Патологическая анатомия / Педиатрия / Патологическая физиология / Оториноларингология / Организация системы здравоохранения / Онкология / Неврология и нейрохирургия / Наследственные, генные болезни / Кожные и венерические болезни / История медицины / Инфекционные заболевания / Иммунология и аллергология / Гематология / Валеология / Интенсивная терапия, анестезиология и реанимация, первая помощь / Гигиена и санэпидконтроль / Кардиология / Ветеринария / Вирусология / Внутренние болезни / Акушерство и гинекология Parassitologia medica / Anatomia patologica / Pediatria / Fisiologia patologica / Otorinolaringoiatria / Organizzazione di un sistema sanitario / Oncologia / Neurologia e neurochirurgia / Malattie ereditarie, genetiche / Malattie della pelle e della trasmissione sessuale / Storia medica / Malattie infettive / Immunologia e allergologia / Ematologia / Valeologia / Terapia intensiva, anestesiologia e terapia intensiva, pronto soccorso / Igiene e controllo sanitario ed epidemiologico / Cardiologia / Medicina veterinaria / Virologia / Medicina interna / Ostetricia e ginecologia
principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Tumori mesenchimali Tumori del tessuto formante melanina



I tumori mesenchimali sono tumori che si sviluppano da derivati ​​del mesenchima: connettivo, vascolare, muscolare, grasso, osseo, cartilagine, membrane sinoviali, fascia, tendini, aponeurosi.

Tra i tumori mesenchimali benigni ci sono: 1) tumori del tessuto fibroso - fibroma e dermatofibroma (istiocitoma); 2) tumori del tessuto adiposo: lipoma, lipoma intramuscolare (infiltrante) e ibernazione; 3) tumori del tessuto muscolare - leiomioma, rabdomioma e cellula granulare (tumore di Abrikosov); 4) tumori dei vasi sanguigni - emangioma, emangiopericytoma benigno e tumore del glomus (glomusangioma); 5) un tumore dei vasi linfatici (linfangioma); 6) un tumore del tessuto sinoviale - un sinovoma benigno; 7) un tumore del tessuto mesoteliale - mesotelioma benigno; 8) tumori del tessuto osseo - osteoma e osteoblastoma benigno; 9) tumori della cartilagine, condroma e condroblastoma benigno.

I tumori maligni mesenchimali sono chiamati sarcoma. Il tessuto del sarcoma nella sezione è bianco, ricorda la carne di pesce. Crescita infiltrante, con ampia distruzione dei tessuti circostanti; dà prevalentemente metastasi ematogene.

A seconda dell'istogenesi, si distinguono i seguenti sarcomi.

Fibrosarcoma: cellula rotonda, cellula polimorfica, cellula fusiforme, fibrosarcoma differenziato.

Liposarcoma - alto e basso grado, embrionale, squamoso.

Leiomiosarcoma - un leiomiosarcoma atipico con polimorfismo cellulare grave o un leiomioma maligno tipico differenziato.

Il rabdomiosarcoma è un tumore maligno costituito da

cellule polimorfiche in base al tipo di elementi muscolari embrionali e mioblasti.

Angiosarcoma - emangioendotelioma maligno o emangiopericitoma.

L'osteosarcoma, a seconda della prevalenza della formazione ossea o della distruzione ossea, può essere osteoblastico e osteolitico.

Il condrosarcoma si distingue per un polimorfismo di cellule con mitosi atipiche, un tipo di sostanza interstiziale condroide con focolai di osteogenesi, con muco e necrosi.

Il nevo pigmentato e il melanoma sono riferiti a tumori del tessuto melanogeno. Il nevo pigmentato è considerato una malformazione della pelle, la cui fonte è considerata cellule che formano melanina di origine neurogena. Si verifica più spesso sul viso e sul corpo sotto forma di formazioni sporgenti di colore scuro.

