principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Patologia della placenta.

I disturbi circolatori nella placenta possono essere causati da una violazione del flusso ematico materno e fetale. La stragrande maggioranza di questi cambiamenti può essere rilevata nella placenta durante il normale corso della gravidanza; la frequenza e la gravità del danno aumenta con la preeclampsia, l'ipertensione e altre malattie che complicano il corso della gravidanza.

Quando si valuta il valore dei disturbi circolatori nella placenta, si deve ricordare che essi portano ad un apporto insufficiente di ossigeno al feto, pertanto sono accompagnati da ipossia intrauterina, ritardo nella crescita del feto e morte intrauterina. Ma dal momento che la placenta ha una grande capacità compensatoria, una lesione inferiore al 10-15% dell'albero fleecy può non avere manifestazioni cliniche.

I più frequenti e importanti tipi di disturbi circolatori nella placenta sono l'infarto, la deposizione di fibrina periorninica, la trombosi interventilare e l'ematoma retroplacentare.

Attacco di cuore Un attacco di cuore fresco ha una forma triangolare o irregolare. È denso, rosso scuro, con confini chiari. Infarto più vecchio: giallo o bianco, a volte con le cisti. Istologicamente, lo spazio intervallare si restringe bruscamente, i villi sono contigui, i vasi in essi sono crollati, lo stroma e l'epitelio subiscono cambiamenti distrofici e necrotici. Nei vecchi attacchi di cuore rimangono solo le "ombre" dei villi. La causa di un infarto è l'assenza di afflusso di sangue materno nello spazio intervallare, il più delle volte durante la trombosi delle arterie a spirale.

Deposizione di fibrina perioidale. Macroscopicamente, è un focolare denso, ben delimitato, di colore bianco-giallo con un diametro fino a diversi centimetri, spesso situato alla periferia della placenta. La fibrina che circonda i villi è determinata istologicamente. Nei villi, i vasi gradualmente si cancellano e la fibrosi progredisce. Il disturbo indicato si sviluppa a causa dell'arresto del flusso sanguigno nello spazio intervallare della placenta.

La trombosi dello spazio intervallare è caratterizzata dall'accumulo di sangue coagulato nello spazio intervallare. I coaguli di sangue fresco sono rosso scuro e morbido, di solito 2-5 cm di diametro, vecchio - bianco, secco, friabile. Trombo microscopicamente fresco contiene globuli rossi e fibrina. Più vecchio è il coagulo di sangue, più fibrina e meno globuli rossi. Tra i trombi eritrocitari si possono trovare cellule con nuclei che indicano la partecipazione del sangue fetale alla sua formazione. Un coagulo di sangue non contiene villi, li espande. Si forma un trombo in caso di rallentamento focale del flusso sanguigno nello spazio intervallare o in caso di rottura delle membrane sinciceocapillari diradate e di espirazione del sangue fetale nello spazio intervallare. Piccoli coaguli di sangue possono essere trovati in quasi la metà di tutte le placente, non hanno alcun significato clinico serio. La comune trombosi intervallare nella piastra corionica (trombosi subchoriale massiva) può portare alla morte intrauterina del feto.

L'ematoma retroplacentare è caratterizzato da sanguinamento nell'area della piastra basale della placenta. Nella placenta nata, l'ematoma retroplacentare ha l'aspetto di coaguli di sangue sulla superficie materna. Con un ematoma fresco, i grumi sono morbidi, rossi, con il vecchio - marrone, denso, attaccato alla placenta. Nel parenchima placentare, sotto l'ematoma retroplacentare, si forma un'impressione a forma di cratere, che consente di distinguerlo da un normale coagulo di sangue. Nell'area della placenta sotto l'ematoma spesso si forma un infarto. L'ematoma retroplacentare è spesso, ma non sempre, accompagnato da segni clinici di distacco della placenta. Come altri tipi di disturbi circolatori, l'ematoma retroplacentare è accompagnato da una diminuzione dell'apporto di ossigeno al feto. Con ematomi massicci, una donna incinta può sviluppare una grave perdita di sangue.

Patologia del cordone ombelicale. Il cordone ombelicale ha due arterie e una vena. Il sangue arricchito con ossigeno e nutrienti scorre dalla placenta al feto attraverso la vena ombelicale e il sangue venoso scorre dal feto alla placenta attraverso le arterie ombelicali. Questa caratteristica dell'emodinamica determina le caratteristiche strutturali dei vasi del cordone ombelicale: la vena ha una membrana elastica e le arterie non hanno. I vasi ombelicali del cordone ombelicale si trovano in uno speciale tessuto elastico gelatinoso costituito da una sostanza base mucoide e da una rete di fibroblasti denominata varton jelly. La gelatina Varton protegge i vasi dalla compressione e dall'allungamento meccanico.

Normalmente, il cordone ombelicale contiene due arterie. In circa l'1% dei casi, si osserva aplasia di un'arteria ombelicale (l'unica arteria ombelicale). L'eziologia e la patogenesi di questo difetto non sono chiare, ma è noto che questa patologia è spesso associata a malformazioni congenite e ipotrofia intrauterina.

