principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
<< Avanti Successivo >>

Altre malattie vascolari dei reni



Malattia renale aterosclerica. Frammenti di placche ateromatose dell'aorta o dell'arteria renale possono entrare nei vasi intrarenali nei pazienti anziani con grave aterosclerosi, solitamente dopo interventi chirurgici sull'aorta addominale, aortografia o cannulazione intra-aortica. Questi emboli possono essere rilevati nelle pareti delle arterie arcuate e interlobulari a causa della presenza di cristalli di colesterolo nel tessuto emboli, che hanno una forma a rombo. Le manifestazioni cliniche dell'aterocolismo dipendono dal numero di emboli e dalle condizioni dei reni. A volte un embolo non influenza la funzione dei reni.

Nefropatia in anemia falciforme. La malattia falciforme si manifesta in entrambe le forme omozigote ed eterozigote. Provoca varie violazioni della struttura e della funzione dei reni, alcune delle quali portano allo sviluppo di manifestazioni clinicamente significative, che sono combinate sotto il termine "nefropatia a cellule falciformi".

Le manifestazioni cliniche e funzionali più frequenti della malattia sono l'ematuria e una diminuzione della capacità di concentrazione. Si ritiene che la formazione delle cellule falciformi sia potenziata nell'ambiente ipertonico ipossico del midollo dei reni, che aumenta la viscosità del sangue durante il suo passaggio attraverso i vasi diretti che continuano a svolgere le arteriole. Ciò provoca un blocco dei vasi sanguigni e una riduzione del flusso sanguigno. La necrosi maculata delle papille si trova sia negli omozigoti che negli eterozigoti. A volte è associato a cicatrici della sostanza corticale. Quando si verifica anche l'anemia falciforme, la proteinuria, che colpisce circa il 30% dei pazienti.

Necrosi corticale diffusa Questa è una malattia rara che è più comune nella pratica ostetrica, come distacco della placenta, shock settico o intervento chirurgico esteso. Se il danno renale è bilaterale e simmetrico, allora inevitabilmente portano alla morte. La distruzione della sostanza corticale ha tutti i segni di necrosi ischemica. I microtrombi nelle arteriole e glomeruli si trovano solo in alcuni casi, e quindi provocano necrosi e danni ai reni. Si ritiene che la causa della malattia sia la coagulazione intravascolare disseminata (DIC) e il vasospasmo.

Osservare macroscopicamente vaste aree di necrosi della sostanza corticale.
L'esame istologico rivela segni di infarto ischemico acuto. I danni possono essere disomogenei con aree più intatte della sostanza corticale. La trombosi intravascolare e intraglomerulare è di solito locale, vi è una necrosi acuta di piccole arteriole e capillari. Rileva le emorragie nei glomeruli con perdita simultanea di fibrina nei capillari glomerulari. La necrosi corticale acuta massiccia è importante perché è la causa di anuria improvvisa, che porta rapidamente alla morte per uremia. Il danno renale unilaterale o irregolare fornisce una prognosi più favorevole.

Rene attacco di cuore Dal momento che i reni ricevono circa il 20% di un minuto di gittata cardiaca, sono un luogo "favorevole" per lo sviluppo di attacchi di cuore. E sebbene la trombosi nell'aterosclerosi grave e nella vasculite acuta con polarterite nodulare possa portare ad arterie intasate, la maggior parte degli infarti renali sono ancora associati al tromboembolismo. Le principali fonti di tali emboli sono i troni parietali dell'atrio sinistro e del ventricolo, che si sono sviluppati a seguito di infarto miocardico. I trombi parietali nell'endocardite, così come i trombi negli aneurismi o sulle placche aterosclerotiche dell'aorta sono fonti più rare di emboli.

Secondo la natura del letto arterioso, il rene è un organo del tipo terminale di afflusso di sangue, quindi la maggior parte degli attacchi cardiaci che si manifestano in esso sono di tipo ischemico (bianco) con una corolla di iperemia. Sono rilevati come focolai singoli o multipli, possono essere bilaterali. Entro 24 ore, gli attacchi cardiaci si trasformano in focolai giallo-bianchi chiaramente delimitati, circondati da una zona di iperemia intensa e piccole aree irregolari di emorragia. Su una sezione i cuori di un attacco cardiaco hanno una forma a forma di cuneo. La base è rivolta alla superficie della sostanza corticale e la parte superiore al midollo. Dalla capsula dell'organo, questi fuochi sono separati da una porzione ristretta del tessuto conservato della sostanza corticale, il cui apporto di sangue è supportato da collaterali situati nella capsula del rene. Nel tempo, i fuochi della necrosi ischemica subiscono cicatrici, con conseguente formazione di cicatrici bianco-grigio. Microscopicamente, i cambiamenti nell'infarto renale sono gli stessi della necrosi della coagulazione ischemica (vedi capitolo 3).

