Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Ramo di busta dell'arteria coronaria sinistra

Il ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra parte dal tronco sotto l'orecchio dell'atrio sinistro.

Continua a sinistra e posteriormente sul lato sinistro del solco coronale. Dopo la partenza di diversi rami ventricolari posteriori posteriori che scendono verso il bordo smussato del cuore parallelamente ai rami diagonali che si estendono dal ramo interventricolare anteriore, il ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra "dà" il ramo del bordo smussato del cuore che lo percorre. L'ulteriore estensione del ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra varia in modo significativo.
Nelle persone con predominanza anatomica del ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra, continua con un ramo interventricolare posteriore pronunciato. Nella maggior parte dei casi, il ramo dell'inviluppo termina con piccoli rami ventricolari posteriori posteriori terminali e non passa nel solco interventricolare posteriore. La parte prossimale del ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra è meglio visualizzata nella proiezione obliqua anteriore destra di 30 ° con un'angolazione caudale di 15 °, nella stessa proiezione è chiaramente visibile il ramo del bordo smussato.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Ramo di busta dell'arteria coronaria sinistra

  1. Ramo interventricolare anteriore dell'arteria coronaria sinistra
    Il ramo interventricolare anteriore è una continuazione del tronco dell'arteria coronaria sinistra, allontanandosi da esso anteriormente e verso il basso e situato nel solco interventricolare anteriore. Nella maggior parte dei pazienti, questo ramo continua fino all'apice ed è coinvolto nell'afflusso di sangue alla sua sezione anteriore. A volte il ramo interventricolare anteriore dell'arteria coronaria sinistra è intramiocardico e quindi durante la sistole
  2. Scarico anormale dell'arteria coronaria sinistra dall'arteria polmonare
    SINONIMI Sindrome ghiandola bianco-ghirlanda (ALCAPA in inglese). DEFINIZIONE Una scarica anomala dell'arteria coronaria sinistra dall'arteria polmonare è una patologia congenita del cuore, in cui il tronco dell'arteria coronaria sinistra inizia dal sistema dell'arteria polmonare. La malattia è accompagnata da grave disfunzione miocardica e procede con il quadro clinico del DCMP. EPIDEMIOLOGIA Frequenza di scarico
  3. Caratteristiche tecniche della stenosi dell'angioplastica coronarica della bocca delle arterie coronarie
    Cateteri guida. Molto spesso, la bocca dell'arteria coronaria destra viene cateterizzata con successo usando cateteri come Judkins Right e Amplatz Right o Hockey Stick - per l'arteria coronaria sinistra. Per la bocca dell'arteria coronaria sinistra, l'involucro del ramo, i rami laterali e le altre arterie principali nel sistema dell'arteria coronaria sinistra, di norma viene utilizzato un catetere di tipo Judkins
  4. Arteria coronaria sinistra
    La bocca dell'arteria coronaria sinistra si apre nella parete dell'aorta ascendente nella parte superiore del seno coronarico sinistro, in qualche modo anteriormente, nello spazio tra la LA e l'orecchio dell'atrio sinistro. Il tronco dell'arteria coronaria sinistra (un segmento dell'arteria coronaria sinistra dalla bocca al punto della sua divisione nel ramo interventricolare anteriore e il ramo dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra) può avere una lunghezza diversa. lattina
  5. Arteria coronaria destra
    5-6 piccole arterie che alimentano la superficie anteriore degli atri destro e sinistro partono dal seno coronarico destro. La bocca dell'arteria coronaria destra si apre nella parete anteriore della parte ascendente dell'arco aortico nel mezzo del seno coronarico destro e si trova leggermente sotto la bocca dell'arteria coronaria sinistra. L'arteria coronaria destra si estende a destra e passa sul lato destro del solco AV.
  6. Angioplastica coronarica
    Il PTCA della bocca dell'arteria coronaria può essere considerato come angioplastica della stenosi situata nel sito di formazione dell'arteria (anastomosi aortocoronarica) o nel suo ramo (bocca del ramo laterale) (Fig. 1.110a, b). Ad esempio, il primo ramo diagonale che si estende dal ramo interventricolare anteriore dell'arteria coronaria sinistra e con stenosi all'origine è la stenosi della bocca del primo ramo diagonale. Stenosi della bocca
  7. ANATOMIA DELLE ARTERIE CORONARIE. ANALISI COMPLETA DEI CORONAROGRAMMI
    Il cuore umano è alimentato di sangue dalle arterie coronarie sinistra e destra, che si estendono dall'arco aortico ascendente nei seni coronarici sinistro e destro (Fig. 1.60-1.62). Il metodo più affidabile per l'imaging intravitale delle arterie coronarie al momento è la coronarografia. L'analisi delle lesioni aterosclerotiche identificate su angiogrammi coronarici determina le tattiche di trattamento dei pazienti con
