principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
Agli autori
Libri su licenza di medicina
Successivo >>

Il benessere psicologico del bambino e l'allattamento al seno.


I benefici dell'allattamento al seno sono stati scritti e ripetuti più volte. Il latte materno è sia anticorpi che lisozima, protegge il bambino da infezioni, proteine ​​non allergeniche e carboidrati facilmente digeribili, questo è il fattore bifido che accelera la colonizzazione dell'intestino con i bifidobatteri, è un fattore di crescita ormonale, sono enzimi che aiutano il bambino a digerire il cibo. Tuttavia, non tutti sanno che il latte materno è destinato al bambino, poiché in qualsiasi momento corrisponde a tutte le esigenze del bambino in proteine, fluidi, vitamine, calcio, oligoelementi e ormoni. Se il tempo è caldo, c'è più liquido nel latte, se il bambino ha i denti, il latte sarà ricco di calcio e fosforo, e se il bambino è malato, anticorpi (immunoglobuline), lisozima e cellule di risposta immunitaria - i macrofagi prevarranno nel latte. E non una singola formula del latte ampiamente pubblicizzata può così soddisfare in modo univoco i bisogni del bambino, come il latte materno, non importa quanto possa sembrare "liquido e bluastro". Ma la proprietà più importante e indispensabile dell'allattamento al seno, a mio parere, un medico e uno psicologo, è la creazione per il bambino di condizioni ottimali per la crescita e lo sviluppo del fisico e psicologico, per la realizzazione del suo potenziale creativo e intellettuale. Diamo un'occhiata a come questo accade. Quando il bambino è nel grembo materno, è collegato alla madre attraverso il cordone ombelicale e la placenta. L'ambiente di sua madre suona, odori, sapori, tocchi. In questo momento, sta vivendo uno stato di beatitudine, unione con sua madre e il mondo intero. Pertanto, anche dopo la nascita, la madre è una fonte di felicità e sicurezza per il bambino. Dopo la nascita, il bambino si trova in un nuovo mondo completamente sconosciuto, che funge da fonte di ansia e preoccupazione. E solo, essendo tra le braccia della madre, premuta contro il suo seno, specialmente se il suo seno e le sue ginocchia sono scoperti, il bambino è il più vicino possibile alle condizioni della permanenza intrauterina. I boccali di capezzolo della madre emanano lo stesso odore del liquido amniotico che ha circondato il bambino per nove mesi. Qui, il bambino può sentire il respiro e il battito del cuore di sua madre, e il latte stesso ha il sapore del liquido amniotico, che il bambino ha ingerito dalla sedicesima settimana di sviluppo intrauterino. Il seno della mamma per il bambino in questo momento funge da collegamento, collegandolo con sua madre, invece del cordone ombelicale. E solo in queste condizioni il bambino prova una sensazione di affidabilità e sicurezza. Mettere il bambino al petto è l'inizio della sua relazione con il mondo esterno. E quanto a suo agio e al sicuro il bambino si sentiva nei primi mesi di vita, per quanto tempo è rimasto al seno di sua madre, determina se crescerà come una persona prospera, sicura di sé, reattiva che percepisce il mondo non come un ambiente ostile, ma come una casa Il contatto con la madre è così importante per il bambino che la natura stessa lo aiuta in questo: la distanza in cui i neonati possono focalizzare lo sguardo è uguale alla distanza dagli occhi del bambino agli occhi della madre; I bambini appena nati possono guardare un oggetto per lungo tempo senza battere ciglio.
È noto che già nelle prime ore di vita, i neonati preferiscono il volto della madre agli altri volti e distinguono la voce della madre tra le altre voci intorno a loro. E dal sesto giorno di vita, i bambini riconoscono già l'odore del latte della loro madre e lo preferiscono. È stato dimostrato che l'attacco mammario è un potente strumento per alleviare lo stress nei neonati. Se il bambino piange per il dolore o la paura, vale la madre di dargli un seno, e si calma rapidamente, dimenticando il suo dolore. Il succhiare il seno non è solo nutrire il bambino, ma anche sperimentare un benessere fisico e psicologico, una comunicazione diretta tra madre e figlio. Pertanto, è così importante non limitare il tempo in cui il bambino rimane al seno e permettergli di succhiare quanto vuole, il che significa quanto ha bisogno. Quindi tuo figlio o tua figlia non svilupperanno un'abitudine "cattiva" di succhiare il pollice, perché non avranno bisogno di un rimedio "sedativo" che sostituisca il seno materno. Se un bambino ha iniziato a piangere e la madre, su consiglio del Dr. Spock, aspetta e non si avvicina a lui, per non rovinarlo, il bambino diventa gradualmente sicuro che è inutile chiedere aiuto quando ti senti male - nessuno ti avvicinerà comunque . Successivamente, un bambino impara ad affrontare le proprie difficoltà e non sarebbe male se non avesse dimostrato per tutta la sua vita di essere forte e che nessuno aveva bisogno di lui. Essendo già un adulto, sarà molto difficile per lui creare relazioni intime e calde nella sua stessa famiglia, poiché non ha esperienza d'amore e accettazione da bambino. Nel suo subconscio si formerà una convinzione per il resto della sua vita: "poiché mia madre non mi amava, la persona più vicina a me, significa che non sono davvero degno d'amore, e tutte le altre persone non mi ameranno più". Queste persone o tutte le loro vite si sentono dei perdenti o, al contrario, sono molto aggressivi nei confronti degli altri e del mondo intero. Pertanto, dipende dal comportamento materno se la quantità di amore o la quantità di aggressività aumenterà con l'arrivo di suo figlio nel mondo. Non è un caso che gli psicologi notino che i bambini che sono stati allattati a lungo si comportano molto più tranquillamente in un ambiente non familiare, sono più sicuri di sé e contattano gli altri più facilmente rispetto ai loro coetanei alimentati artificialmente. È stato anche osservato che le madri stesse che allattano i loro figli sono molto più calme e più benevoli nel comunicare con i loro bambini rispetto alle donne che non allattano al seno. Ciò è dovuto al fatto che durante la stimolazione del capezzolo durante l'alimentazione del bambino, gli ormoni della "gioia" sono prodotti nel corpo della madre - endorfine, che aiutano la donna ad essere più bonaria, sicura di sé e calma. Certo, e il bambino con la madre affettuosa e sorridente è molto più a suo agio e più divertente che con ansia e nervosismo. Perciò, care mamme, non privarti del piacere di una stretta comunicazione con il tuo bambino, dona gioia e salute a te stesso e al tuo bambino! E i tuoi sforzi non rallenteranno per ripagare il centuplo, vedrai gli occhi felici e amorevoli dei tuoi figli! Consulente per l'allattamento al seno, psicologa Natalya Evstigneeva
Successivo >>
= Vai al contenuto del tutorial =

