene rilevata con l'indice inserito nell'apertura superiore della cavità toracica. Un morsetto viene tenuto sul dito per catturare il bordo della trachea e tirarlo verso l'alto. Se è impossibile ricucire la trachea da un capo all'altro, la ferita viene aperta in modo aperto con ricostruzione delle pareti laterale e posteriore della trachea (M. Schuster et al., 1989). Nel caso di rottura trasversale della trachea, l'area strappata viene suturata. La ferita della pelle rimane aperta, le suture vengono applicate solo lungo i bordi. È prescritta un'adeguata terapia antibiotica antibatterica.

La stenosi post-traumatica persistente e i grandi difetti della trachea vengono eliminati attraverso interventi di chirurgia plastica che richiedono un approccio individuale in ogni singolo caso e appartengono a una delle sezioni difficili della laringologia.

Separatamente, è necessario soffermarsi sulle lesioni tracheali durante le manipolazioni mediche.

La tracheostomia tecnicamente eseguita in modo errato può causare lo sviluppo di stenosi cicatriziale della trachea. La tracheostomia di Björk, ampiamente utilizzata nella pratica chirurgica, durante la quale un lembo scapolare viene ritagliato nella parete anteriore della trachea, successivamente, a seguito dell'abbassamento del lembo nel lume della trachea, può portare alla formazione di granuloma e allo sviluppo di stenosi cicatriziale. Ecco perché, continuiamo a raccomandare la versione più parsimoniosa della tracheostomia - la tracheostomia longitudinale-trasversale secondo V.I.

Nei bambini con una trachea stretta, la sua dissezione inter-ring trasversale può praticamente portare a una separazione del suo frammento superiore da quello inferiore, la cui connessione sarà preservata solo a causa del distacco membranoso posteriore. Ciò porta all'inflessione della trachea dei bambini e allo sviluppo di stenosi grave e difficile da eliminare. Pertanto, in linea di principio, la tracheostomia infantile deve essere eseguita solo mediante dissezione verticale del numero richiesto di anelli tracheali.

La presenza prolungata del tubo endotracheale nel lume della trachea, specialmente quando si verifica una mutua discrepanza reciproca o quando la pressione sulle sue pareti è tesa da un bracciale gonfiabile, può portare allo sviluppo di granuloma endotracheale e stenosi cicatriziale della trachea. L'emergere di una nuova variante iatrogena dello sviluppo della stenosi tracheale è particolarmente spesso osservata nell'otorinolaringoiatria pediatrica - a seguito della continua intubazione (Soldatov IB, et al., 1986).
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Lesione tracheale

