Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

paralisi

La sconfitta di qualsiasi parte del percorso piramidale provoca una violazione dei movimenti volontari, che può essere totale o parziale. La completa perdita di movimenti volontari si chiama paralisi o plegia, paresi parziale.

La paralisi può essere centrale o periferica. La paralisi centrale si sviluppa a seguito della sconfitta del percorso piramidale lungo il motoneurone centrale in qualsiasi area: nella zona motoria della corteccia, nella capsula interna, nel tronco encefalico o nel midollo spinale. La paralisi centrale presenta sintomi caratteristici come ipertensione muscolare, iperreflessia, espansione della zona riflessogena, clonus dei piedi, ginocchiere e mani, riflessi patologici, riflessi protettivi e sininesia patologica. L'ipertensione muscolare è caratterizzata da un aumento del tono dei flessori del braccio e degli estensori della gamba su un lato. Si forma la postura di Wernicke-Mann. Consiste nel portare e piegare il braccio, mentre la gamba è estesa. I riflessi patologici possono essere carpale e del piede, che sono divisi in flessione ed estensore.

La paralisi periferica si sviluppa a seguito di un danno a qualsiasi parte del motoneurone periferico: grandi neuroni alfa-motori, cellule dei nuclei motori del tronco encefalico, colonna vertebrale anteriore del midollo spinale, plesso, nervi periferici.

La paralisi periferica è caratterizzata dai seguenti sintomi: areflessia, atonia muscolare, atrofia, reazione di degenerazione, spasmi muscolari fibrillari o fascicolari.


Il complesso sintomatico dei disturbi motori dipende dal livello di danno alla via piramidale. Con danni al nervo periferico, si nota l'atrofia del gruppo muscolare che è innervato da questo nervo, i riflessi cadono. Compaiono dolore, sensibilità alterata e disturbi autonomici. La sconfitta delle radici anteriori del midollo spinale provoca la paralisi periferica dei muscoli che ricevono innervazione da questa radice e contrazioni fascicolari. Con danni alle corna anteriori, si sviluppa una paralisi periferica nella zona di innervazione di questo segmento del midollo spinale.

Le contrazioni muscolari fibrillari, l'atrofia e le reazioni di degenerazione sono caratteristiche. Il danno al cordone laterale provoca una paralisi del muscolo centrale al di sotto del livello della lesione. Il danno alla cauda equina porta a paralisi periferica delle gambe, compromissione della minzione, disturbo della sensibilità nel perineo, compaiono dolori acuti. Una lesione a livello di ispessimento lombare provoca paralisi flaccida e anestesia degli arti inferiori; danno alla regione toracica - paralisi spastica delle gambe, ridotta sensibilità di tutti i tipi di tipo conduttore; danno all'ispessimento cervicale: paralisi centrale delle gambe e violazione della sensibilità del tipo di conduttore. La sconfitta nell'area dell'intersezione provoca la paralisi dell'arto inferiore sul lato opposto, quello superiore - sullo stesso. Il danno al tronco encefalico porta all'emiplegia centrale sul lato opposto. La sconfitta del giro centrale anteriore porta alla monoparesi.
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del libro di testo =