Il melanoma è uno dei tumori più maligni.
Ha la proprietà della metastasi. Più spesso localizzato nella pelle, occhi pigmentati, meno spesso nelle ghiandole surrenali, nel cervello e nelle mucose. È caratterizzato da un marcato polimorfismo delle cellule tumorali che contengono melanina. Esistono anche melanomi pigmentati. Differiscono nelle metastasi ematogene e linfogene precoci.

scivoli

1. Fibromioma uterino (okr. GE).

Designazioni: 1) fasci posizionati casualmente di cellule muscolari lisce e fibre di tessuto connettivo; 2) atipismo tissutale del tumore (posizione irregolare e diverso spessore delle fibre muscolari lisce).

2. Emangioma cavernoso del fegato (okr. GE).

Designazioni: 1) cavità vascolari riempite di sangue; 2) capsula del tessuto connettivo; 3) tessuto epatico.

3. Melanoma della pelle (okr. GE).

Designazioni: 1) polimorfismo delle cellule tumorali; 2) la presenza del pigmento di melanina nel citoplasma delle cellule tumorali; 3) crescita invasiva del melanoma; 4) focolai di necrosi ed emorragia nel tessuto tumorale.

4. Metastasi del melanoma nel fegato (okr. GE).

Designazioni: 1) lesione metastatica (cellule tumorali polimorfiche contenenti melanina); 2) tessuto epatico normale.

Preparazioni a macroistruzione

1. Fibromioma uterino.

2. Metastasi di melanoma nel fegato, milza.

3. Osteosarcoma.

Argomenti delle domande di prova

1. Classificazione dei tumori mesenchimali.

2. Tumori mesenchimali benigni. Le loro caratteristiche macro e microscopiche, caratteristiche di crescita.

3. Tumori mesenchimali maligni. Le loro caratteristiche morfologiche, in particolare crescita e metastasi.

4. Nevo pigmentato. La sua morfologia e specie.

5. Melanoma. Caratteristiche della struttura, crescita, metastasi.

Compito situazionale

Dopo un infortunio al ginocchio, il ragazzo ha avuto una formazione di tumore nell'area della ghiandola pineale del femore. Dopo un esame stazionario, fu deciso di amputare l'arto. Durante l'esame di un arto distante nella regione della ghiandola pineale inferiore, è stato trovato un tumore che distrugge l'osso, senza confini chiari, di colore grigio-rosa, nel contesto del tipo di "carne di pesce".

1. Qual è la diagnosi?

2. Dove ci si può aspettare metastasi tumorali.

<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Tumori mesenchimali Tumori del tessuto formante melanina

