principale
Informazioni sul progetto
Notizie di medicina
autori
Libri su licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Crisi di lattazione


In numerose pubblicazioni sull'allattamento al seno, esiste una crisi di allattamento. Una delle madri che allatta, mentre legge la descrizione della crisi della lattazione, esclama gioiosamente "quasi, questo riguarda solo me", mentre altri, al contrario, scrollano le spalle increduli, altri iniziano a temere che sia molto spaventoso e sicuramente lo avranno. Che razza di animale è questa, una crisi di allattamento, ed è davvero così? La crisi della lattazione è la temporanea diminuzione della produzione di latte, che di solito si verifica dopo l'insediamento della lattazione matura. Con l'allattamento al seno illimitato su richiesta, compresa l'alimentazione notturna, questa situazione viene sempre ripristinata da sola, senza misure speciali per 2-7 giorni. Si ritiene che le crisi di allattamento siano più spesso osservate nelle prime 3-6 settimane di vita di un bambino, e quindi possono essere ripetute a 3, 7, 11 e 12 mesi. In alcune fonti, è indicata un'altra periodicità - circa 1,5 mesi. Non importa quanto spesso si verificano, la loro durata è raramente superiore a 6-8 giorni, il più delle volte durano solo 3-4 giorni. C'è anche una spiegazione tradizionale per questo fenomeno. Presumibilmente, il consumo di energia del bambino aumenta bruscamente e la sua solita parte comincia a mancarlo. Il seno non regge il passo con la crescita del bambino. Una spiegazione meno tradizionale e più fisiologica collega tali maree e riflussi con l'influenza sull'allattamento del cambiamento di fase della Luna. Che aspetto ha? Tutti loro sono diversi, ma di solito le donne lamentano l'ansia e il pianto del bambino durante o immediatamente dopo l'alimentazione e la maggiore frequenza dell'applicazione. Altri stanno vivendo a causa della sensazione quasi costante di un torace "vuoto". " Alcune madri non notano alcun cambiamento nello stato del loro seno, sono quasi esaurite dal succhiare un bambino. "Sembra che mio figlio abbia dimenticato di essere cresciuto, si comporta come un neonato, anche se ha già 3 mesi!" Per una normale, cosiddetta bambina media, le crisi di allattamento non rappresentano un pericolo. Se una donna sa che un tale fenomeno esiste, se è sicura della sua capacità di nutrire un bambino, allora semplicemente aumenta la frequenza e la durata dell'applicazione al seno. Con l'organizzazione corretta della nutrizione, l'aumento dell'attività di suzione del bambino porterà inevitabilmente ad un aumento del volume di latte prodotto. Solo i tempi di recupero a tutti diversi, quindi una mamma dovrà soffrire solo 2 giorni, e l'altra tutti e 6! I problemi iniziano quando la madre che allatta non è sicura della correttezza delle sue azioni, dubita della disponibilità di sufficienti quantità di latte. Particolarmente fortemente preoccupato per le madri, se inizialmente il bambino non aggiungeva peso molto bene, prematuramente, piccolo, recentemente malato. Quando la mamma si preoccupa, tensioni, preoccupazioni, la sua produzione ormonale di ossitocina è disturbata, da cui dipende il deflusso del latte. Tutto ciò influenza necessariamente le condizioni del bambino, che inizia a preoccuparsi ancora di più al seno. Si scopre un circolo vizioso, che è ulteriormente esacerbato se il bambino sta cercando di calmarsi con un ciuccio o iniziare a integrare la miscela. Un bambino che riceve un ciuccio o una bottiglia stimola il seno sempre meno spesso succhiandolo. I seni che non ricevono una stimolazione adeguata, invece di aumentare la produzione di latte, continuano a ridurlo. A causa di tali azioni illetterate, una piccola mancanza di latte diventa molto rapidamente significativa e il bambino ha davvero bisogno di un supplemento. Per evitare ciò, ogni madre deve sapere quali azioni possono aiutare in questa situazione e quali possono portare a problemi. In primo luogo, con una riduzione della quantità di latte, non iniziare a nutrire, dopaivat e lenire il bambino con un ciuccio. Forse questa è solo una crisi di allattamento e tutto sarà formato da solo. Non appena la madre inizia a preoccuparsi se il bambino ha abbastanza latte, cerca molto spesso di compensare il bambino per questa mancanza, senza capire la validità delle sue azioni. Tuttavia, solo un'applicazione più frequente al seno stimola il ripristino della lattazione, quindi non bisogna mai affrettarsi con misure correttive. In secondo luogo, monitorare la sufficienza della nutrizione del bambino per il numero della sua minzione e non essere guidato dal suo comportamento.
