Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

STRESS (studio sulla ristenosi dello stent)

Obiettivo: confrontare l'efficacia dello stent e dell'angioplastica con palloncino in base agli esiti clinici e al numero di ristenosi determinato angiograficamente.

Studio: multicentrico randomizzato.

Popolazione di pazienti: pazienti con angina stabile, selezionati per angioplastica, che presentavano lesioni singole di lunghezza <15 mm, situate in vasi di diametro> 3,0 mm.

Punti finali: angiografico - un livello binario di restenosi (restringimento della nave> 50%), il diametro minimo del lume. Clinico: completamento con successo della procedura (stenosi residua <50% in assenza di complicanze nosocomiali); numero totale di decessi + infarto miocardico non fatale + rivascolarizzazione ripetuta del vaso durante un follow-up di 7 mesi.

Conclusione: l'impianto di stent rispetto all'angioplastica con palloncino aumenta il livello di successo della procedura, riduce il livello di ristenosi determinato angiograficamente, riduce il numero di esiti avversi clinici.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

STRESS (studio sulla ristenosi dello stent)

  1. RAVEL (studio randomizzato con lo stent espandibile con palloncino a velocità di eluizione di Sirolimus Bx, n = 238)
    Obiettivo: valutare l'efficacia e la sicurezza degli stent BX Velocity che eluiscono il sirolimus bloccando il ciclo cellulare nella fase G1. Studio: multicentrico in doppio cieco randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con una singola lesione dell'arteria coronaria de novo che restringe il diametro
  2. RAVEL 3 YRS (studio randomizzato con lo stent espandibile con palloncino ad eluizione di velocità Bx Sirolimus per 3 anni, n = 238)
    Scopo: determinare se permane l'effetto positivo dell'impianto di stent a eluizione per più di 1 anno di osservazione. Studio: multicentrico in doppio cieco randomizzato. Popolazione di pazienti: vedere RAVEL. Osservazione: 3 anni. End points: gravi reazioni avverse dal cuore. Conclusioni: impianto di stent che eluiscono sirolimus in segmenti di arterie coronarie native,
  3. Stent-PAMI (angioplastica stent-primaria nell'infarto del miocardio, n = 1458)
    Obiettivo: confrontare i risultati dello stent (stent di Palmas-Schatz) e dell'angioplastica con palloncino in pazienti con infarto miocardico acuto. Studio: multicentrico randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con infarto miocardico acuto (dolore retrosternale, aumento del segmento ST) entro 12 ore dall'insorgenza dei sintomi. Osservazione: 6 mesi (con angiografia coronarica ripetuta). End points: primario - il numero totale di decessi,
  4. ACIP (studio pilota sull'ischemia cardiaca asintomatica)
    Scopo: determinare se il trattamento farmacologico attivo rispetto alla rivascolarizzazione può migliorare l'esito della malattia nei pazienti con malattia coronarica in base a stress test e monitoraggio ambulatoriale dell'ECG. Studio: multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti clinicamente stabili con ischemia rilevata mediante stress test o 48 ore
  5. BENESTENT I (BElgian NEtherlands STENT I)
    Obiettivo: confrontare l'efficacia e la sicurezza dello stenting coronarico e dell'angioplastica con palloncino. Studio: multicentrico randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con angina stabile, selezionati per angioplastica, con lesioni singole lunghe 3,0 mm. Periodo di osservazione: 6 mesi. Endpoint: clinico - decessi totali + casi di IM + non fatali
  6. TAXUS IV (prova con sistema di stent a rilascio di paclitaxel, n = 1314)
    Obiettivo: valutare l'efficacia degli stent che eluiscono con paclitaxel nel ridurre il numero di ristenosi in una vasta gamma di lesioni coronariche. Studio: multicentrico in doppio cieco randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con singole lesioni ricorrenti per prime delle arterie coronarie. restringimento
  7. SIAM III (studio interventistico tedesco sudoccidentale nell'infarto miocardico acuto III, n = 197)
    Obiettivo: confrontare l'efficacia precoce clinica e angiografica (secondo lo stato di un'arteria di attacco cardiaco) (eseguita entro le prime ore dopo la terapia trombolitica) e ritardata (eseguita entro 2 settimane dopo la terapia trombolitica). Studio: multicentrico randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con infarto miocardico acuto nelle prime 12 ore dall'inizio
  8. SIRIUS (Stent espandibile con palloncino BX VELOCITY® rivestito in SIRolImUS nel trattamento di pazienti con lesioni dell'arteria coronarica de novo, n = 1058)
    Obiettivo: valutare l'efficacia dell'impianto di stent a rilascio di sirolimus in relazione alla prevenzione della ristenosi. Studio: multicentrico in doppio cieco randomizzato. Popolazione di pazienti: pazienti con singole lesioni de
