principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Trapianto di midollo osseo

Il trapianto di midollo osseo è oggi una delle aree più giovani e attuali di ematologia. Con l'aiuto del trapianto di midollo osseo, è possibile combattere le leucemie refrattarie, gravi anemie aplastiche, immunodeficienze e altre malattie ematologiche e oncologiche, nonché con alcune malattie metaboliche genetiche.

Il trapianto di midollo osseo è allogenico, quando il paziente viene trapiantato con le sue cellule del midollo osseo dopo una speciale purificazione e autologo, in cui il donatore è un parente del paziente o un donatore speciale trovato utilizzando il sistema compatibile con HLA.

Il sistema HLA-compatibile, che mostra la compatibilità del midollo osseo e di altri organi, fu scoperto nel 1950.
Per lungo tempo, è stato eseguito solo il trapianto di midollo osseo correlato, i donatori erano più spesso fratelli o sorelle e talvolta genitori.

Uno dei primi trapianti di midollo osseo è stato fatto nel 1958 in Francia da un ematologo Mate a sei persone di Belgrado con diagnosi - malattia da radiazioni. Di questi, cinque persone sono sopravvissute, una è morta.

I pericoli del trapianto di midollo osseo si trovano nel rifiuto del midollo osseo del donatore e nelle complicanze post-trapianto. Un paziente che ha subito questa operazione non ha immunità, qualsiasi infezione diventa fatale per lui. A causa di queste complicazioni, il trapianto di midollo osseo viene utilizzato solo quando tutti gli altri farmaci non funzionano.
<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Trapianto di midollo osseo

