Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Metodologia per l'esame dei pazienti infetti

Obiettivo formativo: insegnare ai cadetti (studenti) l'esame clinico di un paziente infetto, nonché essere in grado di registrare il decorso della malattia sotto forma di rapporti su cura, diari e foglio di temperatura.

Tempo di allenamento: 2 ore. Sede: dipartimenti medici della clinica, 442 OKVG, City Infectious Diseases Hospital SP Botkin.

Supporto educativo e materiale: pazienti con manifestazioni tipiche di una malattia infettiva.

Strumenti di addestramento tecnico: stetofonendoscopio, martello neurologico, sfigmomanometro, lampada a riflettore, spatole.

Come risultato della lezione, i cadetti dovrebbero essere in grado di condurre un esame clinico di un paziente con una malattia infettiva, tra cui:

- raccogliere una storia medica e una storia epidemiologica;

- effettuare un esame clinico obiettivo del paziente;

- sistematizzare i segni soggettivi e oggettivi della malattia in sindromi cliniche e patogenetiche, valutare il loro contenuto informativo, determinare la forma nosologica proposta della malattia;

- formulare una diagnosi clinica dettagliata preliminare di una malattia infettiva;

- comprovare il piano di esame di laboratorio e strumentale del paziente.

La diagnosi di una malattia infettiva richiede un approccio clinico ed epidemiologico per risolvere questo problema. Ciò significa diagnosi precoce di una malattia infettiva, identificazione di una specifica fonte della malattia e chiarimento delle possibili vie di trasmissione.

La diagnosi di una malattia infettiva nel periodo iniziale della malattia è di solito chiamata precoce (prima della formazione di un quadro clinico completo con le sue manifestazioni tipiche).

La diagnosi clinica si basa principalmente sull'identificazione del quadro clinico della malattia.

Interrogazione del paziente. È necessario scoprire quando e come è iniziata la malattia - gradualmente, acutamente o improvvisamente, se c'erano brividi e sudorazioni e quale forza; se possibile, viene stabilito il grado e la natura della reazione di temperatura (tipi di curve di temperatura).

Reclami del paziente. Fornire una descrizione dettagliata dei reclami (localizzazione, intensità, dinamica durante il giorno o il periodo della malattia, ecc.). All'esame iniziale, è consigliabile consentire al paziente una presentazione arbitraria. Quindi, mediante un'indagine attiva su organi e sistemi, è necessario identificare i segni principali e secondari della malattia, caratterizzandoli per tempo, intensità, durata, ecc. Si consiglia all'inizio di presentare lamentele che caratterizzano la malattia come infettiva: mal di testa, debolezza generale, debolezza, dolore muscolare, disturbi del sonno. Un criterio obiettivo di intossicazione è un aumento della temperatura corporea, le sue fluttuazioni quotidiane, la presenza di brividi, sudorazione. In futuro, dovrebbero essere indicati i reclami relativi a danni al sistema nervoso centrale, al tratto gastrointestinale, al sistema respiratorio, nonché danni alla pelle e alle mucose.

Per una descrizione dettagliata dei reclami dei pazienti, vedere la sezione 8, paragrafo 2 di questo manuale.

Storia medica. Questa storia include una storia dettagliata della malattia. Mediante il polling, è necessario identificare in sequenza cronologica lo sviluppo di tutte le manifestazioni soggettive e oggettive della malattia, la natura della curva di temperatura, i tempi della comparsa e la scomparsa dei singoli sintomi della malattia. Presta particolare attenzione alla natura ciclica della malattia, caratteristica delle malattie infettive.

È diagnosticamente importante identificare i primi segni del periodo iniziale della malattia, che è inteso come il periodo dall'esordio della malattia alla formazione di un quadro clinico completo con le sue manifestazioni tipiche.