  8. Interventi coronarici percutanei in presenza di curve nel letto delle arterie coronarie, lesioni della bocca, lesioni calcificate, lesioni lunghe
    Interventi coronarici percutanei in presenza di curve nel letto delle arterie coronarie, lesioni della bocca, lesioni calcificate, lunghe
  9. Chirurgia di bypass dell'arteria coronaria
    Il numero di pazienti che richiedono un intervento chirurgico di bypass chirurgico delle arterie coronarie nella fase acuta dell'infarto miocardico è limitato. Tuttavia, questo intervento può essere indicato dopo un PTCA fallito, quando si è verificata improvvisamente un'occlusione dell'arteria coronarica durante il cateterismo o nei casi in cui l'esecuzione del PTCA secondo i risultati dell'angiografia non può essere considerata una soluzione efficace al problema. Inoltre,
  10. Interventi coronarici percutanei in singole lesioni discrete delle arterie coronarie, stenosi diffusa, lesione multivascolare nella malattia coronarica
    Interventi coronarici percutanei con singole lesioni discrete delle arterie coronarie, stenosi diffusa, lesione multivascolare con
  11. Prevenzione della morte cardiaca improvvisa con secrezione anomala dell'arteria coronarica
    Le anomalie delle arterie coronarie sono rare. La prevalenza di queste anomalie nella popolazione generale non è nota. Secondo varie fonti, vengono rilevati nello 0,3-1,2% dei pazienti sottoposti a angiografia coronarica. L'anomalia coronarica più comune è a. сircumflaha (di norma, la nave parte dal seno coronarico destro). Non sono stati osservati eventi avversi in questo gruppo. Tuttavia, l'inizio dell'arteria coronaria sinistra da destra o
  12. ANATOMIA NORMALE E CORONAROGRAFICA DELLE ARTERIE CORONARIE. PROIEZIONI CORONAROGRAFICHE
    L'afflusso di sangue al cuore umano viene effettuato da tre vasi praticamente equivalenti. Questi sono i rami interventricolari anteriori e dell'involucro dell'arteria coronaria sinistra, che si formano durante la ricalibrazione del tronco dell'arteria coronaria sinistra, così come la coronaria destra
  13. Complicanze dell'angioplastica coronarica di un'arteria completamente occlusa
    L'angioplastica coronarica per l'occlusione cronica completa è generalmente associata a un basso rischio di intervento (ma ciò non significa che il rischio non esiste affatto!). Numerose segnalazioni hanno identificato un livello equivalente di complicanze nelle occlusioni complete e nelle stenosi subtotali. Inoltre, la presenza di occlusione cronica completa prima dell'intervento è un predittore indipendente di occlusione acuta dopo
  14. Morte improvvisa nell'arteriosclerosi coronarica
    La morte improvvisa è principalmente una complicazione della grave aterosclerosi delle arterie coronarie, che colpisce diversi vasi coronarici. In uno studio patologico, la frequenza di rilevazione della trombosi coronarica fresca varia dal 25 al 75%. Una rottura di una placca aterosclerotica che ha causato l'ostruzione vascolare è stata trovata in un numero di pazienti senza trombosi. Quindi l'impressione è
  15. Lo sviluppo dell'occlusione trombotica acuta dell'arteria coronaria
    In un'arteria invariata, un rivestimento endoteliale intatto impedisce il contatto piastrinico con componenti subintimali, come collagene, fattore di von Willebrand e fibrinonectina, che sono stimolanti dell'aggregazione piastrinica. Utilizzando modelli sperimentali, è dimostrato che la violazione dell'integrità endoteliale svolge un ruolo nello sviluppo della trombosi in presenza di determinate condizioni. durante la
  16. Chirurgia di bypass dell'arteria coronaria
    I dati dell'EuroHeart Survey mostrano che il tasso di CABG è del 5,4%, con differenze significative nei diversi paesi. L'uso di moderne tecniche chirurgiche è associato a bassa mortalità operativa. Nello studio FRISC II, la mortalità era del 2% dopo 1 mese, nello studio TACTICS (Treat Angina with Aggrastat e Determine Cost of Therapy with a Invasive or Conservative
  17. Malattia coronarica e compromissione della conduzione
    È noto che l'infarto miocardico acuto può essere accompagnato da un blocco di una delle gambe del fascio di His e da una completa dissociazione atrioventricolare. Il significato prognostico di questi sintomi dipende dalla posizione del focus primario dell'infarto del miocardio. Con lo sviluppo del blocco del fascio del suo ramo in pazienti con infarto del setto anteriore, la prognosi è molto sfavorevole, mentre il verificarsi di un simile
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com