Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

PROPRIETÀ MAGICHE DELLE PIANTE MEDICINALI

Le tecniche magiche in medicina sono così strettamente correlate alla fitoterapia che è difficile separarle l'una dall'altra. Questa connessione si riflette in molti antichi miti. Secondo la mitologia greca, la medicina delle piante fu preparata dalla Panacea - la figlia di Asclepio, il dio greco della guarigione. Tuttavia, le erbe acquisirono proprietà curative solo dopo averle toccate sul cofano del fratello minore Telesfor, il genio della guarigione magica. Era ritratto nella forma di un bambino, una figura, e talvolta il suo viso era nascosto da un ampio mantello con cappuccio.

Molte idee sulle proprietà medicinali delle piante sono associate alla legge di somiglianza (p. 19). Quindi, ad esempio, nella stanza di una persona gravemente ammalata, i medici del Rinascimento europeo hanno raccomandato di posizionare le piante verdi con un gambo riccio che "strisciava" lungo le pareti. Si credeva che fossero in grado non solo di "prendere" parte del dolore e della sofferenza di una persona su se stessi, ma anche di aiutarlo a "uscire", "strisciare" dalla malattia e riprendersi, proprio mentre "strisciava" e decorato con nuove foglie luminose e succose del gambo della pianta .

Paralleli storici:

Il "creep" della malattia è interessante da confrontare con lo "scivolamento" del dolore o del disturbo da parte del corpo umano.

I guaritori africani della tribù Ndembu usano un albero nei rituali dei media la cui superficie è così scivolosa che è quasi impossibile scalarla. Lo scopo della sua applicazione è di far "scivolare" la malattia dal corpo

malato o aiutare il bambino a "scivolare" fuori dal corpo della madre durante le nascite difficili.

Le antiche tradizioni a volte ci danno l'opportunità di tracciare il percorso complesso della ricerca di piante medicinali, basato sulla legge della somiglianza. Secondo la convinzione, la guarigione della malattia può essere trovata nel luogo in cui "si aggrappava". Ad esempio, è stato scoperto che il salice che cresce vicino all'acqua fornisce una cura per i reumatismi, una malattia che è spesso associata alla lunga permanenza di una persona in zone umide. La legge di somiglianza collegava la causa della malattia e la guarigione della medicina da essa con una connessione magica.

Le idee magiche della medicina antica si manifestarono anche nel fatto che, come medicina, venivano utilizzate piante che avevano un colore o una struttura simile alle manifestazioni esterne della malattia o a quella parte del corpo umano che questa pianta poteva curare. Quindi, il rosso era associato al sangue, bucato dalle ferite, giallo con l'ittero, le piante con foglie filiformi venivano usate per trattare la calvizie. "Simile è stato trattato come": sanguinamento - con argilla rossa, piante con fiori rossi; ittero - con succo di celidonia gialla, piume gialle di uccelli e persino ventre giallo di luccio; con l'aiuto dell'erba che cresce sulle pietre ("pietre rotte"), le pietre furono espulse dalla cistifellea; le piante, il cui aspetto somigliava alla struttura della mascella e dei denti, venivano trattate per malattie dentali. Nella medicina popolare cinese, c'era una teoria secondo cui le parti superiori delle piante medicinali (fiori e gemme) dovevano essere utilizzate per le malattie della parte superiore del corpo, le parti centrali (steli) trattavano la parte centrale e la parte inferiore (radici) - quella inferiore.

Paralleli storici: la tradizione del "trattare il simile con il simile" ha una storia interessante ed è attualmente una delle basi dell'omeopatia (dal greco "homoios" - simile e "pathos" - malattia, sofferenza). Nel XVI secolo, il grande alchimista e medico Paracelso creò la dottrina secondo cui le piante medicinali possono essere trovate dai segni che la natura stessa le imponeva - firme (dal latino medievale "signatura" - per indicare, indicare). Quindi, ad esempio, le piante con foglie a forma di cuore aiutano con le malattie cardiache e le foglie a forma di rene dovrebbero essere utilizzate nel trattamento dei reni. La prugna era considerata utile per le malattie cardiache, poiché ricorda il cuore stesso, e la radice miracolosa della mandragora è un rimedio per tutte le malattie, poiché ricorda una figura umana.