L'inizio acuto di una malattia infettiva è caratterizzato da una manifestazione violenta di sintomi clinici da poche ore a un giorno (influenza, meningite meningococcica, ecc.). Il periodo iniziale subacuto è di solito indicato nei casi in cui le sindromi tipiche della malattia compaiono entro 1-3 giorni. Se l'insorgenza della malattia si estende da 4 a 7 o più giorni, ciò indica uno sviluppo graduale. La dinamica del decorso della malattia è rilevata dai giorni della malattia e non dalle date del calendario. È consigliabile identificare la sindrome principale, nonché chiarire il trattamento del paziente, effettuato prima del ricovero in ospedale.

Un'anamnesi di vita. Oltre ai dati generali, è necessario chiarire le malattie infettive trasferite, la presenza di malattie concomitanti, le vaccinazioni e la loro tolleranza. Una storia allergica - in particolare la tolleranza di antibiotici e chemioterapia.

Una storia epidemiologica (EA) è una parte specifica della malattia infettiva IB. Consente di ottenere informazioni aggiuntive significative per la diagnosi di una malattia infettiva, sulla base di dati clinici ed epidemiologici.

Lo scopo di EA è stabilire le probabili fonti di infezione, i suoi percorsi di trasmissione, i meccanismi di infezione e i fattori che contribuiscono. Una storia epidemiologica deve essere sempre specificata in base alla presunta malattia del paziente. È necessario tenere conto della durata del periodo di incubazione, della possibilità di una malattia latente, del decorso cronico o ricorrente di alcune infezioni. Inoltre, EA include informazioni sulle condizioni sanitarie ed epidemiologiche di una parte, area di localizzazione, incidenza della popolazione locale e permanenza in un'area endemica per una particolare malattia infettiva (malaria, borreliosi, encefalite trasmessa da zecche, tularemia).

Dati di ricerca oggettivi. Uno studio obiettivo di un paziente infetto viene condotto secondo la tecnica generalmente accettata in una clinica terapeutica secondo il seguente schema:

condizioni generali del paziente

gravità di intossicazione e febbre,

pelle e mucose,

linfonodi, sistema muscolo-scheletrico,

organi respiratori

sistema cardiovascolare

organi digestivi, fegato e milza,

sistema genito-urinario

sistema nervoso e ghiandole endocrine.

Questo schema aiuta a non perdere qualcosa sia durante l'esame del paziente, sia durante la presentazione dei dati ottenuti nella storia medica.

L'esame si conclude con una diagnosi clinica preliminare della malattia, che comprende:

- forma nosologica di una malattia infettiva;

- la forma clinica della malattia;

- la gravità della malattia;

- periodo di malattia.

Complicanze della malattia di base, malattie concomitanti.
Le complicanze della malattia di base sono tali processi patologici, sindromi, forme nosologiche che sono associate ad essa patogeneticamente e ne esacerbano il decorso clinico.

Le malattie associate includono quelle che non sono correlate eziologicamente e patogeneticamente alla malattia di base. Alcuni di essi sono fattori di rischio per un decorso grave e avverso della malattia di base o per il possibile sviluppo di condizioni critiche.

Una diagnosi clinica preliminare della malattia viene fatta dopo un'analisi dettagliata di tutti i dati oggettivi ottenuti a seguito di un esame clinico di un paziente infetto, nonché una sistematizzazione e generalizzazione delle sindromi cliniche e patogenetiche identificate nel paziente.

Piano di indagine

Il piano per l'esame del paziente, compilato dal medico curante in conformità con la diagnosi della malattia, dovrebbe essere specifico, la scelta dei metodi più informativi nella giusta sequenza.

1. Studi clinici condotti da tutti i pazienti ricoverati:

- esami clinici generali del sangue e delle urine;

- studi di feci su uova di vermi e protozoi;

- radiografia del torace (fluorogramma).

2. Studi obbligatori sull'infezione da HIV e la sifilide su indicatori epidemiologici e clinici.

3. Studi per confermare la diagnosi preliminare:

- batteriologico;

- virologico;

- sierologico;

- allergologico, ecc.

4. Studi per escludere malattie infettive simili alla sindrome. Includono appropriati metodi microbiologici (vedi sopra) e altri.

Gli studi batteriologici comprendono emocolture, feci, separate da tonsille, espettorato, ecc. Devono essere avviate prima della nomina di trattamenti eziotropici. Gli studi sierologici devono essere effettuati in sieri accoppiati (al momento del ricovero e dopo 7-10 giorni).