  1. TUMORI MESENCHIMALI. TUMORI DI TESSUTO MELANINE-FORMANTE I. TUMORI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE, CELLULE DI CERVELLO E NERVI PERIFERICI
    TUMORI MESENCHIMALI. TUMORI DI TESSUTO MELANINE-FORMANTE I. TUMORI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE, CELLULE DI CERVELLO E PERIFERICHE
  2. Tumori del tessuto mesenchimale Tumori del tessuto adiposo
    Lipoma. Tumore benigno. Il nodo ha il colore della pelle invariata o una tinta giallastra, morbida, spesso lobata, indolore. Spesso, tumori multipli. Fibrolipoma. Si sviluppa tessuto fibroso, in relazione al quale il tumore ha una consistenza densa. Liposarcoma. Nodi multipli o infiltrazione diffusa nel tessuto sottocutaneo senza un contorno chiaro. Il corso è maligno. Metastasi in
  3. CRESCITA DEL TUMORE. PROGRESSIONE DEL TUMORE. MORFOGENESI DEL TUMORE. INVASIONE E METASTASI DEI TUMORI MALIGNI. MARCATORI DI TUMORI BIOMOLECOLARI. IMMUNITÀ ANTITUMORE. SINDROMI PARANEOPLASTICHE. PRINCIPI DI BASE DELLA CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE DEI TUMORI DI EPITELIO E TUMORI DI TESSUTI - MESENCHIMES DERIVATE
    CRESCITA DEL TUMORE. PROGRESSIONE DEL TUMORE. MORFOGENESI DEL TUMORE. INVASIONE E METASTASI DEI TUMORI MALIGNI. MARCATORI DI TUMORI BIOMOLECOLARI. IMMUNITÀ ANTITUMORE. SINDROMI PARANEOPLASTICHE. PRINCIPI DI BASE DELLA CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE DEI TUMORI DELL'EPITELIO E TUMORI DEI TESSUTI - DERIVATI
  4. Tumori mesenchimali
    I tumori mesenchimali provengono da tessuti di derivati ​​del mesenchima: connettivi (fibrosi), adiposi, muscolari, vascolari, ossei, cartilagine, nonché sinoviali e delle membrane sierose. La fonte dei tumori mesenchimali è una cellula mesenchimale polipotente. Il livello di trasformazione del tumore della cellula, la direzione e il blocco di differenziazione determinano il tipo specifico di tumore: può
  5. Tumori mesenchimali
    1. La natura della crescita che prevale nei tumori maligni: a) infiltrativa b) espansiva c) ricorrente d) lenta e) mista La risposta corretta: a 2. La formazione da cui si sviluppa il melanoma: a) nevo b) fibroma c) polipo g) desmoide e) sarcoma Risposta corretta: a 3. Qual è il tipo istologico di fibrosarcoma: a) leiomiosarcoma b) cellula fibrosa c) fibrosa g)
  6. Tumori del tessuto formante melanina
    I tumori del tessuto formante melanina derivano da melanociti e melanoblasti, cellule che sintetizzano la melanina sotto l'influenza della tirosinasi, un pigmento appartenente al gruppo della melanina formante. Il nevo appartiene a tumori benigni, è localizzato sulla pelle ed è strutturato in: a) borderline; b) intradermico; c) complesso; d) epitelioide [giovanile); e) blu. maligno
  7. Tumori da derivati ​​del mesenchima, neuroectoderma, tessuto formante melanina
    1. Supplemento: un tumore maligno da derivati ​​dei tessuti mesenchimali è chiamato ___________________. 2. Tumore benigno da tessuto connettivo 1. mioma 4. adenoma 2. sarcoma 5. melanoma 3. fibroma 6. papilloma 3. Varianti di fibroma a seconda del rapporto tra parenchima e stroma 1. lieve 4. fibromioma 2. denso 5. incapsulato 3. desmoid 4. Caratterizzazione di desmoid 1.
  8. Tumori del tessuto formante melanina
    • La fonte dei tumori in questo gruppo sono i melanociti = cellule di origine neuroectodermica, che si trovano nello strato basale dell'epidermide, dei follicoli piliferi, la maggior parte delle mucose ricoperte di epitelio squamoso stratificato, pia madre, retina e iris. • I melanociti contengono melanina macchiata di colore marrone scuro (nero). Lui può
  9. Tumori ematopoietici
    Tutti i tumori, la cui fonte è il tessuto ematopoietico, sono uniti sotto il nome generale - emmoblastosi. Sono divisi in 2 grandi gruppi: sistemici (forme acute e croniche di leucemia) e regionali (maligni
  10. Tumori: definizione, nomenclatura, classificazione. Crescita tumorale e basi molecolari della carcinogenesi. Tumori dall'epitelio.
    1. Le principali teorie sulla crescita tumorale 1. infiammatoria 2. disontogenetica 3. genetica virale 4. agenti cancerogeni chimici 5. agenti cancerogeni fisici 2. meccanismi di attivazione degli oncogeni cellulari 1. alterazione 2. rigenerazione 3. proliferazione 4. amplificazione 5. mutazione puntuale 3. fasi carcinogenesi chimica 1. promozione 2. iniziazione 3. alterazione 4. proliferazione 5. progressione del tumore 4.