Proprietà magiche straordinarie sono state attribuite ad alcune piante. Un ruolo speciale nella storia della guarigione magica appartiene alla mandragora. Secondo un'antica leggenda greca, una persona esperta nella magia e nella guarigione si è trasformata in una mandragora. Da allora, la radice della pianta mantiene la forma della sua forma. Inoltre, questa radice era considerata in grado di muoversi sulla terra, in modo simile a come una persona si muove sulla terra. Lo storico romano Giuseppe Flavio (I secolo) scrisse che la radice della mandragola brilla nell'oscurità e porta salute, felicità e carattere leggero alla persona che la possiede. Una persona con pensieri impuri non potrebbe diventare il felice proprietario della radice: la pianta percepisce l'approccio di tali persone e si allontana da esse. Nell'Europa medievale, per lungo tempo si credeva che una persona che toccasse una mandragola sperimentasse la morte immediata. Si credeva che estrarre la radice di questa pianta dalla terra fosse possibile solo con l'aiuto di un cane nero affamato. Deve essere attaccato alla pianta e poi mostrarle un pezzo di carne. Il cane si precipita sulla carne e strappa la radice da terra. Allo stesso tempo, la mandragora emette un pianto così straziante che una persona può morire di paura se non scappa prima delle 5? distanza di sicurezza.

Le leggende sulle proprietà miracolose della mandragora hanno causato una caccia diffusa alla radice di questa pianta. È stato molto difficile trovarlo, non solo perché questa pianta è rara, ma anche perché la parte fuori terra svanisce rapidamente e la radice è quasi invisibile nel terreno. Già dal XV secolo. la mandragola scomparve dalle farmacie europee e divenne una vera rarità. Sempre più spesso, iniziarono ad apparire falsi: dalle radici di altre piante, venivano raccolti simili a piccoli uomini. Grani di miglio o orzo furono inseriti nella loro "testa" e sepolti nella sabbia bagnata. Dopo che i grani germogliarono e la testa di una tale radice fu coperta con "capelli" di colore verde, la sua forma divenne ancora più simile alla figura di una persona. Tali figure vestite con abiti luminosi e vendute sul mercato per grandi soldi sotto le spoglie di una radice di mandragora, che veniva utilizzata nella guarigione magica. Nel nostro tempo, la mandragora è elencata nel Libro rosso come la specie vegetale più rara, ma si ritiene che le sue specie medicinali più preziose siano già scomparse dalla faccia della Terra.

Paralleli storici:

Nella medicina dell'antica Cina, la radice di ginseng è conosciuta da circa cinquemila anni (tradotto dal cinese "ginseng" - "uomo radice"), da cui si ottiene un gran numero di medicinali.
Come una mandragora, ricorda la forma di una persona ed è considerata una pianta preziosa che può curare quasi tutte le malattie. Ci sono molte leggende sulla sua origine. Eccone uno di questi: quando un fulmine colpisce l'acqua limpida di una sorgente montana, va sottoterra e al suo posto cresce una pianta che ha assorbito tutto il potere del fuoco celeste. La scoperta di questa rara pianta che cresce all'ombra degli alberi è stata considerata un grande successo. Successivamente iniziò a crescere in piantagioni speciali. Le leggende attribuiscono a questa pianta la proprietà di ritornare giovani. Alcuni autori attribuiscono questo punto di vista alla straordinaria capacità della radice di ginseng di levigare e "diventare più giovane" quando inzuppato. Le rughe sulla sua superficie scompaiono, diventa sgradevole e rosa. Karl Linnaeus, compilando la classificazione delle piante, diede al ginseng il nome di "panax" in memoria della dea della guarigione Panacea, il cui nome divenne un nome familiare per una medicina che cura tutte le malattie.

A volte le proprietà magiche delle piante medicinali erano associate alle caratteristiche delle credenze e dei rituali religiosi. Un vivido esempio di piante di questo tipo può fungere da vischio - un arbusto sempreverde che parassita sui rami degli alberi. Questa pianta era considerata sacra già nei tempi antichi, ma il suo culto raggiunse il suo apice tra Celti e Tedeschi e trovò la sua incarnazione nei rituali sacri dei Druidi. Il vischio simboleggiava la vita, che continua anche durante l'intorpidimento invernale della natura. Con le sue radici da pollone, si attacca prima alla corteccia di un albero, quindi la perfora. Soprattutto spesso questo bellissimo arbusto con foglie verde-argento germoglia su rami di quercia e si nutre dei succhi di questo possente albero, che i sacerdoti druidi consideravano l'incarnazione della divinità suprema. Dal vischio spara su un ramo di quercia, i guaritori preparano tinture curative e decotti. Si vede come penetrano le sue radici: era questo arbusto che gli antichi Celti consideravano il legno come simbolo della medicina universale. In un certo periodo dell'anno, in una certa posizione del Sole e delle stelle, il sacerdote dei druidi scalò la quercia e tagliò il vischio con una speciale falce sacra. La pianta fu avvolta in un panno bianco e si assicurò che non toccasse il suolo.

