Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

classificazione

Secondo l'ICD-10, tra le varietà di infarto miocardico acuto, ci sono:

MI infarto miocardico acuto con presenza di un'onda Q patologica (I21.0 - I21.3);

MI infarto miocardico acuto senza onda Q patologica (I21.4);

MI infarto miocardico acuto (non specificato - in caso di diagnosi difficile I21.9);

MI MI ricorrente (I22);

¦ MI ripetuto (I22);

¦ insufficienza coronarica acuta (I24,8 intermedio).

Le complicanze di un infarto acuto sono classificate come segue:

¦ OCH (classi I-IV secondo Killip, I50.1);

¦ disturbi del ritmo cardiaco e della conduzione (tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare, ritmo idioventricolare accelerato, fibrillazione e flutter atriali, aritmia sopraventricolare, extrasistole sopraventricolare e ventricolare, blocco atrioventricolare I - III grado
nodo del seno, asistolia I44 - I49);

¦ rottura esterna del cuore (acuta e subacuta - con formazione di pseudoaneurismi) con emopericardio (I23.0) e senza emopericardio (I23.3);

¦ rottura interna del cuore (con la formazione di un difetto del setto atriale

123.1, difetto del setto ventricolare

123.2, rottura dell'accordo tendineo I23.4, strappo del muscolo papillare I23.5);

¦ trombosi nelle cavità del cuore (I23.6);

¦ tromboembolia del piccolo e grande cerchio della circolazione sanguigna (I23.8);

¦ dilatazione precoce post-infarto con formazione di aneurisma cardiaco acuto (I23.7);

¦ pericardite da epistenocardite (pericardite epistenocardica);

Sindrome di Ä Dressler (I24.1);

¦ angina pectoris post-infarto precoce (da 72 ore a 28 giorni) (I20.0).
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del libro di testo =

classificazione

  1. Classificazione ASA delle condizioni fisiche del paziente (classificazione dell'Associazione americana degli anestesisti)
    Il grado 1 è un soggetto sano normale. Grado 2 - un paziente con lievi disturbi sistemici. 3 ° grado - un paziente con significativi disturbi sistemici che limitano l'attività, ma non portano a disabilità. 4 ° grado - un paziente con una malattia gravemente invalidante che rappresenta una minaccia per la vita. 5 ° grado - un paziente morente che può morire all'interno
  2. Classificazione delle citochine
    La classificazione delle citochine può essere effettuata in base alle loro proprietà biochimiche e biologiche, nonché in base ai tipi di recettori attraverso i quali le citochine svolgono le loro funzioni biologiche. La classificazione delle citochine (Tabella 1) tiene conto non solo della sequenza degli aminoacidi, ma soprattutto della struttura terziaria della proteina, che riflette più accuratamente l'origine evolutiva delle molecole [Nicola,
  3. CLASSIFICAZIONE
    Innanzitutto, diamo la vecchia classificazione tradizionale utilizzata nel nostro paese e basata sull'ICD-9. Secondo quest'ultimo, l'ipertensione è classificata in base allo stadio, al corso e al tasso di progressione / tabella 7 /. TABELLA 7 CLASSIFICAZIONE DELL'IPERTENSIONE
  4. classificazione
    Vengono utilizzate tre classificazioni della malattia: la classificazione del Giura dell'American Association of Rheumatology, la classificazione dell'artrite cronica giovanile della lega europea contro i reumatismi e la classificazione dell'artrite idiopatica giovanile della International League of Rheumatology Associances (Tabella 1). Le caratteristiche comparative dei criteri di classificazione sono presentate nella tabella. 2. Perché questa sezione
  5. CLASSIFICAZIONE
    L'obesità è, apparentemente, un gruppo eterogeneo di disturbi con, nella maggior parte dei casi, un'eziologia inspiegabile, a seguito della quale il trattamento di questa condizione è problematico e il successo si ottiene solo nel 5% dei casi. Sono state proposte diverse classificazioni di CO, ma nessuna di queste è universale. G. Bray per la prima volta nel 1979 fornisce una classificazione eziologica di CO nell'uomo,
  6. classificazione
    Esistono numerose opzioni per le manifestazioni cliniche di questa malattia: morte cardiaca improvvisa (BCC), angina pectoris, ischemia miocardica indolore (BIM), infarto del miocardio (MI), cardiosclerosi post-infarto. Non esiste una classificazione clinica universalmente accettata della malattia coronarica. Ciò è dovuto alle idee in rapida evoluzione sui meccanismi di sviluppo dell'insufficienza coronarica, con la presenza di un comune
  7. Classificazione AH
    AH, come definito dal Comitato di esperti dell'OMS, è un SBP e / o un DBP in costante aumento. L'ipertensione essenziale (ipertensione primaria o ipertensione) è un aumento della pressione sanguigna in assenza di una ragione evidente per il suo aumento. L'ipertensione secondaria (sintomatica) è l'ipertensione, la cui causa può essere identificata. Secondo le ultime raccomandazioni della società europea
  8. CLASSIFICAZIONE
    Secondo l'ICD-10 della revisione / Tab. 6 /, nella rubrica 170 "Aterosclerosi" sono inclusi vari concetti, alcuni dei quali sono presentati di seguito. Tabella 6 CLASSIFICAZIONE DI AEROSCLEROSI / ICD-10/170 Aterosclerosi 170.1 Aterosclerosi delle arterie renali / Rene di Goldblatt /
  9. Classificazione DZMZH
    La complessità della correlazione dei risultati di vari studi, nonché la percezione e l'implementazione delle raccomandazioni terapeutiche disponibili in varie fonti di letteratura, è dovuta alla presenza di molte classificazioni costruite sulla base di diversi principi sottostanti. La maggior parte delle pubblicazioni straniere utilizza la classificazione adottata alla conferenza di approvazione del College of American
  10. classificazione
    Al fine di valutare il significato prognostico dei sintomi di NS e di distinguere un gruppo di persone con un decorso particolarmente sfavorevole della malattia, E. Braunwald nel 1989, fu proposta una classificazione di NS, modificata nel 2000 (CW Hamm, E. Braunwald), in cui la NS è divisa in classi e forme a seconda della gravità del quadro clinico della malattia e delle condizioni per l'insorgenza di SCA (tabella 29). Tabella 29
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com