<< Avanti Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Altre malattie vascolari dei reni

  1. GRAVIDANZA E GENI IN MALATTIE CARDIOVASCOLARI, ANEMIA, MALATTIE RENE, DIABETE, IPOTETI VIRALI, TUBERCOLOSI
    Una delle patologie extragenitali più gravi nelle donne in gravidanza sono le malattie del sistema cardiovascolare, e il posto principale tra loro è occupato da difetti cardiaci. Le donne incinte con difetti cardiaci sono considerate ad alto rischio di mortalità e morbilità materna e perinatale. Ciò è spiegato dal fatto che la gravidanza impone un onere aggiuntivo sul sistema cardiovascolare delle donne.
  2. GRAVIDANZA E GENI IN MALATTIE CARDIOVASCOLARI, ANEMIA, MALATTIE RENE, DIABETE, IPOTETI VIRALI, TUBERCOLOSI
    Una delle patologie extragenitali più gravi nelle donne in gravidanza sono le malattie del sistema cardiovascolare, e il posto principale tra loro è occupato da difetti cardiaci. Le donne incinte con difetti cardiaci sono considerate ad alto rischio di mortalità e morbilità materna e perinatale. Ciò è spiegato dal fatto che la gravidanza impone un onere aggiuntivo sul sistema cardiovascolare delle donne.
  3. Altre malattie dei reni associate a danni ai tubuli e all'interstizio
    La maggior parte delle forme di danno tubulare interessano anche l'interstizio. Ci sono lesioni ischemiche o tossiche dei tubuli, che portano alla necrosi acuta dei tubuli e dell'OPN, così come i cambiamenti infiammatori nei tubuli e nell'interstizio. La necrosi tubulare acuta è caratterizzata dalla distruzione delle cellule epiteliali, che è la causa più comune di insufficienza renale acuta, che è caratterizzata da soppressione acuta
  4. DANNI AL RAGNO VASCOLARE
    Norman K. Hollenberg (Norman K. Hollenberg) Numerosi processi, quali stenosi e occlusione dell'arteria renale, arterio-nefrosclerosi, poliarterite nodosa, sindrome emolitica uremica, sclerodermia e preeclampsia, presentano un numero sufficiente di segni clinici, caratteristiche morfologiche e conseguenze patogenetiche comuni, per in modo che tu possa giustificare la loro unione
  5. Ipertensione, aterosclerosi e altre malattie del sistema cardiovascolare
    Ipertensione arteriosa (AH) è un aumento persistente della pressione sanguigna di 140/90 mm Hg. e sopra. Il 90-95% dei casi di AH sono ipertensione arteriosa essenziale, in altri casi secondaria, viene diagnosticata l'ipertensione sintomatica: 3-4% renale (nefrogenico), 0,1-0,3% endocrino, emodinamico, neurologico, stressante, causato dall'ammissione di alcuni
  6. Malattia renale
    Ragionamento generale I reni hanno malattie di natura, hanno anche malattie combinate [particelle] espresse in piccole dimensioni e aumento di dimensioni, nonché in blocchi, che includono pietre e malattie [discontinuità] di continuità, cioè ulcere, corrosione, rottura dei vasi sanguigni e rivelando loro. Tutto questo accade sia nei reni stessi, sia nei canali situati tra loro e altri [organi],
  7. MALATTIE DEL RENE TUBULOINTERISTICO
    Barry M. Brenner, Thomas X. Hostetter (Barry M. Brenner, Th>
<< РџСЂРμРґС <РґСѓС РЏ СЏ РЎР »РμРґСѓСЋС ‰ РЏ СЏ >>
= РџРμРЂР РЅРёСЋ СѓС ‡ РμР ± РЅРёРєР ° =

R "СЂСѓРіРμ СЃРѕСЃРґРОРСР" РР "РРРР" РμР °Р

  1. Р'Р • Р Р • РњР • РќРќРћРЎРўР Р