Paralleli storici:

Nella vita delle numerose tribù che abitavano il Nord Europa nei primi secoli della nostra era, i Druidi, che possedevano l'arte della guarigione, ricoprirono un ruolo speciale. Credevano che ogni persona avesse il proprio mecenate nel mondo vegetale, e in caso di malattia è lui che è in grado di fornire assistenza. Ad esempio, le persone nate il 12-24 gennaio sono sotto l'egida dell'olmo; 1-14 maggio - gelsomino; 3–12 settembre - salici; 12-22 settembre - lime, ecc. Nell'antica Gallia, Irlanda, Bretagna, alberi e arbusti venivano trattati come creature animate, dotate delle caratteristiche delle persone viventi.

In questa tradizione, il culto degli alberi è caratteristico degli insegnamenti religiosi di diversi paesi dell'antichità: i templi venivano spesso costruiti in boschi sacri, i rituali notturni venivano eseguiti sotto il baldacchino degli alberi decorati in onore delle divinità - i loro patroni.

Le proprietà magiche sono state anche attribuite alle piante più comuni: carote, ravanelli, rape, verbena, fiordaliso, erba di San Giovanni, erba del sonno e molte altre. Oggi li mangiamo costantemente o li aggiungiamo al tè, pensando raramente alle loro proprietà medicinali. Gli antichi collezionisti di piante credevano: affinché queste verdure ed erbe manifestassero pienamente le loro proprietà miracolose, bisogna osservare alcune regole. Era necessario chiedere alla pianta forza, salute e persino il permesso di interromperla. Le carote, i ravanelli e le rape sono stati certamente tolti dal terreno.

con due mani e allo stesso tempo hanno detto loro di quanti benefici portano, hanno parlato con loro. La verbena fu rimossa dalla terra con la mano sinistra in modo che il cuore potesse sentirla più velocemente e si sollevò in aria in modo che la pianta "vedesse le stelle". In questo caso, è stato necessario "pagare" la terra per la "erba sacra" verbena, a cui è stata attribuita non solo la cura di tutte le malattie, ma anche il soddisfacimento dei desideri. Seppellirono i favi con il miele nel terreno in cui cresceva. I sacerdoti egiziani attribuivano il fiordaliso al potere magico. Secondo le leggende greche, Caronte trasportava i morti nell'aldilà su una barca fiancheggiata da fiordalisi. Calmarono l'anima, scacciarono le preoccupazioni terrene.

Caronte è il corriere dei morti negli inferi di Ade. Disegno vaso greco

I romani credevano che il fiordaliso espellesse i demoni. Strappando questo fiore, era necessario parlare con lui ed essere sicuri di dare il nome della persona che avrebbe dovuto aiutare. L'erba di San Giovanni nel Medioevo era considerata non solo una medicina preziosa, ma anche una magia

un mezzo per dissipare gli incantesimi. Questa pianta dovrebbe essere raccolta nella notte di Ivan Kupala e al mattino per tessere una ghirlanda da essa e danzarci attorno al fuoco per tutta la sera. Un rituale del genere avrebbe dovuto garantire un anno intero di protezione dal deterioramento e quindi dalle malattie.

La raccolta di erbe medicinali era spesso accompagnata da incantesimi magici indirizzati a loro, tuttavia erano particolarmente diffusi nell'era ellenistica. La cerimonia di raccolta si è trasformata in un rituale magico. "Ti pizzico, pianta, con cinque dita e ti porto con me in modo che mostri il tuo potere nel lavoro che voglio fare", dice il papiro dai tempi dell'Egitto ellenistico, quando l'astrologia stava vivendo il suo massimo splendore (dal greco. "Astron" - stella e "loghi" - insegnamento). Per curare le persone nate sotto il segno di un particolare pianeta, gli astrologi usavano piante e minerali che appartenevano allo stesso pianeta. Nell'astrologia medica non è difficile vedere la manifestazione delle leggi del pensiero magico: se l'uomo e il cosmo sono una cosa sola, allora i segni celesti indicano possibili cambiamenti nella vita e nella salute delle persone.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