5. Metodi speciali di ricerca strumentale, biochimica, radiologica e di altro tipo secondo le indicazioni cliniche pertinenti.

Piano di trattamento

Nel determinare le tattiche di trattamento di un paziente infettivo, è necessario in ogni caso determinare il collegamento principale nella patogenesi, il cui impatto sarà decisivo. In termini di trattamento, è necessario riflettere le seguenti attività:

- nutrizione medica;

- Caratteristiche dell'assistenza e regime del paziente;

- terapia etiotropica;

- terapia patogenetica;

- terapia sintomatica.

Durante il periodo di convalescenza, vengono prescritti fondi che contribuiscono al ripristino di funzioni e sistemi compromessi (terapia riabilitativa).

Tutti gli appuntamenti devono essere giustificati. Nel piano di trattamento, devono essere prese in considerazione misure urgenti.

Per una descrizione dettagliata della metodologia per l'esame dei pazienti infetti, vedere la sezione 8 di questo manuale.



Letteratura educativa

1. Ivanov K.S., Kazantsev A.P. Malattie infettive / Manuale. - Li WMA. SM Kirova, L., 1989.-S.5-51.

2. Regime sanitario e antiepidemico negli ospedali (dipartimenti) infettivi. / Istruzioni. - GVMU, M., Casa editrice militare, 1987.- P.3-13.

3. Lobzin Yu.V., Zubik TM, Finogeev Yu.P. La tecnica per mantenere la storia clinica della malattia dei pazienti infetti / Manuale. - SPb., 1996.

4. Ivanov KS, Kazantsev A.P. Metodologia per l'esame dei pazienti infettivi e principi di base per la diagnosi delle malattie infettive: un manuale per gli studenti delle facoltà 1 e 6. - San Pietroburgo, VMAA, 1994.



SCHEMA DEL PIANO

rapporto sulla cura di un paziente infettivo



1. Nome completo, grado militare, età, specialità militare.

2. Una diagnosi dettagliata preliminare della malattia: forma nosologica, forma clinica della malattia, gravità, periodo della malattia.

Complicazioni. Malattie concomitanti

3. Giustificazione sindromica della malattia di base: identificare e rivelare le principali sindromi patogenetiche della malattia.

4. Storia epidemiologica: informazioni su possibili fonti di infezione, modalità di trasmissione, informazioni sullo stato sanitario ed epidemiologico dell'unità e l'area di distribuzione.

5. Piano di esame del paziente: metodi clinici generali, biochimici, batteriologici, metodi sierologici.

Raggi X, strumentale e altri metodi di esame.

6. Piano di trattamento: luogo di trattamento di un paziente infetto, regime, dieta; terapia etiotropica, patogenetica e sintomatica.

7. Criteri per dimissione del paziente, IHC, osservazione del dispensario in parte.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Metodologia per l'esame dei pazienti infetti

  1. SESSIONE 9 Pronto soccorso per malattie febbrili. Tecnica di termometria. Cure di emergenza per malattie infettive, loro prevenzione. Cura del paziente (lavanda gastrica, clisteri). Cura dei pazienti.
    Scopo: insegnare agli studenti la diagnosi differenziale delle condizioni febbrili e le regole di primo soccorso. Conoscere le principali malattie infettive e le misure per la loro prevenzione. Insegnare abilità pratiche nella cura dei malati e le basi della supervisione. Domande di prova 1. Che cosa si chiama febbre? Il quadro clinico. Il grado di aumento della temperatura corporea. 2. Parlaci del metodo di termometria.
  2. Metodi e tecniche per l'esame dei pazienti con pelle e malattie veneree
    Per un trattamento efficace del paziente, è necessaria una malattia correttamente diagnosticata. Tuttavia, la diagnosi della malattia è il processo più difficile. Un ruolo importante nella diagnosi è giocato dall'esperienza, dalla capacità di condurre diagnosi differenziali, dall'uso di metodi e tecniche diagnostici che aiutano a stabilire la diagnosi corretta. Presentazione di alcuni dei più comuni e
  3. Ed. prof. TA Nagaeva. Linee guida per l'esame di un bambino sano e malato, 2012

