Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Analisi delle caratteristiche anatomiche della localizzazione delle lesioni aterosclerotiche nel letto coronarico

<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Analisi delle caratteristiche anatomiche della localizzazione delle lesioni aterosclerotiche nel letto coronarico

  1. Interventi coronarici percutanei in presenza di curve nel letto delle arterie coronarie, lesioni della bocca, lesioni calcificate, lesioni lunghe
    Interventi coronarici percutanei in presenza di curve nel letto delle arterie coronarie, lesioni della bocca, lesioni calcificate, lunghe
  2. APPLICAZIONE DI ULTRASUONI ANTI-VASCOLARI PER LA VALUTAZIONE DELLE LESIONI AEROSCLEROTICHE DELLE ARTERIE CORONARIE E DEI RISULTATI DI STENTING
    L'ecografia intravascolare è un metodo diagnostico invasivo che fornisce imaging intravitale delle strutture che si trovano all'interno del lume e delle pareti dei vasi sanguigni. Per eseguire l'ecografia intravascolare, sono necessari piccoli strumenti. La creazione di apparecchiature ad ultrasuoni in miniatura ad alta risoluzione è stata facilitata dallo sviluppo di piezoelettrici e microelettronici
  3. Caratteristiche tecniche della stenosi dell'angioplastica coronarica della bocca delle arterie coronarie
    Cateteri guida. Molto spesso, la bocca dell'arteria coronaria destra viene cateterizzata con successo usando cateteri come Judkins Right e Amplatz Right o Hockey Stick - per l'arteria coronaria sinistra. Per la bocca dell'arteria coronaria sinistra, l'involucro del ramo, i rami laterali e le altre arterie principali nel sistema dell'arteria coronaria sinistra, viene solitamente utilizzato un catetere di tipo Judkins
  4. ANALISI DEI CORONAROGRAMMI IN AEROSCLEROSI CORONARIA
    Nonostante il fatto che la coronarografia selettiva sia stata utilizzata nella pratica cardiologica per più di 30 anni, i metodi di analisi degli angiogrammi coronarici continuano a svilupparsi e migliorare. Questo processo è indissolubilmente legato all'introduzione di metodi fondamentalmente nuovi per il trattamento di pazienti con aterosclerosi coronarica. La visualizzazione intravitale del letto coronarico ha permesso, innanzitutto, di affermare in modo affidabile il fatto stesso
  5. ANATOMIA DELLE ARTERIE CORONARIE. ANALISI COMPLETA DEI CORONAROGRAMMI
    Il cuore umano è alimentato di sangue dalle arterie coronarie sinistra e destra, che si estendono dall'arco aortico ascendente nei seni coronarici sinistro e destro (Fig. 1.60-1.62). Il metodo più affidabile per l'imaging intravitale delle arterie coronarie al momento è la coronarografia. L'analisi delle lesioni aterosclerotiche identificate su angiogrammi coronarici determina le tattiche di trattamento dei pazienti con
  6. IL RUOLO DEL TESSUTO MUSCOLARE NELLA CONDOTTA DELLE INFORMAZIONI IN DANNI ANATOMICI DEL CAVO SPINALE
    I muscoli striati, che hanno due o più punti di fissazione sulle ossa opposte dello scheletro, sono innervati da vari segmenti del midollo spinale (11,12,15,16,20,22). Il danno a un segmento può ridurre la funzione dei muscoli striati (paresi) fino a un arresto delle contrazioni muscolari (paralisi) (7,9,14,16,21). Con lesione spinale dopo un periodo di shock spinale
  7. Milovanov A.P. Analisi patologica e anatomica delle cause delle morti materne, 2003