  11. Tumori maligni
    SARCOM è un tumore maligno dal tessuto mesenchimale. A differenza del cancro al sarcoma, le prime metastasi sono ematogene. I sarcomi dell'istogenesi sono suddivisi in diverse varietà. Dal tessuto fibroso. 1. Fibrosarcoma. 2. Dermatofibroma gonfiore (istiocitoma maligno) - a differenza di altri sarcomi, è caratterizzato da una crescita lenta e non fornisce metastasi per lungo tempo, sebbene cresca
  12. TUMORI
    Ci sono tumori benigni e maligni. I tumori benigni hanno la cosiddetta crescita espansiva. È caratterizzato dal fatto che i tessuti normali che circondano il tumore vengono schiacciati e separati (o spostati). Per questo motivo, ci sono chiari confini tra il tumore e i tessuti circostanti e si forma una capsula, all'interno della quale cresce il tumore.
  13. Caratteristiche generali dei tumori
    Un tumore è una crescita patologica e unica del tessuto che non fa parte del piano generale per la costruzione di un organo, caratterizzato da una crescita autonoma dilagante, nonché dalla presenza di atipismo biologico, biochimico, istochimico, antigenico e morfologico. L'atopismo biologico è caratterizzato dall'autonomia della vita tumorale. Atipismo biochimico riflette un insolito metabolismo nel tumore. il
  14. Tumori del fegato
    Tra tutti i tumori epatici primari, i tumori benigni rappresentano il 5%, il restante 95% sono tumori maligni di origine epiteliale e mesenchimale. Tra le neoplasie benigne (Tabella 28.7), l'emangioma cavernoso è più comune. Macroscopicamente, è rappresentato da singoli nodi molli rosso cianotici, di solito non superiori a 2 cm di diametro,
  15. Tumori alla vescica
    I tumori della vescica sono divisi in benigni e maligni, epiteliali e mesenchimali. Tumori epiteliali della vescica. I tumori epiteliali della vescica sono più comuni, divisi in benigni (papillomi di transizione) e maligni (tumore di transizione). I tumori epiteliali costituiscono oltre il 98% di tutti i tumori della vescica, la stragrande maggioranza
  16. Tumori cerebrali
    Un tumore è una crescita di tessuto che è andata fuori controllo. I tumori sono diversi .. Tutti i tumori sono noti per essere divisi in benigni e maligni. I tumori benigni sono caratterizzati dal fatto che non crescono negli organi e nei tessuti vicini, non si diffondono attraverso i sistemi circolatorio e linfatico (cioè non metastatizzano). Sono caratterizzati da un flusso lento e dall'assenza di decadimento
  17. Tumori del cuore
    I tumori cardiaci primari sono rari. Circa il 75% dei tumori è benigno, il 25% è maligno e quasi sempre è rappresentato da sarcomi. Tra neoplasie benigne, si trovano i mixomi, i lipomi, i fibroelastomi papillari, i rabdomiomi, i fibromi con la più alta frequenza; tra le neoplasie maligne, gli angiosarcomi e altri sarcomi. Mixoma - il più comune
  18. Tumori dall'epitelio
    I tumori dell'epitelio sono i più comuni tra i tumori. La classificazione dei tumori epiteliali si basa sulle caratteristiche di istogenesi (tipo di epitelio), grado di differenziazione e specificità degli organi. 1. A seconda dell'istogenesi, i tumori si distinguono dall'epitelio tegumentario (stratificato squamoso e transitorio) e ghiandolare. 2. Il flusso, che è principalmente determinato dal grado
  19. Tipi di crescita del tumore
    A seconda del numero di focolai di occorrenza, la crescita è unicentrica e multicentrica. A seconda del grado di maturità del tumore e in relazione al tessuto circostante, si distinguono 3 tipi di crescita: 1. Apposizionale - crescita dovuta alla trasformazione del tumore delle cellule circostanti. 2. Espansivo: la crescita del tumore "da se stesso", quando spinge il tessuto circostante, non penetra in essi, ma comprime,
  20. Tumore osseo
    Cause Un tumore benigno nell'osso o nella cartilagine, carcinoma osseo (nei bambini), osteosarcoma (nel ginocchio) - un tumore osseo maligno, tubercolosi di ossa e articolazioni, tumori della figlia di cancro del polmone, tiroide, prostata, mammella, rene. Sintomi Gonfiore e dolore osseo. Pronto soccorso: consultare uno specialista. I tumori vengono rimossi prontamente. Nei casi più gravi (con
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com