  4. TECNICA DI ESAME DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE
    {foto22} Fig.13. Algoritmo per l'esame del sistema cardiovascolare. La metodologia di un esame obiettivo del sistema cardiovascolare consiste in un'indagine, esame, palpazione, percussione e auscultazione (Fig. 13). Ulteriori metodi di esame comprendono la determinazione della pressione arteriosa e i test funzionali del sistema cardiovascolare. Anamnesi. Dopo aver ascoltato le lamentele di un bambino malato,
  5. METODOLOGIA DELL'ESAME RESPIRATORIO
    ALGORITMO DELL'INDAGINE {foto12} Fig. 8. Algoritmo per l'esame del sistema respiratorio. Interrogando, si rivelano lamentele e anamnesi: quando e come il bambino si è ammalato, la dinamica delle principali manifestazioni della malattia fino all'esame del paziente. Viene valutata la natura della voce, delle grida e della tosse. Uno studio obiettivo dell'apparato respiratorio comprende i seguenti metodi: esame, palpazione, percussione e auscultazione (Fig. 8).
  6. METODI PER L'ESAME DEL SISTEMA BONE-JOINT
    ALGORITMO DELL'INDAGINE {foto6} Fig. 4. Algoritmo per l'esame del sistema scheletrico e delle articolazioni. La metodologia di uno studio oggettivo del sistema scheletrico comprende esame, palpazione, percussione e misurazione (Fig. 4, Tabelle 4, 5). L'ispezione viene eseguita nella posizione del bambino sdraiato, seduto e in piedi su gambe raddrizzate con le mani liberamente abbassate. Quindi guarda il bambino in movimento: cammina, siediti, piegati e rilassati
  7. TECNICA DI ESAME CELLULE DELLA PELLE E DEL SONNO
    ALGORITMO DELL'INDAGINE Fig. 1. Algoritmo per l'esame della pelle e del grasso sottocutaneo. Il metodo di ricerca sulla pelle comprende: interrogatorio, esame, palpazione, determinazione della fragilità vascolare e dermografismo (Fig. 1). Uno studio clinico inizia con un questionario, in cui è possibile stabilire che il paziente ha pallore, giallo della pelle e delle mucose, varie eruzioni cutanee, gonfiore e anche scoprire
  8. TECNICA DI ESAME DEL SISTEMA URINARIO
    ALGORITMO DELL'INDAGINE {foto39} Fig. 22. Algoritmo per l'esame del sistema urinario L'esame clinico del sistema urinario consiste in anamnesi, esame, palpazione e percussione (Fig. 22). Quando si raccoglie un'anamnesi, insieme ai dati del passaporto, un'anamnesi di malattia e vita, è necessario scoprire la presenza e la natura del dolore, la loro intensità, durata, localizzazione, irradiazione,
  9. TECNICA DI ESAME DEL SISTEMA MUSCOLARE
    ALGORITMO DELL'INDAGINE 3. L'algoritmo per l'esame del sistema muscolare. Sono determinati il ​​grado di sviluppo o la massa muscolare, il tono e la forza, nonché il volume e la natura dei movimenti (Tabella 3). Il grado di sviluppo muscolare viene valutato in base alla gravità del sollievo muscolare e al suo tono. Esistono 3 gradi di sviluppo dei muscoli e del tono muscolare: - debole - i muscoli si sentono morbidi, letargici, il loro sollievo è pronunciato
  10. metodologia di indagine della emopoiesi
    ALGORITMO DELL'INDAGINE {foto40} Fig. 23. Algoritmo per esame del sangue. Anamnesi. Quando si raccoglie un'anamnesi, è necessario chiarire quando e come sono comparsi i primi sintomi della malattia. Molte malattie del sangue (diatesi emorragica, crisi di anemia emolitica e aplastica) iniziano in modo acuto: la temperatura aumenta, un'eruzione emorragica appare sulla pelle, aumenta il pallore o l'ittero
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com