PROPRIETÀ MAGICHE DELLE PIANTE MEDICINALI

  1. INFORMAZIONI GENERALI SUGLI IMPIANTI MEDICINALI SOSTANZE BIOLOGICAMENTE ATTIVE DEGLI IMPIANTI MEDICINALI CHE CONDIZIONANO LE LORO PROPRIETÀ SANITARIE
    L'uso pratico delle piante medicinali è dovuto alla presenza di sostanze biologicamente attive nella loro composizione che, quando introdotte nell'organismo anche in quantità molto ridotte, provocano un certo effetto fisiologico. Queste sostanze attive sono sintetizzate dalle piante stesse da sostanze minerali inorganiche del suolo, acqua e anidride carbonica dall'aria. La sintesi è effettuata da piante sotto l'influenza di
  2. DOSAGGIO DI PIANTE MEDICINALI
    Varie malattie sono state tradizionalmente trattate con piante medicinali. Si credeva che i migliori di loro crescessero sull'isola di Creta, quindi i romani spesso mandavano lì raccoglitori di erba. Inoltre, a Roma, come in Grecia, le piante medicinali venivano coltivate in giardini speciali. I romani erano impegnati nel giardinaggio con amore speciale, apparvero per la prima volta serre, dove le giovani piante erano protette dal freddo e
  3. Trattamento a base di erbe
    Nella medicina tradizionale, piante medicinali come mele cotogne, ledum, chiodi di garofano, erba di San Giovanni, salice, calendula, lavanda, farfara, piantaggine, rosa, camomilla, salvia e molte altre sono state a lungo utilizzate per trattare l'infertilità. Quince. Gli antichi greci consideravano i frutti della mela cotogna un simbolo di bellezza, amore e fertilità. Il succo di mela cotogna fresca è stato a lungo trattato per l'infertilità. I guaritori tradizionali hanno sottolineato ciò che è
  4. M.I. Rabinovich. Piante medicinali in studio veterinario, 1987
    Il libro di consultazione contiene circa 200 piante. Vengono fornite le loro brevi caratteristiche botaniche, i luoghi di crescita, l'effetto farmacologico sull'organismo animale, le indicazioni per l'uso. Descrive la procedura per la raccolta, l'essiccazione in deposito di materie prime medicinali, nonché le forme di applicazione agli animali. Per veterinaria
  5. PIANTE MEDICINALI DEL NUOVO MONDO E DEI PAESI ORIENTALI
    Piante senza familiarità e senza precedenti nel Nuovo Mondo: patate, fagioli, pomodori, mais e molti altri non solo hanno impressionato l'immaginazione degli europei, ma hanno anche influenzato i loro costumi e gusti. Prima di tutto, il tabacco dovrebbe essere menzionato qui. Colombo vide per la prima volta come i nativi inserivano tubi riempiti di erba nelle loro narici, vi davano fuoco e inalavano fumo durante le preghiere e le cerimonie religiose. Sono stati eseguiti in onore di
  6. NORME GENERALI PER LA RACCOLTA, L'ASCIUGATURA E LO STOCCAGGIO DI PIANTE MEDICINALI PER LA CRESCITA SELVATICA
    Nel nostro paese, solo i tipi di piante medicinali che sono inclusi nel registro statale sono soggetti a raccolta. Il NTD (documenti normativi e tecnici) descrive i nomi delle materie prime della pianta e della famiglia in russo e latino, le regole e il tempo di raccolta, dà i segni esterni delle materie prime, impurità ammissibili e inaccettabili, metodo di imballaggio, conservazione, shelf life, dosaggio per potenti e
  7. TIPI DI PIANTE MEDICINALI E LORO APPLICAZIONE
    TIPI DI PIANTE MEDICINALI E LORO
  8. Alcune piante medicinali utilizzate nella medicina popolare per curare il cancro.
    Esistono molte di queste piante, ma una parte significativa di esse è velenosa e può essere utilizzata solo sotto la supervisione di un medico o di un guaritore. Pertanto, qui parlo di quelle piante medicinali, il cui uso è disponibile Tè Ivan (fireweed) Vengono utilizzate infiorescenze e foglie. Raccogli nella fase di fioritura (a luglio). Asciugare a 105 ° C per cinque minuti, quindi asciugare
  9. PIANTE CHE CAUSANO UNA MALATTIA DEL CUORE PRECEDENTE (PIANTE CONTENENTI GLICOSOSI DEL CUORE)
    I glicosidi cardiaci si trovano in vari tipi di digitale, in adone, mughetto, obvolnik, ittero, harga e altre piante. I glicosidi di tutte queste piante hanno una struttura chimica comune e hanno sostanzialmente gli stessi effetti farmacologici e, a dosi elevate, sul cuore. Digitalis L. Il genere Digitalis comprende 34 specie di piante, 7 delle quali
  10. PIANTE CHE CAUSANO LA PREVENZIONE DELLA RISPOSTA AL TRATTATO RESPIRATORIO E DIGESTIVO (PIANTE CONTENENTI TIOGLICOSIDI)
    I glicosidi sono chiamati composti organici simili all'etere che si scompongono rapidamente nella parte carboidrata (glicone) e una o più altre sostanze chiamate agliconi o genine (parte non zuccherina). Dopo l'assorbimento nel tratto gastrointestinale, si scompongono anche in glicone e aglicone. I glicosidi sono instabili e si disintegrano rapidamente quando sono isolati dalle piante e durante
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com