Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con ipertensione (ipertensione essenziale) stadio III

Intestazione per ICD-10: I10-I13

Condizioni in cui l'assistenza medica dovrebbe essere fornita

I pazienti con ipertensione in stadio III sono sottoposti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza nei policlinici distrettuali o da medici di famiglia con la consultazione obbligatoria di un cardiologo una volta all'anno. Con insufficiente efficacia del trattamento ambulatoriale, i pazienti sono sottoposti a trattamento ospedaliero nei reparti terapeutici o cardiologici del luogo di residenza. In casi difficili, per escludere l'ipertensione (secondaria) sintomatica, vengono effettuati ulteriori esami e diagnosi in cardiologia urbana, cliniche endocrinologiche o negli ospedali e centri diagnostici. Con lo sviluppo di complicate crisi ipertensive, è necessario il ricovero urgente obbligatorio nell'unità di terapia intensiva del profilo appropriato.

Programma diagnostico

Studi obbligatori

1. Raccolta dei reclami e anamnesi.

2. Esame fisico.

3. Misurazione della pressione arteriosa su entrambe le mani.

4. Misurazione della pressione sanguigna negli arti inferiori.

5. Misura del peso corporeo e della circonferenza della vita.

6. Esame di laboratorio (esami generali del sangue e delle urine, creatinina, colesterolo, TG, glucosio, potassio, sodio nel sangue).

7. ECG in 12 derivazioni standard.

8. Ecocardiografia.

9. Esame del fondo.

10. Radiografia del torace.

11. Ultrasuoni dei reni.

Ricerca aggiuntiva

1. Monitoraggio quotidiano della pressione sanguigna.

2. Studio Doppler delle arterie carotidea e renale.

3. Determinazione della microalbuminuria.

4. TC e risonanza magnetica della testa.

5. Renografia / renoscintigrafia dei radioisotopi.

6. Concomitante malattia coronarica e presenza di indicazioni appropriate - ventricolografia coronarica, monitoraggio quotidiano dell'ECG.

7. Determinazione del colesterolo nelle lipoproteine ​​di diverse frazioni.

Programma di trattamento

Elenco e ambito dei servizi medici obbligatori

L'uso di farmaci antiipertensivi di prima fila (bloccanti del recettore b-adrenergico, diuretici tiazidici o tiazidici, ACE-inibitori, antagonisti del calcio, antagonisti del recettore dell'angiotensina II). Il trattamento inizia con basse dosi, aumentandole gradualmente per raggiungere la pressione arteriosa target. La terapia di combinazione a basso dosaggio può essere utilizzata in alternativa alla monoterapia. Con pressione sanguigna persistente> 160/100 mm Hg. Art. Si raccomanda di iniziare il trattamento con la terapia di combinazione.

Se l'effetto è insufficiente, eseguono la terapia di combinazione con 2-3 farmaci della prima fila nelle dosi raccomandate.

Elenco e ambito dei servizi medici aggiuntivi

1. Acido acetilsalicilico dopo normalizzazione della pressione sanguigna (se indicato).

2. Se i farmaci di prima linea non sono efficaci o impossibili da usare come parte della terapia di associazione, vengono utilizzati farmaci antiipertensivi di seconda linea (a1-bloccanti, principalmente con adenoma prostatico concomitante, moxonidina, diuretici dell'ansa, diuretici risparmiatori di potassio, metildopa, reserpina).

3. In pazienti ad alto rischio - terapia con statine.

Descrizione del risultato finale atteso del trattamento

Una persistente diminuzione della pressione sanguigna verso l'obiettivo - <140/90 mm RT. Art. E per pazienti ad alto rischio - <130/80 mm RT. Art. Ridurre la gravità dei reclami dei pazienti dal sistema cardiovascolare. Correzione dei fattori di rischio cardiovascolare.

Durata del trattamento

Il trattamento ambulatoriale viene eseguito continuamente per tutta la vita. Terapia ospedaliera - in presenza di prove (complicata crisi ipertensiva, necessità di un esame speciale, inefficienza del trattamento ambulatoriale, ecc.).

