Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Agenti anti-ischemici

Questi farmaci riducono il consumo di ossigeno del miocardio attraverso una diminuzione della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa o indebolendo la contrattilità della LV o causando vasodilatazione.

Bloccanti? adrenoretseptory

Prova di effetti benefici bloccanti? -adrenorecettori nell'angina pectoris instabile si basano sui risultati di studi randomizzati su piccola scala, considerazioni patofisiologiche ed estrapolazione dell'esperienza nel trattamento dell'angina pectoris stabile e dell'infarto miocardico acuto. Bloccanti? -adrenoreceptors sono inibitori competitivi degli effetti delle catecolamine circolanti. Con angina instabile, gli effetti principali dei bloccanti? I β-adrenorecettori sono dovuti al loro effetto sui recettori β1-adrenergici e alla riduzione del consumo di ossigeno da parte del miocardio.

Secondo la meta-analisi, il trattamento con i bloccanti? -Adrenoreceptor è associato ad una riduzione del 13% del rischio di progressione verso infarto miocardico acuto. Inoltre, negli studi randomizzati, è stato dimostrato un effetto significativo dei bloccanti? -Adrenoreceptor sulla mortalità nell'infarto miocardico acuto. I bloccanti dei recettori β-adrenergici sono raccomandati per la sindrome coronarica acuta in assenza di controindicazioni; nei pazienti ad alto rischio, viene data preferenza alla somministrazione endovenosa di questi farmaci (livello di evidenza: B). Prove convincenti che un farmaco specifico sia un gruppo di bloccanti? -adrenorecettori più efficaci nell'angina pectoris instabile, no. Se la probabilità di effetti collaterali è elevata, in particolare con la malattia polmonare di fondo o la disfunzione ventricolare sinistra, all'inizio del trattamento, viene spesso data la preferenza a un farmaco a breve durata d'azione. Avvio della terapia con blocco parenterale? -adrenoreceptors richiede un attento monitoraggio della funzione degli organi vitali e preferibilmente un monitoraggio prolungato dell'ECG. Quindi passano all'uso orale dei bloccanti? -adrenoreceptors per raggiungere la frequenza cardiaca target di 50-60 battiti / min. Controindicazioni alla nomina di bloccanti? -adrenoreceptors sono gravi violazioni della conduzione AU, indicazioni anamnestiche di AD o disfunzione acuta di LV.

NITRATI

L'uso di nitrati nell'angina instabile si basa principalmente su considerazioni patofisiologiche ed esperienza clinica. L'effetto benefico dei nitrati e di altre classi di farmaci, come le sydnonimine, è associato al loro effetto sulla circolazione periferica e coronarica. Prima di tutto, l'effetto terapeutico dei nitrati è determinato dall'effetto della venodilazione, una diminuzione del precarico e del BWW della LV, che porta a una diminuzione del consumo di ossigeno da parte del miocardio. Inoltre, i nitrati dilatano le arterie coronarie normali e ateroscleroticamente alterate, aumentano il flusso sanguigno collaterale coronarico e inibiscono l'aggregazione piastrinica.

Gli studi sull'efficacia dei nitrati nell'angina instabile erano di piccolo volume e avevano natura di osservazioni.

Finora non sono stati condotti studi randomizzati e controllati con placebo che dimostrerebbero l'effetto benefico di questa classe di farmaci nel ridurre la gravità dei sintomi e il numero di eventi cardiaci avversi, nonché le differenze nei diversi metodi di somministrazione dei nitrati (endovenosa, orale, buccale) rispetto alla riduzione della gravità della clinica sintomi.

Nei pazienti con sindromi coronariche acute che richiedono un trattamento ospedaliero, in assenza di controindicazioni, deve essere considerata la necessità di somministrazione endovenosa di nitrati (livello di evidenza: C). La dose deve essere titolata fino alla scomparsa dei sintomi o alla comparsa di effetti collaterali (in particolare mal di testa o ipotensione arteriosa). La limitazione per la terapia a lungo termine con nitrati è il fenomeno della tolleranza, che dipende dalla dose prescritta e dalla durata del trattamento.

Dopo aver raggiunto l'effetto clinico, la somministrazione endovenosa di nitrati può essere sostituita da metodi alternativi di somministrazione non parenterale con intervalli sufficienti tra le dosi del farmaco.
Un altro possibile modo è associato all'uso di agenti simili ai nitrati, come sydnonimine e attivatori del canale del potassio.

