Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Distrofie parenchimali



La distrofia è un processo patologico, che si basa su una violazione del metabolismo dei tessuti (cellule), che porta a cambiamenti strutturali nelle cellule, negli organi e nei tessuti. La distrofia è un tipo di danno (alterazione).

Quando si classificano le distrofie, si prende in considerazione: 1) la predominanza dei cambiamenti morfologici negli elementi specializzati del parenchima o nello stroma e nei vasi (distrofie parenchimali, mesenchimali e miste); 2) la predominanza dei disturbi di un particolare tipo di metabolismo (proteine, grassi, carboidrati e distrofie minerali); 3) l'influenza dei fattori acquisiti o ereditari (distrofie acquisite ed ereditarie); 4) prevalenza del processo (distrofie generali e locali).

Con le distrofie parenchimali, si verificano disturbi metabolici nelle cellule del parenchima degli organi che svolgono una funzione specializzata (fegato, reni, cuore). Tra i meccanismi morfogenetici che portano allo sviluppo di cambiamenti morfologici nelle distrofie, ci sono: 1) infiltrazione, 2) sintesi perversa; 3) trasformazione; 4) decomposizione (fanerosi).

Le distrofie parenchimali comprendono proteine ​​(disproteinosi), grassi (lipidosi) e carboidrati.

scivoli

1. Cirrosi portale del fegato (okrug. Sudan III).

Designazioni: 1) accumulo di lipidi negli epatociti (obesità da piccole e grandi gocce); 2) ampi strati di tessuto connettivo.

2. Adenocarcinoma polmonare che forma melma (okr.
HE).

Designazioni: 1) sezioni di adenocarcinoma del polmone; 2) la presenza di cellule tumorali atipiche, polimorfiche, ipercromatiche nelle pareti degli alveoli del tessuto tumorale; 3) cellule tumorali cricoidi nel lume degli alveoli; 4) tessuto polmonare normale.

3. Gozzo colloidale (env. GE).

Designazioni: 1) accumulo di masse colloidali nei follicoli della tiroide; 2) un aumento delle dimensioni dei follicoli (gozzo macrofollicolare); 3) infiltrazione linfoistiocitica dello stroma della ghiandola. 1. Gonfiore torbido del rene.

2. Degenerazione grassa del fegato.

3. Macchie di proteine ​​e lipidi nella parete aortica.

4. Gozzo colloidale.

Argomenti delle domande di prova

1. La definizione di "distrofia". I loro meccanismi morfogenetici, classificazione.

2. L'essenza delle distrofie parenchimali. Le loro specie.

3. Ragioni e meccanismi per lo sviluppo delle distrofie parenchimali.

4. Caratteristiche macro e microscopiche delle distrofie parenchimali.

5. Significato funzionale ed esiti delle distrofie parenchimali.

Compito situazionale

Un paziente affetto da tonsillite follicolare (corpo fino a 39 ° C) ha una tachicardia pronunciata, tracce di proteine ​​sono state trovate nell'analisi delle urine. Dopo il recupero, l'attività del cuore è tornata alla normalità; l'analisi delle urine era normale.

1. Quale processo patologico si è sviluppato nel miocardio e nei reni? Caratterizzazione macro e microscopica dei cambiamenti.