Se il numero di minzione è maggiore di 12, non è necessaria alcuna correzione per il bambino. Il bambino non manca di latte, è irritato e disturbato da qualcos'altro. La diminuzione temporanea del numero di minzioni a 6-8 al giorno non danneggia il bambino se dura non più di 3 giorni. Applicare il bambino più spesso e contare la minzione. Di norma, dopo 3 giorni, il loro numero aumenta necessariamente, ma se l'aumento non si verifica, è possibile dare temporaneamente al bambino una supplementazione con un cucchiaio, ma non prima del 6 ° giorno! In terzo luogo, è necessario che la madre organizzi almeno una breve pausa. L'affaticamento fisico, spesso, è uno dei motivi della riduzione temporanea della lattazione e dell'aumentato nervosismo del bambino. Permetti a qualcuno della famiglia di occuparsi temporaneamente di alcune faccende domestiche. Anche se la madre non si sente molto stanca, il riposo in ogni caso non farà male. Dedica il tempo liberato al bambino, che aiuterà a eliminare la fonte di tensione tra loro e il bambino in ogni caso diventerà più calmo. È possibile fare a meno di loro? Le osservazioni a lungo termine dei dipendenti del nostro Centro hanno permesso di stabilire un simile modello. Le madri esperte, preparate ad allattare al seno con successo e fiduciose nella stabilità della loro allattamento, non soffrono di crisi. No, notano anche che in alcuni giorni il latte è più, e in alcuni meno, ma hanno sempre una spiegazione ragionevole per questo comportamento del bambino. I più attenti osservano che tali fenomeni sono più spesso associati alla coincidenza di diversi fattori. Ad esempio, la fase "di successo" della luna sovrapposta a una pulizia generale in casa. Da un lato, la mamma ha lavorato troppo e ha ridotto leggermente la produzione di latte. D'altra parte, cercando di fare di più, in ritardo rispondendo alle richieste del bambino, e un paio di volte e semplicemente lo diede per divertire il papa, di conseguenza il bambino non stimolò sufficientemente il seno succhiando, e perse anche sua madre. Papà giocava con il bambino da molto tempo e lo trascurava. Se a questo si aggiunga che l'influenza della Luna ha contribuito solo a diminuire la lattazione, c'è da meravigliarsi che il giorno dopo mia madre sentirà una carenza di latte. A sua volta, il bambino reagirà a questo e, in risposta, "si bloccherà" sul seno di mia madre! Potete chiamarlo la parola alla moda "crisi", ma la ragione non è in alcuni processi a tappe, ma in una semplice confluenza di circostanze. Pertanto, una madre competente e si riferisce a questo fenomeno con calma, di solito tutto il giorno successivo dedica riposo e presta più attenzione al bambino. Letteralmente a giorni alterni, due armonie vengono di solito ripristinate!
Questo aiuta Non aiuta
Metti il ​​bambino nella ciotola, offrigli un seno ogni ora! Aumentare la durata dell'alimentazione. Si nutre più spesso di notte. Contare il numero di minzione del bambino, in modo da non preoccuparsi. Rilassati dalle faccende domestiche. Richiedi supporto a parenti e amici. Contattare un consulente per l'allattamento. "Calmante" un bambino che piange con un ciuccio. Dopaivanie bambino con acqua. Usa una bottiglia, indipendentemente da ciò che viene versata. Supplementare il bambino con la formula prima di 6 giorni dall'inizio della crisi. Pesatura costante del bambino. Madre affaticamento fisico, mancanza di aiuto in casa. Dubbi degli altri in presenza di mamma abbastanza latte.

Naturalmente, l'allattamento è anche influenzato dall'affaticamento fisico della madre e dalla fase della luna e dall'aumento o dalla diminuzione dell'attività del bambino. Le possibilità del seno femminile sono solitamente progettate per tali fluttuazioni. Se, tuttavia, i capricci del destino o del tempo portano al fatto che diverse fluttuazioni vengono sommate, il risultato sarà già evidente. Una notevole "cura" per tali problemi è l'organizzazione competente per l'alimentazione. L'alimentazione illimitata su richiesta del bambino è la principale garanzia per il ripristino del saldo perso. E se l'alimentazione è organizzata con errori, allora la crisi della lattazione è un motivo in più per iniziare a correggerli. Consulta i consulenti per l'allattamento e ti aiuteremo! Maiorskaya MB Consultant in allattamento.