BLOCCHIERE PER CANALI DI CALCIO

I bloccanti del canale del calcio sono farmaci vasodilatatori. Inoltre, hanno un effetto diretto sulla conduzione AU degli impulsi e della frequenza cardiaca. Tre sottoclassi di calcio-antagonisti si distinguono per struttura chimica ed effetti farmacologici: derivati ​​della diidropiridina (nifedipina), derivati ​​della benzotiazepina (diltiazem) e derivati ​​della fenilalchilammina (verapamil). I farmaci di ciascuna sottoclasse si differenziano per il loro effetto vasodilatatore, la capacità di inibire la funzione contrattile del miocardio e rallentare la conduzione dell'UA degli impulsi. Le fenilalchilamine possono causare il blocco dell'AU. La nifedipina e l'amlodipina causano la dilatazione più pronunciata delle arterie periferiche, mentre il diltiazem è caratterizzato dall'effetto vasodilatatore più debole. Tutte le sottoclassi forniscono una vasodilatazione coronarica simile.

Diversi studi clinici randomizzati hanno dimostrato che i bloccanti dei canali del calcio sono efficaci nel ridurre la gravità dei sintomi nei pazienti con angina instabile e il loro effetto è simile a quello che causano i bloccanti? adrenergico. Confrontando nifedipina e metoprololo, si è riscontrato che durante il trattamento con nifedipina si tendeva ad aumentare il rischio di sviluppare infarto miocardico o angina pectoris ricorrente rispetto al placebo, mentre quando si utilizzava metoprololo o una combinazione di due farmaci, la frequenza di questi eventi diminuiva. In uno studio, i bloccanti sono stati prescritti a pazienti con angina instabile per 51 settimane dopo la dimissione? -adrenoreceptors o diltiazem. Sullo sfondo di diltiazem, è stato osservato un aumento insignificante del rischio di morte (33% contro 20%) e di ricovero in ospedale (livello di rischio 1.4). Tuttavia, in altri due studi, il diltiazem ha avuto un effetto benefico trascurabile.

I risultati di una meta-analisi degli effetti dei bloccanti dei canali del calcio nei pazienti con angina instabile hanno suggerito che questi farmaci non impediscono lo sviluppo di infarto miocardico acuto e non riducono la mortalità. In particolare, il trattamento con nifedipina a breve durata d'azione può essere associato a un effetto avverso dose-dipendente sulla mortalità nei pazienti con malattia coronarica. D'altra parte, ci sono prove di un effetto protettivo di diltiazem e verapamil nell'MI senza elevazione del segmento ST (livello di evidenza: C).

I bloccanti dei canali del calcio possono ridurre i sintomi nei pazienti che già assumono nitrati e bloccanti? adrenergico; il loro scopo è appropriato in alcuni pazienti con controindicazioni ai bloccanti? -adrenoreceptors, nonché in un sottogruppo di pazienti con angina pectoris variante. La nifedipina e altri derivati ​​della diidropiridina non devono essere usati senza terapia concomitante con i bloccanti dei radrenorecettori. L'uso di farmaci del gruppo calcio-antagonista deve essere evitato con grave disfunzione del ventricolo sinistro o alterata conduzione AC degli impulsi.

Pertanto, la terapia anti-ischemica si riduce a quanto segue:

¦ Blockers? -adrenoreceptors sono raccomandati in assenza di controindicazioni, specialmente in presenza di tachicardia agile o 1B.

¦ La somministrazione endovenosa o orale di nitrati viene utilizzata per fermare gli attacchi anginosi (1C).

¦ I bloccanti dei canali del calcio sono prescritti come terapia sintomatica in aggiunta a nitrati e bloccanti? -adrenoreceptors o in pazienti con controindicazioni ai bloccanti? -adrenorecettori o in sottogruppi con angina pectoris vasospastica (1B).

¦ Non usare nifedipina o altri farmaci diidropiridinici (CV), specialmente in combinazione con i bloccanti? adrenergico.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Agenti anti-ischemici