Il benessere psicologico del bambino e l'allattamento al seno.

  1. Valutazione dell'efficacia dell'alimentazione infantile.
    Indicatori dell'efficacia di nutrire il bambino saranno l'armonia dello sviluppo fisico del bambino, il buon turgore (elastico, "gommoso") dei suoi tessuti, il buon appetito e la normale natura delle partenze, il corretto sviluppo motorio e mentale, la rarità respiratoria e intestinale
  2. Cosa significa per un bambino - l'allattamento al seno?
    Ti piace il fatto che offri a tuo figlio un regalo che possa aumentare il suo QI di circa 10 punti; può migliorare il funzionamento del cuore, degli intestini e di quasi tutti gli altri organi del tuo bambino; ridurre il rischio di malattie che riducono la vita e debilitanti come il diabete; e aiuta il tuo bambino ad evitare molti dei soliti problemi per i bambini, come infezioni alle orecchie, disturbi
  3. Allattamento al seno: l'inizio, la durata e la pratica dell'allattamento al seno esclusivo
    A causa della mancanza di dati completi e comparabili e di definizioni internazionali unificate, è difficile fare affermazioni generali sulla prevalenza dell'allattamento al seno nella Regione europea dell'OMS. I dati sulla percentuale di bambini allattati al seno sono mostrati in Fig. 8, tratto da varie fonti (27). Questi dati devono essere affrontati con attenzione: metodi di indagine
  4. Le vostre domande sull'allattamento al seno e l'assistenza all'infanzia e le risposte a loro
    Dopo la nascita arriva molto latte e per quanto ne so: un neonato ha bisogno di pochissimo. Vale la pena subito dopo la consegna alla decantazione? Di norma, una grande quantità di latte arriva il terzo o il quinto giorno dopo la nascita? I primi due giorni il seno produce colostro e di solito non è pieno. Quando stare insieme, quando una madre può nutrire un bambino non secondo un rigido regime, ma da
  5. La necessità di nutrire il bambino. Aiuto per l'allattamento al seno
    Esistono diverse soluzioni a questo problema. ^ L'alimentazione extra da una pentola o da una tazza con coperchio è la più semplice, ma richiede pazienza. Se lo si desidera, qualsiasi madre può padroneggiare questa abilità. Un'opzione più conveniente è un cucchiaio morbido, che ha come maniglia una bottiglia in cui viene versato il cibo. Nel cucchiaio di cibo in silicone morbido viene misurato quando una persona che sta alimentando un bambino,
  6. Gruppo di sostegno materno per l'allattamento al seno a Samara. Allattare al seno le questioni più importanti, 2014