<< Precedente Successivo >>
= Salta al contenuto del tutorial =

Crisi di lattazione

  1. Il concetto di crisi della lattazione.
    In un certo numero di casi, la riduzione della lattazione è di natura transitoria, manifestata sotto forma di cosiddette crisi della lattazione, con il quale si intende una diminuzione temporanea della quantità di latte che si verifica senza una causa apparente apparente. Si basano sui cambiamenti nel sistema ormonale delle donne associati alla periodicità della regolazione ormonale della lattazione, combinata con un aumento dell'attività motoria delle donne e
  2. Problema 50. MASTER DI LATT
    Rodilnitsa F., 22 anni, è stato rinato per parto naturale da un figlio maschio adulto di 3500. Il 4 ° giorno del periodo postpartum, i sintomi di mal di testa, debolezza, dolore al seno destro, forte aumento della temperatura corporea a 39 ° C, brividi . Stato praesens. La condizione è soddisfacente La pelle è pallida, secca. C'è marcato ingorgo di prodotti lattiero-caseari
  3. MALATTIE INFETTIVE GENERALIZZATE POST-INFETTIVE MASTI
    SCOSSA SETTESTALE IN OSTETRICIA Una delle complicanze più gravi dei processi purulento-settico di qualsiasi localizzazione è uno shock settico o tossico batterico. Lo shock settico è una reazione speciale del corpo, manifestata nello sviluppo di gravi disturbi sistemici associati a una violazione della perfusione tissutale adeguata, che si verificano in risposta all'introduzione di microrganismi o alla loro
  4. MALATTIE INFETTIVE GENERALIZZATE POST-INFETTIVE MASTI
    SCOSSA SETTESTALE IN OSTETRICIA Una delle complicanze più gravi dei processi purulento-settico di qualsiasi localizzazione è uno shock settico o tossico batterico. Lo shock settico è una reazione speciale del corpo, manifestata nello sviluppo di gravi disturbi sistemici associati a una violazione della perfusione tissutale adeguata, che si verificano in risposta all'introduzione di microrganismi o alla loro
  5. Crisi vegetative
    Le crisi vegetative, o attacchi di panico, sono stati emotivo-affettivi parossistici con sintomi vegetativi polisistemici, caratterizzati da un decorso benigno. EZIOLOGIA E PATOGENESI Nel cuore della crisi vegetativa si trova la disfunzione del complesso ipotalamico-limbico-reticolare. Le cause degli attacchi di panico: | psicogeni - stress acuti e cronici, in particolare, la morte
  6. Crisi ipertensive
    Una crisi ipertensiva è un improvviso aumento significativo della pressione sanguigna da un livello normale o elevato, che è quasi sempre accompagnato dall'apparizione o dall'intensificazione di disturbi dagli organi bersaglio o dal sistema nervoso autonomo. Classificazione delle crisi A seconda della presenza o dell'assenza di danni agli organi bersaglio e della necessità di una riduzione urgente della pressione arteriosa, complicata e non complicata
  7. CRISI TABETICA
    Clinica. Le crisi tabetiche sono attacchi di dolore severo nell'area di qualsiasi organo, combinato con i disturbi delle sue funzioni, che si manifestano nell'aria dorsale, la forma tardiva della neuro-sifilide. Nelle crisi gutturali, il dolore parossistico si verifica nella laringe ed è accompagnato da disturbi della fonazione (disfonia) e spasmo di esso. Per le crisi gastriche sono caratterizzati da un forte dolore epigastrico
  8. CRISI IPERTESTRE
    Д-ка: aumento della pressione sanguigna (spesso acuta e significativa) con sintomi neurologici: mal di testa, "mosche" o un velo davanti agli occhi, parestesia, nausea, vomito, debolezza e arti, emiparesi transitoria, afasia, diplopia. Con crisi neurovegetativa (crisi di tipo I, surrenale): esordio improvviso, agitazione, iperemia e umidità della pelle, tachicardia, minzione rapida e abbondante,
  9. Crisi vegetative
    Le crisi vegetative sono parossismi di disturbi vegetativi polimorfici associati all'attivazione di strutture vegetative centrali (nadsegmentali). In passato, il loro aspetto era attribuito alla patologia dell'ipotalamo, ma ora è evidente che solo una parte molto piccola delle crisi può essere spiegata da un danno organico all'ipotalamo o alle strutture del complesso limbico-reticolare, nel qual caso essi
  10. Crisi vascolari-vegetative
    Le crisi vascolari-vegetative sono sindromi psico-vegetative che si verificano a seguito di danni funzionali o morfologici a strutture profonde del cervello e manifestate da vari sintomi vegetativo-nevrotici ed endocrini-metabolici. Nei bambini, le crisi vegetativo-vascolari si osservano principalmente in età prepuberale e pubertà. Assegna il seguente
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2016
info@medicine-guidebook.com