La lunghezza del cordone ombelicale varia notevolmente, in media è di 59 cm Il cordone ombelicale è considerato corto se la sua lunghezza non raggiunge i 32 cm, e lungo se supera i 70 cm Un cordone ombelicale corto limita il movimento fetale. Durante il parto, può essere allungato, il che porta all'interruzione del flusso sanguigno nei vasi del cordone ombelicale o alla rottura della placenta. Quando un cordone ombelicale anormalmente lungo aumenta la frequenza del suo entanglement intorno al collo o agli arti del feto, la formazione di veri nodi, la perdita di anse durante il parto. Queste complicazioni sono pericolose possibilità di compressione dei vasi del cordone ombelicale e, quindi, lo sviluppo di ipossia fetale. Flusso sanguigno alterato nei vasi del cordone ombelicale durante la sua entanglement o formazione di nodi, l'infiammazione del cordone ombelicale può essere complicata dallo sviluppo della trombosi del vaso ombelicale. Coaguli di sangue occlusivi portano a un alterato flusso sanguigno attraverso il cordone ombelicale e sono spesso complicati dalla morte del feto dall'ipossia. La trombosi venosa è più comune delle arterie.

Materiale didattico

Macrodrug: gravidanza tubarica, emorragia sotto la capsula epatica con eclampsia, emorragia nel cervello con eclampsia, slittamento cistico, metastasi del coriocarcinoma nel fegato, ematoma retroplacentare, infarto della placenta.

Micropreparazioni: raschiamento dell'utero durante aborto spontaneo, tuba di Falloppio in caso di gravidanza tubarica disturbata, trasformazione gestazionale delle arterie a spirale, mancanza di trasformazione gestazionale delle arterie a spirale durante la gestosi, aterosi acuta delle arterie a spirale, glomerulonefrite mesangiale, corio vorsi con il modello, io sono e uso lo stesso tempo. corioamnionite purulenta, funiculite, villite, infarto della placenta, cambiamenti nei vasi del cordone ombelicale con un vero nodo.

Pattern di diffrazione degli elettroni: depositi sulla membrana basale dei capillari glomerulari per la preeclampsia.
<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Patologia della placenta.