  8. Caratteristiche anatomiche
    Sistema cardiovascolare Il resto della circolazione sanguigna e la sua trasformazione dopo il parto sono discussi nel capitolo 42. I bambini possono sperimentare difficoltà significative nelle vene cateterizzanti. Ciò è particolarmente vero per i bambini che hanno già trascorso diverse settimane nel reparto di terapia intensiva neonatale. Anche un bambino di un anno in buona salute può avere difficoltà a cateterizzare una vena a causa di
  9. Caratteristiche anatomiche e fisiologiche del neonato
    CARATTERISTICHE ANATOMICHE, FISIOLOGICHE E FUNZIONALI DELLA PELLE NEONATA La pelle è l'organo più grande del corpo; costituisce il dodicesimo di tutto il peso corporeo. La pelle si sviluppa da due primordie: gli strati di germi ectoderma e mesoderma. Nella struttura della pelle si distinguono l'epidermide e il derma, tra i quali si trova la membrana basale. L'epidermide e le sue appendici (capelli, unghie,
  10. Caratteristiche anatomiche e fisiologiche degli anziani
    Sistema cardiovascolare È importante distinguere tra i normali cambiamenti legati all'età e le malattie (Tabella 45-2). Ad esempio, l'aterosclerosi è una malattia - gli anziani sani non lo fanno. Al contrario, una diminuzione dell'elasticità arteriosa dovuta alla fibrosi media è una manifestazione del normale PROBLEMA 45-1. Le somiglianze tra bambini piccoli e anziani, distinguendoli dal resto
  11. Caratteristiche della struttura anatomica del pollame
    La spina dorsale degli uccelli è alleggerita. La sezione facciale del cranio è composta dal becco e dalla mandibola. C'è un osso quadrato. L'osso occipitale trasporta il condilo. Nello scheletro cervicale dei polli 13-14, anatre 14-15, oche 17-18 vertebre. Ci sono 7 vertebre toraciche nei polli, 9 anatre e oche Le costole sono completamente ossute. La chiglia è molto sviluppata sullo sterno. Le vertebre lombari e sacrali nella quantità di 11-14 pezzi si fondono e
  12. CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA ANATOMICA DEGLI ANIMALI DI VARIE SPECIE
    L'organismo animale è costituito da organi combinati in sistemi di organi. Si distinguono i seguenti sistemi di organi: movimento volontario, pelle, digestione, respirazione, escrezione, riproduzione, circolazione sanguigna e linfatica con il sistema di difesa immunitaria, sistema nervoso e sistema di organi
  13. Quali caratteristiche anatomiche possono causare infarto emisferico in questo caso clinico?
    Le principali arterie-anastomosi del circolo di Willis (le arterie connettive anteriore e posteriore) non sono sempre ben sviluppate. Il calibro di queste arterie è estremamente variabile e una o entrambe le arterie connettive posteriori possono essere assenti. Inoltre, la frequenza della grave stenosi aterosclerotica delle arterie principali (carotide interna e vertebrale) aumenta con l'età e nei pazienti di età compresa tra 60 e 70 anni è 6-8
  14. Caratteristiche tecniche e selezione degli strumenti necessari per l'angioplastica in presenza di un segmento prossimale contorto nell'arteria coronaria
    Per un'angioplastica di successo in un'arteria con tortuosità prossimale, è necessario selezionare tutti gli elementi del sistema per l'angioplastica in base alle caratteristiche anatomiche dell'arteria. Prima di tutto, è necessario scegliere e installare adeguatamente un catetere guida alla bocca dell'arteria coronaria. La caratteristica principale del catetere guida è la fissazione stabile della punta
  15. Danni. Il concetto di infortunio. Caratteristiche delle lesioni infantili
    Danno (trauma) - violazione dell'integrità anatomica o delle funzioni degli organi (tessuti) a causa di esposizione estranea (qualsiasi tipo di energia - meccanica, fisica e chimica, ecc., Incluso l'impatto mentale). Danno meccanico - violazione dell'integrità anatomica o delle funzioni degli organi (tessuti) a causa dell'influenza dell'energia cinetica di qualsiasi oggetto. Al verificarsi
  16. Angioplastica di lesioni aterosclerotiche calcificate
    In alcune situazioni cliniche, la stenosi calcificata delle arterie coronarie (Fig. 1.109) può rappresentare un grave ostacolo all'angioplastica coronarica. Innanzitutto, la calcificazione nella regione paravasale vicino alla placca aterosclerotica, visibile senza somministrazione di un mezzo di contrasto, indica che la stenosi ha una struttura più rigida. Pertanto, qualsiasi pressione
  17. Caratteristiche del danno causato da oggetti appuntiti e contundenti
    Gli oggetti taglienti sono divisi in base al loro scopo, alle caratteristiche dei meccanismi dell'effetto dannoso su: tagliare, tagliare, pungere e tagliare, pungere, segare e tranciare. Differenziazione delle caratteristiche di questi oggetti, determinazione delle caratteristiche morfologiche del danno: un bordo affilato (lama) nel taglio, nel taglio e nel taglio; spigolo vivo (o spigoli) ed estremità affilata nelle cuciture e spigolo vivo
  18. Tattica dell'intervento coronarico percutaneo nella sindrome coronarica acuta senza elevazione del segmento ST
    Recensioni pubblicate di recente indicano che gli interventi coronarici percutanei sono eseguiti in meno del 50% dei pazienti con sindrome coronarica acuta senza elevazione della ST (GRACE (Global Registry of Acute Coronary Events), CRUSADE (Coronary Revascularization UltraSound Angioplasty DEvice DEvice trial). Proponenti del trattamento farmacologico per pazienti con angina instabile e infarto del miocardio senza aumento del segmento ST
  19. Caratteristiche dello sviluppo della reazione infiammatoria a seconda della localizzazione dell'infiammazione, della reattività dell'organismo, della natura del fattore eziologico. Il ruolo dell'età nello sviluppo dell'infiammazione
    Indipendentemente dalla localizzazione del processo infiammatorio e dall'origine del fattore eziologico nella zona di infiammazione acuta, si verifica sempre un complesso standard di cambiamenti vascolari e tissutali. La reazione dei tessuti all'azione del fattore dannoso è di natura fase e si manifesta con alterazione, essudazione e proliferazione. Insieme ai disturbi dei tessuti, un complesso di vascolare
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com