  1. Dosaggio di droghe Farmacocinetica e farmacodinamica dei farmaci
    La forma di rilascio di una sostanza farmacologica determina in gran parte la sua via di somministrazione nel corpo. Dopo che il farmaco è entrato nel corpo, due processi iniziano simultaneamente: • Il cambiamento della concentrazione del farmaco nel tempo. Questi processi sono descritti quantitativamente dalla farmacocinetica. • Interazione di una sostanza farmacologica con bersagli molecolari di azione in organi e tessuti
  2. Equipaggiamento di protezione del lavoratore
    I dispositivi di protezione sono suddivisi in dispositivi di protezione collettiva e dispositivi di protezione individuale. La protezione collettiva ha lo scopo di proteggere due o più lavoratori dall'esposizione, da fattori di produzione dannosi e (o) pericolosi. È strutturalmente e (o) funzionalmente collegato con le apparecchiature di produzione, il processo di produzione, la sala di produzione (edificio) o
  3. droga
    Secondo la legge ucraina "Sui medicinali" (1996), i medicinali significano "sostanze o loro miscele di origine naturale, sintetica o biotecnologica, usate per prevenire la gravidanza, prevenire, diagnosticare e curare i pazienti o per cambiare lo stato e la funzione del corpo". Viene chiamato un farmaco in farmacologia
  4. Farmaci anoressigenici
    Farmaci anoressigenici classici, ad es. i soppressori dell'appetito sono Fepranon (compresse da 25 mg ciascuno), desopimon (compresse da 25 mg ciascuno), mazindol (compresse da 1 mg ciascuno). Attivano il centro dell'appetito, sopprimendo l'appetito a livello centrale, stimolano leggermente il sistema nervoso centrale, aumentano la scomposizione del grasso neutro in FFA e glicerolo. Tuttavia, in 20 anni di lavoro pratico, non ho mai visto nessuno di questi
  5. Mezzi di comunicazione
    I mezzi di comunicazione possono essere definiti come modi di codificare, trasmettere, elaborare e decodificare le informazioni trasmesse nel processo di comunicazione. Le informazioni possono essere trasmesse e ricevute in vari modi: contatti fisici (toccando il corpo, le mani, ecc.); a distanza, con l'aiuto dei sensi (osservazione dell'attività di un'altra persona, percezione dei segnali sonori). L'uomo ha inventato e
  6. detersivi
    Detersivi - detergenti (dal latino: detergere - da pulire) - sostanze che hanno un'elevata attività superficiale e quindi hanno un effetto lavante, disinfettante e dissolvente, che è associato alla capacità di queste sostanze di ridurre la tensione superficiale del solvente e la capacità di rimuovere varie impurità. L'uso di detergenti, insieme alla disinfezione, consente di garantire
  7. Altri medicinali
    Antiemetici. Ciò include farmaci come la proclorperazina e la clorpromazina, che hanno un effetto sedativo e, quindi, sono in conflitto con ORT. Per questo motivo, gli antiemetici non devono mai essere somministrati ai bambini con diarrea. Inoltre, il vomito nei bambini si interrompe quando si verifica la reidratazione. Pacemaker. Lo shock sullo sfondo di una malattia diarroica acuta può
  8. Alcune incompatibilità farmacologiche
    Le principali incompatibilità chimiche e fisiche delle sostanze {foto23} INCOMPATIBILITÀ DI ALCUNI ANTIBIOTICI TRA TE STESSO E ALTRI MEDICINALI {foto24} INCOMPATIBILITÀ DELLE VITAMINE TRA TE STESSO E ALTRI FARMACI E MEDICINALI {25
  9. Ricerca di droga
    La ricerca di nuovi farmaci è condotta dagli sforzi congiunti di molti rami della scienza, mentre il ruolo principale appartiene agli specialisti nel campo della farmacologia, chimica e farmacia. Il nuovo farmaco deve agire in modo selettivo, rigorosamente intenzionale e, pertanto, le condizioni del paziente non devono peggiorare a causa della comparsa di effetti collaterali aggiuntivi e indesiderati
  10. Altri fondi
    Le fenotiazine Le fenotiazine (ad esempio il fenergan) sono antiemetici sedativi che possono essere utilizzati per potenziare gli effetti degli analgesici e l'effetto sedativo dei farmaci. Ad eccezione del loro effetto antiemetico, la combinazione di fenotiazine e farmaci non offre alcun vantaggio significativo rispetto alla combinazione comunemente usata di benzodiazepine con farmaci.
  11. Farmaci antiipertensivi
    Molti farmaci, tra cui anestetici per inalazione (vedi cap. 7) e bloccanti adrenergici (cap. 12), possono abbassare la pressione sanguigna. Questo capitolo tratta cinque farmaci progettati per abbassare la pressione sanguigna durante l'anestesia, vale a dire nitroprussiato di sodio, nitroglicerina, idralazina, trimethafan e adenosina (Fig. 13-1 e Tabella 13-1). Tutti i suddetti farmaci riducono la pressione sanguigna
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com