  1. PATOLOGIA DELLA GRAVIDANZA. ABORTI SPORTIVI. GRAVIDANZA ECTOPICA. Gestoses. MALATTIA TROFOBLASTICA. PATOLOGIA PLACENTA
    PATOLOGIA DELLA GRAVIDANZA. ABORTI SPORTIVI. GRAVIDANZA ECTOPICA. Gestoses. MALATTIA TROFOBLASTICA. PATOLOGIA
  2. Patologia della placenta
    Durante la gravidanza, la connessione tra la madre e il feto avviene attraverso la placenta, che unisce i due organismi, fornendo al feto ossigeno, nutrienti, ormoni e l'eliminazione di CO2, scorie azotate e altri prodotti metabolici. Allo stesso tempo, la placenta separa questi due organismi, garantendo l'esistenza nel corpo della donna di un feto che trasportava antigeni paterni.
  3. Placenta previa e distacco prematuro della placenta normalmente localizzata
    La placenta previa è pari allo 0,4-0,6% del numero totale di nascite. Ci sono previa placenta completa e non completa. Il gruppo a rischio per lo sviluppo della presentazione della placenta è rappresentato da donne con malattie infiammatorie e distrofiche avanzate, ipoplasia dei genitali, con malformazioni dell'utero e insufficienza isto-cervicale. Normalmente, la placenta dovrebbe essere situata nella zona inferiore o
  4. Il ruolo della placenta. Funzione ormonale e di formazione delle proteine ​​della placenta
    Tutti i cambiamenti che si verificano nel corpo di una donna durante la gravidanza sono di natura adattativa e mirano a creare condizioni ottimali per lo sviluppo del feto. Dalle prime settimane di inizio della gravidanza fino alla sua conclusione, si forma un'unità strutturale e funzionale, il sistema madre-placenta-feto. La base di questa unità è la placenta, più precisamente - la placenta. L'ultimo è il sistema
  5. SPURGO A LATE TERMINI DI GRAVIDANZA (ANOMALIE DI POSIZIONE DI PLACENTA, DIVISIONE PREMATURA DI PLACENTA NORMALMENTE POSIZIONATO)
    Il sanguinamento nel terzo trimestre di gravidanza si verifica nel 2-3% delle donne. Circa la metà di esse sono causate dal sanguinamento della placenta e dal distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata. Inoltre, la causa del sanguinamento può essere erosione e polipi della cervice, cancro cervicale e vaginale, rotture dei nodi varicosi della vagina, lesioni vaginali, rotture di vasi del cordone ombelicale
  6. EDUCAZIONE DEL POSTO, TIPI DI POSTI
    Dopo che l'embrione è stato impiantato nella parete uterina, è già alimentato dalle secrezioni delle ghiandole uterine, penetrando diffusamente attraverso il trofoblasto nella cavità della vescicola blastodermica. E con la comparsa del sacco vitellino e dei vasi sanguigni in esso, la nutrizione viene effettuata (anche se in tempi brevissimi) con la loro partecipazione. Man mano che l'embrione cresce, questa fonte di energia diventa inadeguata, il tuorlo
  7. Placenta previa
    La placenta previa è patologia della placenta associata ad un'anormalità della sua posizione, in cui la placenta copre parzialmente o completamente l'area dell'apertura istologica interna dell'utero, cioè sulla via del feto nato. Se la placenta si sovrappone solo parzialmente all'area del sistema operativo interno, questa è una presentazione incompleta. Se la placenta si sovrappone completamente all'area dell'OS interno, questo è
  8. Gravidanza e parto, complicata da sanguinamento nella placenta placenta
    Placenta previa - patologia della placenta, associata ad un'anomalia della sua posizione, in cui la placenta si sovrappone completamente o parzialmente all'area della faringe uterina interna (figura 16). Come si apre durante la gravidanza, e poi durante il parto, si verifica il distacco della placenta che si presenta, che porta a
  9. Malattia polmonare Anomalie congenite. Atelettasia. Patologia vascolare. Patologia infettiva
    Le malattie dei polmoni, appartenenti alle più comuni malattie dell'uomo moderno e con alti tassi di mortalità, possono essere combinate nei seguenti gruppi: anomalie congenite; atelettasia; patologia vascolare dei polmoni; malattie polmonari infettive; asma bronchiale; malattia polmonare ostruttiva cronica; malattia polmonare interstiziale; tumori polmonari.
  10. placenta
    La placenta umana ha un tipo di struttura emorragico. Questo tipo di placenta è caratterizzato dalla presenza di contatto diretto del sangue materno con il corion dovuto alla violazione dell'integrità della membrana decidua dell'utero con l'apertura dei suoi vasi. L'emersione della placenta emocorfiale in evoluzione è lo stadio più alto. Riflette le interrelazioni più complesse dei sistemi funzionali della madre e
  11. PREFAZIONE PLACENTA
    Normalmente, la placenta è attaccata nell'utero e il suo bordo inferiore non raggiunge la faringe interna di 7-8 cm o più. Placenta previa (placenta praevia) - anomalia della posizione della placenta, in cui è attaccata nel segmento uterino inferiore. Allo stesso tempo, l'una o l'altra parte di esso si trova nella regione della gola uterina interna, bloccandola parzialmente o completamente. Con il specificato
  12. Placenta previa
    La placenta previa può essere completa e incompleta, a seconda del grado di chiusura dell'osteosterosi dell'utero da parte del tessuto placentare. La placenta previa può essere identificata dalla presenza di tessuto placentare nel lume della faringe ovunque. Questa è una previa placenta completa. Nel determinare la placenta e le membrane la presentazione è considerata parziale. Inoltre, potrebbe esserci una posizione bassa della placenta, quando si trova
  13. La relazione tra ipossia, angiopatia, disturbi circolatori, patologia BBB e patologia perivascolare
    La caratteristica principale della patogenesi dell'asfissia intrauterina è che, secondo NL Garmasheva (1967), è sempre preceduta da disturbi circolatori del feto. In questi casi, spesso vengono create condizioni in cui il deflusso venoso dall'area del tronco cerebrale viene interrotto (a causa di caratteristiche anatomiche e fisiologiche), che porta a perivascolare persistente secondaria (perivenulare e
  14. Distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata
    Il distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata è una patologia della gravidanza, in cui vi è un distacco completo o parziale della placenta dalle pareti dell'utero durante la gravidanza o nella prima o nella seconda fase del travaglio (cioè prima della nascita). Fisiopatologia Fattori predisponenti del distacco prematuro della placenta: preeclampsia, ipertensione, malattia renale, complicata
  15. Placenta previa
    La placenta previa può essere completa e incompleta, a seconda del grado di chiusura dell'osteosterosi dell'utero da parte del tessuto placentare. La placenta previa può essere identificata dalla presenza di tessuto placentare nel lume della faringe ovunque. Questa è una previa placenta completa. Nel determinare la placenta e le membrane la presentazione è considerata parziale. Potrebbe esserci una posizione bassa della placenta quando si trova nella parte inferiore
  16. PREMATURA DECOMPOSIZIONE DI PLACENTA NORMALMENTE SITUATO
    Distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata (separatio placentae normaliter inserte spontanea, PONRP) - distacco di esso prima della nascita, ad es. durante la gravidanza o il parto (nel primo e secondo periodo). Questa patologia è un pericolo per la salute, e talvolta per la vita di una donna; è estremamente pericoloso per il feto. Placenta durante la gravidanza e il travaglio a causa della struttura spugnosa
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com