paralisi

  1. PARALISI VIRALE
    Paralisi virale (lat. - Paralisi apio; inglese - Paralisi delle api da miele) - un gruppo di malattie (paralisi cronica, acuta e lenta) delle api da miele adulte, accompagnate da paralisi delle estremità dell'insetto. Contesto storico, distribuzione, pericolo e danno. Descrizioni di alcuni segni di paralisi di api adulte si trovano nelle opere di autori antichi (Aristotele,
  2. Paresi e paralisi
    Questa è una cessazione completa o incompleta delle funzioni di nervi o muscoli. La cessazione della funzione nervosa può verificarsi in vari modi, a seconda di dove è compromessa la conduzione del tronco nervoso. Se viene influenzata la posizione iniziale dell'esito dell'impulso motore, ad es. corteccia cerebrale; si verifica paralisi cerebrale; se la conduzione nervosa è disturbata in tutto il midollo spinale - spinale;
  3. paralisi degli arti
    Clinica. Nello sviluppo acuto della paresi o della paralisi degli arti o di un singolo arto, si dovrebbe prima chiarire se sono di natura organica o funzionale. La paralisi organica (paresi) è caratterizzata non solo dall'immobilità o dalla debolezza degli arti, ma anche da cambiamenti nei riflessi, comparsa di sintomi patologici e diminuzione o aumento del tono muscolare. Paralisi e paresi
  4. Paralisi laringea
    Deborah R. Van Pelt, DVM, MS 1. Quali condizioni portano allo sviluppo della paralisi laringea? La paralisi congenita della laringe è descritta nei husky siberiani, nelle Fiandre e nei Bulldog inglesi e nei Bull Terrier. Altre condizioni includono malattie neuromuscolari o metaboliche sistemiche (come miastenia grave e ipotiroidismo), lesioni (ferite da morso o una lesione del collo smussato) e, meno comunemente, infiammazione o
  5. PARESIS E PARALISI
    La paresi è incompleta e la paralisi è la completa inibizione della funzione motoria di un particolare organo, causata da danni a varie parti del sistema nervoso. Le cause della paresi e della paralisi possono essere malattie del sistema nervoso, infezioni, avvelenamento, carenze vitaminiche e disordini metabolici, nonché lesioni, contusioni e altre lesioni accompagnate da compressione meccanica delle fibre nervose. Sintomi: funzione
  6. Paralisi periferica
    La paralisi periferica è caratterizzata dai seguenti sintomi principali: mancanza di riflessi o loro diminuzione (iporeflessia, areflessia), tono muscolare ridotto o assente (atonia o ipotensione) e atrofia muscolare. Inoltre, i cambiamenti nell'elettroeccitabilità, chiamata reazione di degenerazione, si sviluppano nei muscoli paralizzati e nei nervi interessati. Profondità di cambiamento dell'eccitabilità elettrica
  7. PARALISI VIRALE LENTA
    La paralisi virale lenta (lat. —Paralysis lentus apium; inglese - paralisi lenta) è una malattia e la morte di pupe e api adulte con segni di paralisi di due paia di zampe anteriori in famiglie colpite dalla zecca varroa. L'agente causale della malattia. Agente patogeno - virus contenente RNA. Il diametro del virione è di 30 nm. In vivo, la paralisi lenta procede come un'infezione latente e palese. Imposta come primario
  8. PARALISI VIRALE CRONICA
    Paralisi cronica (lat. - Apium cronico paralisi; inglese - Paralisi cronica; paralisi, paralisi virale, strisciante) - una malattia virale di pupe, api da miele adulte e forme pre-magnetiche di api da taglio fogliare. Distribuzione. La paralisi cronica delle api è stata segnalata in tutti i continenti tranne il Sud America e forse i Caraibi. Malattia diffusa
  9. paralisi
    Un disturbo dei movimenti volontari causato da una violazione dell'innervazione dei muscoli può manifestarsi in assenza o violazione di movimenti spontanei o una diminuzione della forza muscolare. Quest'ultimo può essere espresso nell'incapacità di eseguire un movimento con la resistenza delle mani del medico o per molto tempo di mantenere una certa posizione (ad esempio, braccia tese o gambe sollevate) nel test di Barre. È importante distinguerlo dalle limitazioni
  10. Paralisi facciale
    Questa è una malattia [dell'organo] dello strumento sul viso, in cui metà del viso viene tirata in modo innaturale lateralmente, la sua forma abituale cambia e le labbra e le palpebre su questo lato non possono chiudersi correttamente. La ragione di ciò è il rilassamento o lo spasmo dei muscoli delle palpebre e del viso; sai già cosa sono questi muscoli e dove iniziano. Con paralisi facciale dovuta al rilassamento [dei muscoli] su un lato