  7. SCIENZA ALIMENTARE: PERCHÉ ALLATTAMENTO?
    Spesso ci chiediamo perché alcune madri non allattano al seno. Dal nostro punto di vista, l'allattamento al seno è una naturale continuazione delle relazioni iniziate nell'utero. Forse alcune donne sono convinte che l'allattamento al seno non contenga davvero. Dopo aver studiato il Capitolo 1, comprenderete i benefici dell'allattamento al seno sia per la madre che per il bambino. Noi crediamo che se tu valuti
  8. Quando i bambini hanno bisogno di più di un latte materno e per quanto tempo dovrebbe essere allattato al seno?
    Nutri il tuo bambino esclusivamente con latte materno fino a 6 mesi di età. A circa 6 mesi di età, tutti i bambini, insieme al latte materno, hanno bisogno di cibo extra, ma idealmente continuano ad allattare fino a un anno e
  9. Alternative allattamento al seno
    Di solito l'allattamento al seno è il modo migliore per nutrire i bambini. Tuttavia, ci sono situazioni in cui può essere preferibile o è necessario sostituire il latte materno con qualsiasi alternativa. Oltre alle controindicazioni brevemente descritte sopra, si verificano circostanze in cui, nonostante tutti gli sforzi per continuare l'allattamento al seno, la madre non può mantenere l'allattamento per
  10. allattamento
    Durante i primi 6 mesi di vita, i bambini dovrebbero essere allattati esclusivamente al seno. Ciò significa che un bambino in buona salute dovrebbe ricevere latte materno e nessun altro cibo o liquido, come acqua, tè, succo, decotto di cereali, latte animale o latte artificiale. Neonati o bambini allattati al seno
  11. Allattamento al seno esclusivo o parziale
    L'allattamento al seno eccezionale significa che il bambino non riceve nessun'alimentazione diversa dal latte materno, non prende nemmeno un ciuccio. Se a un bambino vengono somministrate vitamine o alimenti rituali in piccole quantità, acqua o succo, questo è quasi l'allattamento al seno esclusivo. L'allattamento al seno parziale significa che il bambino è parzialmente sul seno e parzialmente sull'artificiale
  12. ALLATTAMENTO AL SENO E ALLE SUE ALTERNATIVE
    Tutti i bambini devono essere allattati esclusivamente dalla nascita a circa 6 mesi di età, ma in ogni caso durante i primi 4 mesi di vita. È preferibile continuare l'allattamento al seno dopo il primo anno di vita, e in popolazioni con un'alta prevalenza di infezioni, la continuazione dell'allattamento al seno per tutto il secondo
  13. Aspetti pratici dell'allattamento al seno
    Come iniziare l'allattamento al seno Subito dopo la nascita, un bambino sano cerca istintivamente il cibo. Nelle prime ore di vita al di fuori dell'utero, il bambino è vivace, attivo e pronto a nutrirsi, quindi idealmente l'allattamento dovrebbe iniziare entro la prima ora. Per facilitare questo processo, è necessario mantenere il contatto della pelle del bambino con la madre direttamente dal momento della nascita fino al
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com