Criteri di qualità del trattamento

Stabilizzazione della pressione sanguigna all'interno del bersaglio.
L'assenza di complicanze dell'ipertensione.

1 I derivati ​​di diidropiridina a breve durata d'azione possono essere utilizzati solo per il trattamento della crisi ipertensiva.

In complicate crisi ipertensive, la pressione arteriosa deve essere ridotta per 1 ora usando la terapia endovenosa in base alle indicazioni e alle caratteristiche della crisi. Applicare nitrati, nitroprussiato di sodio, bloccanti p-adrenergici, diuretici dell'ansa.

Elenco e ambito del medico aggiuntivo

di servizi

1. Acido acetilsalicilico dopo normalizzazione della pressione sanguigna.

2. Se i farmaci di prima linea non sono efficaci o impossibili da usare come parte della terapia di combinazione, vengono utilizzati farmaci antiipertensivi di seconda linea (bloccanti del recettore a1-adrenergico, principalmente con adenoma prostatico concomitante, moxonidina, metildopa, reserpina, ciclo e diuretici risparmiatori di potassio).

3. In caso di danno renale cronico e concomitante microalbuminuria o proteinuria, incluso il diabete mellito, è obbligatoria la nomina di ACE-inibitori o bloccanti del recettore dell'angiotensina II.

4. Terapia con statine indipendentemente dal livello di colesterolo.

Descrizione del risultato finale atteso del trattamento

Una persistente diminuzione della pressione sanguigna verso l'obiettivo <130/80 mm RT. Art., Con danno renale cronico e proteinuria giornaliera di almeno 1 g - <125/75 mm RT. Art. Riduzione del numero e della gravità dei reclami dei pazienti a carico del sistema cardiovascolare. Riduzione del rischio.

Durata del trattamento

Il trattamento ambulatoriale viene eseguito continuamente per tutta la vita.

In caso di crisi ipertensiva complicata, è obbligatorio il trattamento ospedaliero con una durata corrispondente al profilo e al tipo di complicazione. Il trattamento ospedaliero è necessario con un'efficacia insufficiente del trattamento ambulatoriale, la presenza di complicanze (scompenso acuto nell'insufficienza cardiaca, insufficienza renale cronica). La durata del trattamento ospedaliero è di 10-12 giorni.

Criteri di qualità del trattamento

Stabilizzazione della pressione sanguigna all'interno del bersaglio. L'assenza di nuove complicanze dell'ipertensione dagli organi bersaglio e l'ulteriore progressione delle violazioni delle loro funzioni.

Possibili effetti collaterali e complicanze

Effetti collaterali dei farmaci antiipertensivi in ​​base alle loro proprietà farmacologiche.

Raccomandazioni ambulatoriali

I pazienti devono essere sottoposti a follow-up nel luogo di residenza. Un esame obbligatorio annuale nell'ambito di un programma diagnostico, se necessario, esame e correzione della terapia più spesso di 2 volte all'anno.

Requisiti dietetici e di restrizione

Ai pazienti viene mostrata una dieta con una limitazione del sale a 5 g / die, grassi animali e prodotti contenenti colesterolo. Si raccomanda una dieta arricchita con acidi grassi polinsaturi omega-3 (pesce di mare). Con sovrappeso, il valore energetico del cibo è limitato.

In presenza di cattive abitudini - rifiuto del fumo, limitazione del consumo di alcol.

Requisiti per il regime di lavoro, riposo, riabilitazione

I pazienti possono essere indirizzati a MSEC a causa di disabilità. Si raccomanda una limitata attività fisica dosata sotto la supervisione di specialisti in terapia fisica. Non è consigliabile rimanere alla luce diretta del sole, ipotermia e surriscaldamento.
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del libro di testo =

Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con ipertensione (ipertensione essenziale) stadio III