  9. Ticlopidina e Clopidogrel
    Ticlopidina e clopidogrel sono potenti farmaci antitrombotici. Vi sono prove conclusive che la combinazione di acido acetilsalicilico e tienopiridine dia risultati migliori rispetto alle complicanze trombotiche acute e subacute degli interventi coronarici percutanei rispetto all'uso di acido acetilsalicilico o acido acetilsalicilico in associazione con orale
  10. Correzione della dislipidemia
    Ai pazienti con dislipidemia grave, che non possono essere corretti con la terapia dietetica, vengono prescritti farmaci ipolipemizzanti: statine (simvastatina, pravastatina, atorvastatina) o fibrati. La decisione sul trattamento medicamentoso della dislipidemia si basa sia sui dati per determinare il livello di lipidi dopo aver seguito una dieta ipolipemizzante per almeno 3-6 mesi, sia sui risultati della determinazione del grado totale di rischio
  11. epidemiologia
    La prevalenza della miocardite secondo vari autori è dal 4 all'11% di tutte le malattie del sistema cardiovascolare e il 20% delle malattie cardiache non coronariche. Studi multicentrici hanno scoperto che la prevalenza della miocardite varia ampiamente. Nello studio sulla terapia del trattamento della miocardite (MTT), i segni di infiammazione per biopsia sono stati identificati solo nel 10% dei 2233 sottoposti a screening
  12. Intervento coronarico percutaneo
    La sicurezza e l'efficacia dell'intervento coronarico percutaneo nelle sindromi coronariche acute è stata notevolmente migliorata grazie all'uso di stent e bloccanti del recettore della glicoproteina IIb / IIIa. In EuroHeart Survey, l'intervento coronarico percutaneo è stato eseguito nel 25% della popolazione totale, l'impianto di stent è stato eseguito nel 74% e i bloccanti del recettore della glicoproteina IIb / IIIa sono stati prescritti nel 27%.
  13. I dettagli di un'università militare e il suo impatto sull'adattamento professionale degli insegnanti civili all'insegnamento
    L'analisi storiografica mostra che i risultati nella formazione dei laureati delle università militari sono forniti non solo da una generalizzazione dell'esperienza classica, ma anche da quelle premesse teoriche che sono state accumulate nel corrispondente campo di conoscenza. In relazione al nostro studio, gli atteggiamenti concettuali di G. Selye sono di grande importanza [158; 159], che, a nostro avviso, sono potenti
  14. TERMINI E GIORNI
    Eustres (greco buono, giusto; inglese, stress - stress) - "buon stress", forma positiva di stress (ad esempio, gioia forte). G. Selє Dopo aver esaminato la sindrome di eustres yak, schro є spryє б conservazione della salute. Psicologia della salute (sinonimo: psicologia del valore, psicologia del valore) - uno dei valori più importanti, incentrato sugli ultimi meccanismi di autoregolamentazione per la promozione della psico-emozione
  15. Prevenzione dei disturbi neuropsichiatrici
    Sottometti il ​​tuo spirito. Controlla il tuo umore. Orazio Salute mentale. Lo stress. Eustress. Distress. Adrenaline. Disturbi nevrotici Adaptogens. Psichiatria. Ritardo mentale. Stigma. Verbale. Sotto la psiche si riferisce alla sfera delle emozioni, dei sentimenti e del pensiero. La salute mentale, insieme a quella fisica, fa parte della salute generale. La salute mentale è associata
  16. Caratteristiche della trombosi nel sistema arterioso del cervello.
    La violazione acuta della perfusione cerebrale durante l'ictus aterotrombotico e cardioembolico nella maggior parte dei casi è associata all'ostruzione dei rami delle arterie carotidi interne o delle arterie del bacino dell'arteria vertebrale. La causa della trombosi sono sia fonti trombogeniche extracraniche (camere e apparato valvolare del cuore, rami dell'arco aortico), sia arteriopatia diretta dei vasi cerebrali. In formazione
  17. letteratura
    Belova A. N. Valutazione della qualità della vita nella riabilitazione medica // Mater. Internat. Conf. in riabilitologia / Ed. A.I. Romanova. - M.: Zlatograf, 2003 .-- S. 6-8. 2. Kulakov V. I., Adamyan L. V., Askolskaya S. I. Isterectomia e salute delle donne. - M.: Medicine, 1999 .-- 311s. 3. Strizhakov A. N., Glazkov a O. L. Efficacia clinica della terapia ormonale e qualità della vita dei pazienti con
  18. Interventi coronarici percutanei in pazienti con malattia coronarica e malattia multivascolare e / o diabete
    Nei pazienti con malattia multivascolare e altri segni di un alto rischio di complicanze, l'esecuzione di CABG, rispetto all'intervento coronarico percutaneo, fornisce migliori tassi di sopravvivenza. Tuttavia, le differenze nel costo del trattamento e nella qualità della vita tra i risultati di CABG e l'intervento coronarico percutaneo vengono perse durante un follow-up di 10-12 anni. Decisione sulla rivascolarizzazione completa o su
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com