  11. Paralisi cerebrale
    Codice protocollo: 01-012а Profilo: pediatrico Stadio: ospedale Scopo dello stadio: 1. miglioramento del tono muscolare; 2. miglioramento della sfera riflessa; 3. ridurre la rigidità delle articolazioni e aumentare la capacità motoria del bambino; 4. acquisizione di competenze in base all'età; 5. migliorare l'adattamento sociale. Durata del trattamento: 13 giorni Codici ICD: G80 Paralisi cerebrale G80.1
  12. PARALISI CEREBRALE DEI BAMBINI
    La paralisi cerebrale è un gruppo di sindromi patologiche che si verificano a seguito di danno cerebrale intrauterino, alla nascita o postpartum e si manifestano sotto forma di disturbi motori, del linguaggio e mentali. La causa dello sviluppo della paralisi cerebrale sono vari fattori. Il primo gruppo di questi fattori comprende le malattie infettive della madre durante la gravidanza
  13. Paralisi delle api
    La paralisi delle api è una malattia cronica e acuta delle pupe e delle api da miele adulte, nonché delle forme pre-magnetiche delle api da taglio delle foglie. Esistono paralisi virale cronica (CID - malattia nera, malattia di May, sindrome da calvizie nera, paralisi virale) e paralisi virale acuta (AFP). L'eziologia. Agente causativo di RNA - contenente un virus appartenente al genere Moratorvirus. Particelle virali TOVP
  14. Paralisi periodica
    La paralisi periodica (myoplegia parossistica) è una variante della miopatia metabolica, manifestata da episodi transitori di improvvisa debolezza muscolare. Di norma, è associato a una diminuzione del potassio (paralisi ipopotassiemica) o ad un aumento del suo contenuto nel sangue (paralisi da iperkaliemia). Pertanto, le forme primarie di paralisi da discaliemia sono ereditate in modo autosomico dominante
  15. Paralisi ricorrente familiare
    Manifestazioni cliniche Questo gruppo di malattie è caratterizzato da improvvisi attacchi di debolezza muscolare transitoria o paralisi completa. La malattia si manifesta di solito durante l'infanzia. Gli attacchi durano per diverse ore, i muscoli respiratori non soffrono. Durante le convulsioni, la concentrazione di potassio nel plasma cambia spesso, il che riflette una violazione del trasporto di sodio e potassio attraverso la cellula
  16. PARALISI PERIODICA
    R. C. Griggs (R. S. Griggs) In una persona sana, un'improvvisa perdita della normale forza muscolare è estremamente rara. Allo stesso tempo, una lamentela sulla debolezza muscolare generale che si verificano periodicamente è abbastanza comune. Una vera valutazione di questo sintomo è piuttosto laboriosa, poiché quando si esamina un paziente tra attacchi di debolezza muscolare, di solito non è possibile identificare anomalie e
  17. Paralisi centrale
    La paralisi centrale si verifica quando un neurone nutriente centrale è danneggiato in qualsiasi parte di esso (la zona motoria della corteccia cerebrale, il tronco cerebrale, il midollo spinale). Una rottura del percorso piramidale rimuove l'effetto della corteccia cerebrale sull'apparato riflesso segmentario del midollo spinale; il suo apparato è disinibito. A questo proposito, tutti i principali segni di paralisi centrale sono
  18. Paralisi del nervo frenico
    CODICE ICD-R14.2 Paralisi del nervo diaframmatico durante una lesione alla nascita. EPIDEMIOLOGIA Nell'80-90% dei casi è associata a lesioni traumatiche del plesso brachiale (tipo totale e prossimale), la paresi isolata è estremamente rara. La paralisi del nervo frenico è secondaria al danno traumatico alle radici cervicali che innervano il nervo frenico. Soddisfa come
  19. Cos'è la paralisi cerebrale?
    Il nome "paralisi cerebrale" (o "paralisi cerebrale") combina un intero gruppo di condizioni in cui il movimento e la capacità di controllare la posizione del corpo nello spazio sono compromessi. Un bambino con paralisi cerebrale non può controllare i suoi movimenti allo stesso modo degli altri bambini, quindi non può, ad esempio, prendere un giocattolo, afferrarlo e tenerlo stretto, o non lo fa
  20. Paralisi cerebrale
    La paralisi cerebrale è un termine che unisce un gruppo di malattie non progressive del cervello che insorgono a seguito di sottosviluppo o danni alle strutture cerebrali nei periodi prenatale, intrapartum e postnatale precoce, caratterizzati da disturbi motori, postura compromessa, linguaggio e psiche. L'incidenza della paralisi cerebrale è di 1,7-3,3 per 1000 bambini
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com