  1. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con ipertensione (ipertensione essenziale) stadio I-II
    Intestazione ICD-10: I0 - I5 Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche I pazienti con ipertensione in stadio I e II sono sottoposti a visita ambulatoriale e trattamento presso il domicilio nelle cliniche distrettuali da parte di terapisti locali o medici di famiglia. Nei casi più gravi, per escludere l'ipertensione (secondaria) sintomatica, viene effettuato un ulteriore esame e chiarimento della diagnosi in cardiologia urbana,
  2. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con malattia coronarica: angina stabile dello sforzo III-IV FC
    Intestazione ICD-10: W.8 Segni e criteri per la diagnosi della malattia Con angina pectoris stabile, si nota la comparsa di attacchi anginosi durante lo stress fisico ed emotivo. L'angina pectoris FC è determinata dal livello di carico a cui compaiono i segni di ischemia. Con III FC, gli attacchi di angina si verificano durante il normale sforzo fisico. Con IV FC, vengono provocati attacchi di angina
  3. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con DCMP
    Intestazione ICD-10: M2.0 Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche I pazienti con DCMP sono sottoposti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza. L'esame può essere effettuato presso cliniche distrettuali e, se necessario, esami supplementari - in dispensari di cardiologia e centri diagnostici della città. Con la progressione dell'insufficienza cardiaca, il trattamento cardiaco
  4. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con HCMP
    Intestazione ICD-10: 142.1 Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche I pazienti sono sottoposti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza. L'esame può essere effettuato presso cliniche distrettuali e, se necessario, esami supplementari - in dispensari di cardiologia e centri diagnostici della città. Se ci sono prove, i pazienti sono sottoposti a chirurgia
  5. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con NDC
    Intestazione ICD-10: F45.3 Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche I pazienti sono sottoposti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza. L'esame può essere effettuato presso cliniche distrettuali e, se necessario, esami supplementari - in dispensari di cardiologia e centri diagnostici della città. Programma diagnostico Ricerca obbligatoria Raccolta di reclami e
  6. Protocollo clinico per la fornitura di cure mediche ai pazienti con miocardite
    Rubrica ICD-10: Ш, Ш, Ш.4 Condizioni in cui devono essere fornite le cure mediche Le caratteristiche dell'esame e del trattamento dipendono dalla prevalenza e dal decorso della miocardite. I pazienti con miocardite focale sono soggetti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza. L'esame può essere effettuato in cliniche distrettuali e, se necessario, esami supplementari - in città
  7. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con dislipidemia
    Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche Tutti i pazienti con dislipidemia identificata, compresi i pazienti con cardiopatia ischemica e equivalenti di cardiopatia ischemica (con aterosclerosi periferica, aterosclerosi dell'arteria cerebrale, aneurisma aortico, pazienti con diabete mellito), nonché i pazienti asintomatici con dislipidemia devono essere esaminati e trattati nel luogo di residenza. Il sondaggio può essere condotto in
  8. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con cardiopatia reumatica cronica (difetti cardiaci)
    Intestazione ICD-10: U5-GO9 Condizioni alle quali dovrebbero essere fornite le cure mediche Tutti i pazienti con difetti cardiaci devono essere indirizzati per il trattamento chirurgico alle istituzioni specializzate appropriate. In caso di impossibilità o ritardo del trattamento chirurgico, tali pazienti sono soggetti a visita ambulatoriale e trattamento presso il luogo di residenza. Il sondaggio può essere condotto nel distretto
  9. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con endocardite infettiva
    Intestazione ICD-10: B3.0 Condizioni alle quali fornire assistenza medica I pazienti con endocardite infettiva sono sottoposti a trattamento ospedaliero nel luogo di residenza. Se ci sono indicazioni, i pazienti devono essere indirizzati per il trattamento chirurgico alle istituzioni specializzate appropriate. Programma diagnostico Ricerca obbligatoria 1. Raccolta di reclami e anamnesi. 2. Esame clinico.
  10. Protocollo clinico per fornire assistenza medica ai pazienti con tachicardia sopraventricolare
    Intestazione ICD-10: I47.1 Segni e criteri per la diagnosi della malattia Hanno natura parossistica, insorgenza e fine improvvise. Nella maggior parte dei casi, un ritmo regolare con lievi fluttuazioni di frequenza. Frequenza cardiaca 100-250 battiti / min, di solito 140-220 battiti / min. Le contrazioni ventricolari corrispondono a contrazioni atriali o meno in presenza di blocco AV. I complessi Q - R - S sono stretti, ma per
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com