  1. Lesione tracheale
    Le lesioni tracheali si verificano molto meno frequentemente del danno alla laringe, che è associato alla sua posizione, elasticità e facile spostamento. Secondo la localizzazione del danno, sono divisi in 2 gruppi: 1) danno alla regione cervicale e 2) danno alla regione toracica. Questa divisione ha uno scopo puramente pratico, poiché gli otorinolaringoiatri trattano le lesioni della colonna cervicale e i chirurghi trattano il torace. Secondo
  2. Lesioni, corpi estranei dell'esofago, trachea e bronchi
    Lesioni, corpi estranei dell'esofago, trachea e
  3. LEZIONE 13 Pronto soccorso per lesioni. Danni ai tessuti molli chiusi. Lesioni cerebrali traumatiche. Danno al petto. Immobilizzazione durante il trasporto per lesioni.
    Scopo: insegnare agli studenti la diagnosi differenzologica di varie condizioni traumatiche, le regole di primo soccorso alla vittima. Domande di prova 1. Lesioni. Definizione. Classificazione delle lesioni. 2. Danni ai tessuti molli chiusi. Lesioni. Pronto soccorso. 3. Allungamento. Reclami. Pronto soccorso. 4. Il divario. Reclami. Pronto soccorso. 5. La sindrome di schiacciamento prolungato. Patogenesi. Il quadro clinico.
  4. Funzionalità della trachea
    La trachea è una continuazione della laringe. È largo e corto, la struttura tracheale è composta da 14-16 anelli cartilaginei, che sono collegati da una membrana fibrosa invece di una placca di chiusura elastica negli adulti. La presenza nella membrana di un gran numero di fibre muscolari contribuisce a un cambiamento nel suo lume. Anatomicamente, la trachea del neonato è a livello della quarta vertebra cervicale e nell'adulto a livello di VI - VII
  5. Il meccanismo della lesione. Classificazione dei tipi di lesioni
    A. Forze esterne Legge di inerzia di Newton: "Un corpo in movimento continua a muoversi fino a quando una forza esterna non agisce su di esso". 1. Il momento orizzontale. Forza = MA = MDD = V2 - V1 / t = frenata V2 = velocità finale V1 = velocità iniziale 2. Gravità. Forza = GmM / R2 = mg g = GM / R2 = accelerazione dovuta alla gravità = 9,8 m / s2 R = raggio della Terra; G = grav. costante; M = massa
  6. Esame della laringe e della trachea.
    Effettuare studi interni ed esterni sulla laringe e sulla trachea. Ricerca all'aperto. Consiste in esame, palpazione e auscultazione. Con un esame esterno, puoi notare l'abbassamento della testa, l'allungamento del collo e la mancanza di respiro, a volte il gonfiore si instaura nella laringe e nella trachea a causa dell'infiammazione e del gonfiore dei tessuti circostanti. Quando si esamina la trachea, si determina il cambiamento nella sua forma,
  7. Intubazione tracheale
    Cause anatomiche di intubazione difficile Con la laringoscopia, una chiara panoramica delle corde vocali dovrebbe essere chiara. Possono verificarsi difficoltà se: le corde vocali (1), i denti superiori (2) o la lingua (3) sono spostati nella direzione mostrata nella Figura 41. Ciò può essere dovuto a caratteristiche anatomiche e non è una patologia. {foto171} Fig. 38. Laringoscopia Classificazione del tratto respiratorio superiore
  8. Intubazione tracheale
    Attrezzatura per intubazione tracheale. Intubazione orotracheale o nasotracheale - una manipolazione relativamente complessa, limitata a 20-30 s, richiede un addestramento e attrezzature speciali. Tipicamente, un kit di intubazione tracheale è costituito da: 1) maschere nasali di diverse dimensioni; 2) condotti a forma di S (condotto Safar); 3) una serie di tubi endotracheali monouso termoplastici con
  9. Anestesia per resezione tracheale
    Informazioni generali Le indicazioni per la resezione della trachea includono stenosi e tumori della trachea e, meno comunemente, alcune malattie congenite. La stenosi tracheale si verifica dopo un trauma chiuso o penetrante, nonché una complicazione dell'intubazione tracheale e della tracheotomia. La maggior parte dei tumori istologicamente rappresentano carcinoma a cellule squamose e adenocarcinoma cistico. Restringere il lume della trachea provoca dispnea progressiva.
  10. Intubazione tracheale
    Differenze del tratto respiratorio di un bambino da un adulto: 1. La laringe si trova più in alto rispetto al collo. Nei neonati prematuri, si trova a livello di SZ, a tempo pieno - tra SZ - C4, nell'adolescenza - tra C4 - C5. Pertanto, l'angolo di inclinazione della lama del laringoscopio dovrebbe essere leggermente diverso. Ciò spiega in parte il fatto che con la laringoscopia nei bambini piccoli sono preferibili lame dirette.
  11. Fisiologia della trachea e dei bronchi
    La funzione principale della trachea e dei bronchi è respiratoria. Durante la respirazione, in connessione con le escursioni del torace, la trachea e i bronchi eseguono numerosi movimenti, mentre la biforcazione della trachea durante l'ispirazione si sposta verso il basso e anteriore di 2 cm (Lepnev P.G., 1956). Il volume d'aria nell'albero tracheobronchiale, il cosiddetto "spazio dannoso" è pari a 120-180 ml. A causa della presenza, nei legamenti anulari e
  12. Anatomia clinica della trachea e dei bronchi
    La gola respiratoria (trachea) è una continuazione della laringe, con la quale è collegata attraverso il legamento cricotracheale (lig. Cricotracheale). Trachea - un lungo tubo cilindrico (lunghezza 11-13 cm); inizia a livello del corpo di Suz. ea livello di ThiV - Thv è diviso in due bronchi principali (bronchus principalis dexter et sinister). L'inizio del setto che divide la trachea è chiamato sperone (carina;
  13. Danni ai bronchi e alla trachea
    Le fratture delle prime due costole, lo sterno e la clavicola sono le lesioni ossee più caratteristiche che causano lesioni alle vie respiratorie. Emottisi, atelettasia, enfisema sottocutaneo, pneumomediastino o pneumotorace, che non possono essere corretti dal drenaggio pleurico, sono segni di possibili danni al tratto respiratorio principale. (La presenza di pneumotorace bilaterale dopo lesione contundente
  14. Anatomia clinica della trachea e dei bronchi
    La gola respiratoria o la trachea è una continuazione diretta della laringe e si riferisce alla sezione iniziale del tratto respiratorio inferiore. La trachea è un tubo elastico cavo, leggermente compresso nella direzione antero-posteriore. In alto, attraverso il legamento cricoide-tracheale, si collega alla laringe, in basso, nell'area della biforcazione, è diviso in due bronchi principali. Distingua nella trachea
  15. Malformazioni della parete della trachea e dei bronchi.
    Le malformazioni degli elementi strutturali della parete della trachea, dei bronchi e dei bronchioli sono morfologicamente associate all'assenza, carenza o disorganizzazione della cartilagine o del tessuto elastico e muscolare. Le malformazioni della parete dei bronchi possono essere divise in limitate e comuni. Difetti limitati delle strutture tracheobronchiali di solito portano al restringimento locale di un particolare segmento
  16. INTUBAZIONE DIFFICILE DI TRAJA
    Definizione Quando si possono sospettare difficoltà quando ETT è stato inserito nella trachea in modo standard o quando due tentativi di intubazione tracheale da parte di un medico esperto non hanno avuto successo, l'intubazione è considerata difficile. Eziologia Ostruzione strutturale o meccanica alla visualizzazione della laringe mediante laringoscopia diretta o inserimento di ETT nella trachea. Casi tipici pazienti con qualsiasi
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com