principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Tumori da cellule endocrine di diversa localizzazione.

Tumori di adenoipofisi. Gli adenomi pituitari hanno il maggior valore in questo gruppo. La classificazione morfofunzionale degli adenomi ipofisari si basa sugli ormoni che producono. Secondo questo criterio, si distinguono i seguenti tipi di adenomi: monoormonale (prolattinoma, somatotropinoma, corticotropinoma, gonadotropinoma, tireotropinoma), biormonale, pluriormonale, ormonalmente inattivo (adenoma da cellule zero, oncocitoma) (Tabella 35.2).

Prolattinoma. Il tumore più comune della ghiandola pituitaria. Solitamente consiste di cellule eosifiliche, ha una struttura trabecolare o acinosa, è immunoreattivo per la prolattina. È clinicamente manifestato nelle donne - sindrome da lactorei-amenorrea, negli uomini - ginecomastia, impotenza, sterilità.

Tabella 35. Caratteristiche cliniche e morfologiche dei principali tipi di adenomi pituitari





Tipi di adenomi Nome degli adenomi per composizione cellulare Caratteristica clinica
prolaktinoma eosinofila Lactorea-amenorrea - ginecomastia, impotenza
Ormone della crescita Eosinofilo (cromofobico) Giantism di acromegalia
kortikotropinomy basofili La malattia di Cushing
gonadotropinoma chromophobe Con la sindrome di castrazione
Tireotropinoma chromophobe Con mixedema
Somatotropinoma.
Istologicamente più spesso eosinofilo (meno cromofobico), di solito a struttura solida. È clinicamente caratterizzato nel periodo pre-puberale dal gigantismo, nel periodo post-puberale - dall'acromegalia: un aumento delle parti terminali del corpo - dita, lingua, naso.

Kortikotropinomy. Spesso struttura basofila, sinusoidale o follicolare. Morbo di Cushing clinicamente manifestato - iperplasia della corteccia surrenale con iperproduzione degli ormoni corrispondenti. La comparsa di tali pazienti è caratterizzata da un'obesità peculiare ("matronismo"), strie, iperpigmentazione cutanea e iperemia facciale.

Gonadotropinoma. Adenoma più spesso cromofobico. Più spesso secerne gli ormoni follicolo-stimolanti, meno spesso luteinizzanti. Si sviluppa raramente ed è una delle manifestazioni della sindrome di castrazione.

Tireotropinoma. Tumore molto raro, di solito di cellule cromofobiche, struttura sinusoidale. Si sviluppa nuovamente con mixedema (insufficienza tiroidea cronica).

Cancro della ghiandola pituitaria. Tumore molto raro (meno dell'1% di tutte le neoplasie della ghiandola pituitaria). I criteri per la diagnosi di "tumore pituitario" sono la presenza di metastasi e / o la crescita che si infiltra nel cervello.

<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Tumori da cellule endocrine di diversa localizzazione.