  1. Ipoplasia del midollo osseo PARZIALI ("CELLULA ROSSA"). ERITROBLASTOFTIZ
    Di particolare interesse sono i casi di anemia ipo-aplastica che si verificano con lesioni selettive dell'eritropoiesi, con trombocitopoiesi intatta e in parte leucopoiesi. Questa forma (erroneamente indicata da alcuni autori come "anemia ipoplastica parziale" (è una variante speciale dell'anemia ipoplastica, caratterizzata, in contrasto con la mielopesi totale parziale,
  2. PATOLOGIA DELLA CELLULA SANGUE E DEL MARCHIO OSSEO
    Questo capitolo è dedicato alle malattie che causano cambiamenti nel sistema di eritrociti, leucociti e piastrine, nonché disturbi della riproduzione di elementi del sangue nel midollo osseo. Anche se i linfociti appartengono al gruppo dei leucociti del sangue, le malattie del sistema linfocitario, ad eccezione della leucemia linfatica (leucemia linfocitica), è consigliabile considerare separatamente, questo è fatto nel capitolo 13. Tale
  3. La struttura e il ruolo del midollo osseo nell'attività del sistema immunitario
    Tutte le cellule del sangue, comprese le cellule immunocompetenti, provengono da una cellula staminale polipotente, che dà origine a vari germogli del sangue, tra cui mielomonocitico e linfocitario. La direzione della differenziazione dei progenitori precoci dipende dall'influenza del loro microambiente, dall'influenza delle cellule stromali del midollo osseo. Le cellule stromali del midollo osseo includono:
  4. Analisi morfologica delle cellule del midollo osseo con conta dei mielogrammi
    Lo studio dei mielogrammi dovrebbe iniziare con la visualizzazione dei preparati cervicali con un piccolo ingrandimento del microscopio. Ciò consente di determinare la qualità degli strisci, della cellularità del midollo osseo, per rilevare gruppi di cellule atipiche. Dopo aver visto lo striscio sotto un piccolo aumento, viene applicata una goccia di olio per immersione e, con un notevole aumento, procedere alla differenziazione degli elementi sagomati.
  5. PATOLOGIA DELLA CELLULA SANGUE E DEL MARCHIO OSSEO. anemia
    Le malattie ematologiche possono essere primarie, cioè causate dalla malattia degli stessi organi ematopoietici o secondari, che riflettono il danno di qualsiasi altro sistema. Le malattie secondarie sono più comuni. La disponibilità di studi morfologici su cellule del sangue, per esempio, in uno striscio di sangue venoso o di puntura del midollo osseo, fornisce uno studio diretto dei cambiamenti avvenuti. il
  6. Esame del midollo osseo e osseo
    La dissezione ossea in condizioni normali è molto rara. In condizioni di guerra, l'autopsia degli ospedali di evacuazione, così come l'autopsia, l'autopsia delle ossa è spesso di notevole interesse. Lo studio delle ossa piatte - il cranio, lo sterno, le costole, le ossa pelviche - viene effettuato nello stesso momento in cui il cadavere viene aperto, i tagli necessari vengono fatti, tagliati con uno scalpello, ecc.
  7. ANEUPLOIDIA E POLIPLOIDIA DI CELLULE DI OLIO DI MARE OUTRALI E SANGUE DI PAZIENTI CON LINFONI NON KHODZHKIN PRIMA E DOPO IL TRATTAMENTO
    Ankina M.A., Zavitaeva T.A., Panferova T.A., Shakhtarina S.V., Danilenko A.A. Centro di ricerca radiologica medica dell'Accademia russa di scienze mediche, Obninsk Obiettivo: la presenza di cellule aneuploidi nel sangue è considerata anormale. Nelle colture da individui sani, non si trova più del 5,9% di tali cellule, mentre le cellule ipoaneuploidi - 5,2% e cellule iperuploidi - 0,7%. Cellule poliploidi con
  8. ANEMIA A CAUSA DELL'ESPOSIZIONE TOSSICA DEL MARCHIO OSSEO (ANEMIA MIETOSSIDICA)
    ANEMIA THYROORTHEUS L'anemia stimolazione tiroidea è un'anemia che si sviluppa sulla base dell'ipotiroidismo. Il lavoro sperimentale conferma il ruolo importante dell'ormone tiroideo - tiroxina - nella stimolazione della normale formazione del sangue. Gli animali privati ​​della ghiandola tiroidea, rapidamente anemiziruyutsya, l'introduzione degli stessi farmaci tiroidei agli animali tiroidectomizzati li guarisce dagli effetti della tiroide indotta
  9. Coinvolgimento delle cellule ematopoietiche del midollo osseo nel processo di metastasi: nuovi obiettivi per la diagnosi delle metastasi delle cellule tumorali e la loro distruzione
    Le ragioni per le quali le cellule tumorali possono lasciare il sito primario del cancro e migrare verso altre parti del corpo non sono completamente comprese. Molte vite possono essere salvate se possiamo fermare questo processo. Fino ad ora, si riteneva che il luogo delle metastasi fosse determinato da quale organo o organi con il flusso sanguigno prendevano una cellula cancerosa o cellule dal sito primario del cancro. Da lei dividendo
  10. PATOLOGIA DELLA CELLULA SANGUE E DEL MARCHIO OSSEO. Neoplasie linfoidi. Neoplasie mieloidi. Sindromi mielodisplastiche NON FORMAZIONI DI ORIGINE IOSIOCITICA
    Nella struttura di morbilità e mortalità da malattie oncologiche, i tumori dei tessuti ematopoietici e linfoidi occupano, a seconda del sesso e dell'età, il 7-9%. Ogni anno, su 100.000 abitanti del nostro pianeta, 9 persone si ammalano di qualche forma di leucemia, ma in gruppi di età superiore a 65 anni, 69 su 100 mila persone sono già malate. Eziologia e patogenesi delle neoplasie linfoemopoietiche
  11. Anemia dovuta al drenaggio del midollo osseo, all'ipotiroidismo e all'anemia aplastica. SINDROME MIELOPLASTICA
    Nonostante il gran numero di studi dedicati allo studio delle anemie ipo-e aplastiche, non è ancora possibile creare una classificazione razionale di queste condizioni, poiché non solo i problemi della patomorfogenesi, ma anche la definizione del concetto stesso di "anemia plastica" è discutibile. In accordo con i concetti moderni della genesi dell'ipo- e
  12. Supporto anestetico del trapianto cardiaco
    Sezione scritta da I.A. Kozlov Nella pratica quotidiana di molte cliniche straniere, il trapianto di cuore ha assunto saldamente il suo posto come l'unica misura di salvataggio efficace per i più gravi malati di cuore. Nel nostro paese, l'esperienza di queste operazioni è piccola. Tuttavia, nell'ambito di questo manuale, è consigliabile prendere in considerazione le caratteristiche della loro gestione anestetica. Esecuzione generale
  13. Anestesia per trapianto polmonare
    Informazioni generali Il trapianto è indicato nella fase terminale delle malattie polmonari parenchimali o nell'ipertensione polmonare, quando l'insufficienza respiratoria è compensata e la prognosi è inequivocabilmente sfavorevole. I criteri variano a seconda della natura della malattia. Le malattie più comuni in cui il trapianto di polmone può essere mostrato sono presentate in Tabella. 24-5.
  14. Anestesia per trapianto di cuore
    ______ Informazioni generali Il trapianto di cuore è il trattamento di scelta nella cardiopatia allo stadio terminale, quando l'aspettativa di vita senza intervento chirurgico è di 6-12 mesi. La sopravvivenza entro 1 anno dopo il trapianto di cuore raggiunge l'80-90%, il tasso di sopravvivenza a cinque anni - 60-70%. Inoltre, il trapianto migliora significativamente la qualità della vita, così che molti (se non tutti) pazienti possono farlo
  15. Un caso studio: trapianto di fegato
    Una donna di 23 anni ha mangiato funghi raccolti nella foresta, dopo di che ha sviluppato un fallimento epatico fulminante. Il trapianto di fegato è l'unico modo per salvarle la vita. Quali sono le indicazioni per il trapianto di fegato? Il trapianto di fegato ortotopico viene solitamente eseguito in pazienti con insufficienza epatica terminale, quando le complicanze potenzialmente letali sono resistenti
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com