<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Distrofie parenchimali

  1. Distrofie parenchimali
    Con le distrofie parenchimali si verificano disturbi metabolici delle cellule altamente funzionali degli organi parenchimali del cuore, dei reni e del fegato. • Lo sviluppo delle distrofie parenchimali si basa su fermentopatie acquisite o ereditarie. • Un grande gruppo di malattie da accumulo o thesaurismosis è associato a fermentopatie ereditarie. 1. Parenchimale
  2. Distrofie parenchimali
    Le distrofie parenchimali sono caratterizzate dalla localizzazione del processo patologico all'interno delle cellule del parenchima degli organi. Secondo un metabolismo prevalentemente alterato, vengono distrutte le distrofie parenchimali di proteine, grassi e carboidrati. Distrofie di proteine ​​parenchimali Le distrofie di parenchima acquisite comprendono gocciolina ialina, idropica e cornea. Distrofia a goccia ialina
  3. PARENCHIMATOSI E DISISTROFIA STOMAL-VASCOLARE
    Distrofia = un processo patologico, che si basa su violazioni del metabolismo dei tessuti (cellulare), che porta a cambiamenti strutturali. Pertanto, la distrofia è considerata come uno dei tipi di danno (alterazione). Meccanismi morfogenetici della distrofia: 1. Infiltrazione = penetrazione eccessiva di prodotti metabolici da sangue e linfa nelle cellule e nella sostanza intercellulare. Accumulo di sostanze
  4. Danno agli organi parenchimali dell'addome
    Gli organi parenchimali dell'addome, come il fegato e la milza, sono danneggiati più spesso con lesioni chiuse rispetto a quelle vuote. Ciò può essere spiegato dal fatto che sono più fissi nella cavità addominale, hanno una struttura morbida e sono in grado di rispondere in misura minore mediante compressione a una pressione eccessiva dall'esterno. La milza, con una polpa più lenta senza uno stroma forte, è danneggiata dalla ciotola di altri organi. Di conseguenza
  5. Supporto respiratorio per danno polmonare parenchimale
    Per danno parenchimale si intende un processo patologico nei polmoni in cui sono coinvolti la zona di scambio di gas e lo spazio interstiziale. Può essere diffuso o locale. Esempi di processo diffuso sono edema polmonare cardiogeno, ARDS e ARP, polmonite interstiziale. Le lesioni locali possono essere osservate con polmonite lobare, aspirazione, contusione polmonare, ecc. a
  6. Insufficienza respiratoria parenchimale
    La causa può essere: • una diminuzione del volume del tessuto polmonare; • riduzione del numero di alveoli funzionanti; • diminuzione dell'estensibilità volumetrica (compliance, compliance) del tessuto polmonare a seguito dello sviluppo della sua fibrosi. In questo caso, l'ossigeno non raggiunge affatto la superficie di scambio del gas (disturbi della ventilazione) o il suo trasporto attraverso la membrana alveoli-capillare è disturbato. diminuzione
  7. CLINICA DI PNEUMONIA PRIMARIA ACUTA PRIMARIA
    in gran parte dovuto al tipo di agente patogeno, alle caratteristiche della patogenesi, alla prevalenza del processo infiammatorio e allo stato del macroorganismo. Polmonite lobare È la forma più grave di polmonite. Si verifica in quasi il 5% dei casi tra tutta la polmonite acuta, caratterizzata da lobare o danno segmentale al polmone e coinvolgimento della pleura.
  8. Lesione addominale chiusa con danno agli organi parenchimali
    Ambito di esame 1. Il dolore è improvviso, non ha una chiara localizzazione, si irradia al torace, alle scapole, alle spalle, una diminuzione del dolore in posizione semi-seduta e un sintomo di "vanka-vstanka" sono caratteristici. 2. Il vomito si verifica raramente. 3. La defecazione e lo scarico dei gas di solito non sono disturbati. 4. Le condizioni generali sono gravi: pallore, sudore freddo, agitazione psicomotoria; tachicardia arteriosa
  9. Distrofia muscolare
    Queste distrofie sono un gruppo eterogeneo di malattie ereditarie che sono clinicamente caratterizzate da grave debolezza muscolare e deplezione e si sviluppano durante l'infanzia. Distrofia muscolare legata all'X. Le due forme più comuni di distrofia muscolare si basano su aberrazioni associate al cromosoma X (vedi capitolo 8): distrofia muscolare di Duchenne (GBA Duchenne) e distrofia muscolare di Becker
  10. Il concetto di normotrofia e distrofia
    La normotrofia è un normale stato morfologico funzionale del corpo. Implica quanto segue: un bambino con pelle pulita, rosa, vellutata, turgore normale, una distribuzione uniforme di grasso sottocutaneo, senza segni di violazione degli organi e sistemi interni, normali indicatori di sviluppo fisico, motorio, mentale, raramente malato, tollerante facilmente infettivo
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com