  1. Informazioni generali sulla crescita del tumore. Tumori epiteliali senza localizzazione specifica
    Un tumore è un processo patologico o substrato, rappresentato da un tessuto appena formato, in cui i cambiamenti nell'apparato genetico delle cellule portano a una disregolazione della loro crescita e differenziazione. Il tumore è caratterizzato da una proliferazione cellulare incontrollata, si distingue per atipia morfologica, biochimica, istochimica e antigenica. L'atipismo morfologico è diviso in tessuto e cellulare. Il primo
  2. Localizzazione di un tumore nella sindrome di Zollinger-Ellison
    La localizzazione del gastrinoma è abbastanza difficile da stabilire. Approssimativamente nel 30-50% dei pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison, il tumore non viene rilevato durante l'intervento chirurgico e oltre il 20% ha metastasi. L'uso di farmaci antisecretori ha ridotto significativamente la mortalità associata a un'eccessiva secrezione di succo gastrico. Pertanto, è raramente necessario urgentemente
  3. Tumori benigni con localizzazione caratteristica
    1. Adenoma villico del colon. Spesso trovato nel colon. Quadro macroscopico: sembra un grande polipo (di solito più di 1 cm) su un peduncolo o una base larga (spesso ha una superficie vistosa). Quadro microscopico: l'adenoma è rappresentato da numerose papille lunghe (villi), formate da un epitelio altamente differenziato con un gran numero di
  4. Tumori benigni senza localizzazione caratteristica
    1. Papilloma. Tumore benigno dell'epitelio tegumentario (stratificato squamoso o transitorio). • Spesso si verifica nella pelle, laringe, cavità orale, vescica, ecc. Quadro macroscopico: formazione sferica su una base ampia o su una gamba sottile, consistenza morbida ed elastica, mobile. La superficie del tumore è ricoperta da piccole papille. Immagine al microscopio: tumore
  5. Tumori del pancreas endocrino.
    I tumori delle isole di Langerhans possono sviluppare de novo o sullo sfondo di precedenti cambiamenti nel pancreas. Tali processi in background includono, per esempio, necidioblastosi (ipertrofia e iperplasia dell'apparato insulare, spesso con un aumento della funzione delle cellule B). Tra i tumori del parenchima endocrino del pancreas, l'insulinoma (un tumore delle cellule B) e il gastrinoma sono più comuni.
  6. CRESCITA DEL TUMORE. PROGRESSIONE DEI TUMORI. MORFOGENESI DEI TUMORI. INVASIONE E METASTASI DEI TUMORI MALIGNI. MARCATORI BIOMOLECOLARI DEI TUMORI. IMMUNITÀ ANTI-TUMORE. SINDROM PARANOPLASTICO. PRINCIPI DI BASE DELLA CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE DEI TUMORI DELL'EPITELIO E DEI TUMORI DEI TESSUTI - MESENCHIMI DERIVATI
    CRESCITA DEL TUMORE. PROGRESSIONE DEI TUMORI. MORFOGENESI DEI TUMORI. INVASIONE E METASTASI DEI TUMORI MALIGNI. MARCATORI BIOMOLECOLARI DEI TUMORI. IMMUNITÀ ANTI-TUMORE. SINDROM PARANOPLASTICO. PRINCIPI DI BASE DELLA CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE DEI TUMORI DELL'EPITELIO E DEI TUMORI DEI TESSUTI - DERIVATI
  7. Tumori plasmacellulari - mieloma multiplo e discrasia plasmacellulare.
    Questi tumori costituiscono un gruppo di malattie in cui si verifica la proliferazione monoclonale delle plasmacellule maligne. Ciò può portare alla comparsa di focolai multipli di crescita del tumore nel midollo osseo (mieloma multiplo), un sito tumorale singolo e spesso extramidollare (plasmocitoma) o infiltrazione diffusa del midollo osseo, dei linfonodi, della milza e del fegato
  8. UTILIZZANDO LA MONOTERAPIA DA CISPLATINUM IN PAZIENTI CON CANCRO AL SENO E TUMORE DI LOCALIZZAZIONE PRIMARIA SCONOSCIUTA CON MUTAZIONE BRCA1
    NV Brezhnev1, E.N. Imyanitov1; 2, A.G. Ivleva1, A.P. Sokolenko1, E.N. Suspitsin1, S.A. Protsenko1, V.M. Moiseenko1; 2 1FGU "Istituto di ricerca di oncologia. N.N.Petrova Rosmedtekhnologii "2GOU DPO SPbMAPO Roszdrav, San Pietroburgo Uno dei modi per migliorare i risultati del trattamento delle neoplasie maligne è l'individualizzazione del trattamento basato sull'identificazione di molecole biologiche
  9. Chip del DNA per la diagnosi delle cellule tumorali del tumore primario e delle micrometastasi nel plasma sanguigno dal paziente
    Poiché la diffusione delle cellule tumorali inizia con un nodo di queste cellule di 1-2 mm di diametro, la cura del cancro è possibile solo per via della sua diagnosi precoce. Nel XXI secolo. i principali geni marcatori e le proteine ​​marcatori che trasformano una cellula normale in una cellula cancerosa diventeranno noti. Saranno utilizzati per la diagnosi precoce delle cellule tumorali. La diagnosi precoce del cancro è la diagnosi della sua insorgenza. Ancora più importante
  10. Malattie delle ghiandole endocrine. Malattie del pancreas endocrino. Il diabete mellito. Malattie della ghiandola tiroidea. Tumori della tiroide
    1. Fattori eziologici del diabete mellito 1. intossicazione 2. fumo di tabacco 3. infezioni da elminti 4. infezioni virali 5. predisposizione genetica 2. Meccanismi patogenetici dello sviluppo di pancreatite acuta 1. discinesia del condotto 4. avvelenamento da funghi 2. reflusso biliare 5. intossicazione da alcool 3. gastroduodenale reflusso 6. eccesso di cibo 3. Stabilire la conformità funzionale
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com