principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

È difficile per me accettare l'idea che scegliamo i nostri genitori. Ho letto di questo nel tuo primo libro e devo ammetterti che ancora non riesco a capirlo. Sono una bambina adottiva e voglio sempre vedere la mia vera madre. Perché ho scelto una madre che ha deciso di lasciarmi?


Imparare ad amare nonostante sia stato abbandonato. Dato che raccogliamo sempre ciò che seminiamo, un bambino abbandonato è di solito un'anima che in qualche modo ha abbandonato suo figlio nella sua vita precedente. Apparentemente, questo è il tuo caso. Perdonando tua madre biologica che ti ha lasciato, ti perdoni automaticamente.
Per fare questo, hai bisogno di un cuore aperto, molto amore e simpatia. Devi riconoscere che tua madre ha agito meglio in base alle sue conoscenze e ai suoi limiti in quel momento della sua vita. Rifiutando, stiamo veramente esprimendo i nostri limiti. Quando rinunci a ulteriori tentativi di comprendere l'azione di tua madre e fai affidamento sul tuo DIO interiore, troverai la pace interiore. Il tuo DIO interiore sa cosa è buono per il tuo sviluppo.
Potresti ancora voler incontrare la tua madre biologica, concordando in anticipo che il risultato finale del tuo desiderio dovrebbe essere lasciato alla discrezione del tuo DIO interiore. Se questo incontro è vantaggioso per entrambi, accadrà prima o poi. In caso contrario, questo è solo un batch ritardato. Incontrerai sicuramente quest'anima durante la prossima incarnazione o tra due vite nel mondo astrale in cui vivono le anime.
Cosa si dovrebbe fare quando l'ingiustizia è posta a livello di responsabilità? Lavoro in ufficio con un'altra segretaria e facciamo lo stesso lavoro, ma lavoro il doppio di lei e abbiamo lo stesso stipendio. Invoca i suoi affari personali ed è spesso in ritardo al lavoro. E la parte principale del lavoro va sempre a me.
Come posso agire in modo che il mio capo capisca la situazione?
Devi sempre ricordare che sei qui sulla Terra per migliorare te stesso. Hai preso l'impegno di svolgere determinati lavori per il tuo capo e il tuo capo si è impegnato a pagarti un determinato stipendio in cambio dei tuoi servizi. Il tuo obbligo è rispettato da entrambe le parti.
Se l'altra segretaria non adempie ai suoi doveri, questo vale solo per lei. E a volte raccoglierà i suoi; il problema, quindi, esiste tra lei e il capo e non ha nulla a che fare con te. Hai una grande opportunità per imparare a valutare ciò che è importante per te. Se pensi di non ottenere uno stipendio equo per il tuo lavoro, incontra il tuo capo per discutere di un possibile aumento di stipendio.
Sarà molto più facile ottenere ciò che vuoi se usi la quantità di lavoro che fai per convalidare la tua richiesta, piuttosto che confrontarti con un altro segretario che fa meno lavoro. Comparare te stesso con qualcun altro è il modo sbagliato di raggiungere il tuo obiettivo. Ti consiglio di usare te stesso come punto di partenza per il confronto. Ad esempio, confrontati oggi stesso con ciò che vuoi diventare, ciò che hai con ciò che vuoi avere. Questo non è un modo miracoloso, ma sarà più facile per te determinare i tuoi bisogni in questo modo, per stabilire obiettivi più vicini alla tua realtà.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

È difficile per me accettare l'idea che scegliamo i nostri genitori. Ho letto di questo nel tuo primo libro e devo ammetterti che ancora non riesco a capirlo. Sono una bambina adottiva e voglio sempre vedere la mia vera madre. Perché ho scelto una madre che ha deciso di lasciarmi?

  1. Quando io, la madre della famiglia, permetto ai bambini di assumersi la responsabilità, ho la sensazione di essere una madre indifferente a cui non frega niente dei suoi figli. Temo che mi giudicheranno anche da grandi. Qual è la ragione di questa paura?
    Prima di tutto, chiedi ai tuoi figli di darti la loro definizione di indifferenza. Ecco la mia definizione: una persona indifferente è una persona a cui non importa nulla, che non sente nulla e che non viene toccato dagli altri. Ti consideri davvero una madre indifferente? Lo credi davvero? Insegnare ai tuoi figli ad assumersi la responsabilità è il miglior regalo che puoi fare loro.
  2. Vorrei sapere cosa posso imparare da mia madre. Mi fa provare emozioni - nel senso che mi contraddice sempre. È negativamente incline e dice sempre che non sarò in grado di raggiungere il successo negli affari che ho iniziato.
    A giudicare dalla tua domanda, vedo che dai la colpa a tua madre per le tue emozioni. Sottolineo ancora una volta che una persona non può essere ritenuta responsabile delle emozioni di nessuno. Solo tu sei responsabile delle tue emozioni, cioè della tua reazione alle parole o alle azioni di tua madre. Potresti non essere d'accordo con quello che ti dice, ma è importante che pensi che si stia comportando come lei
  3. Voglio davvero mantenere la mia attuale famiglia, ma improvvisamente mi sono reso conto che mio marito decide sempre tutto per me e per i bambini.
    Ha sempre ragione in tutto e soffro costantemente per il fatto che non riesco a raggiungere l'autoaffermazione. Quale tratto di personalità non accetto? Se il coniuge decide sempre tutto per te e non tiene conto della tua opinione, ciò significa che non vuoi venire a patti con il tuo principio femminile. La stessa cosa succede con il coniuge. Se è convinto che sua moglie debba essere guidata, allora questo indica che
  4. Credo che dare alla luce bambini sia una grande responsabilità. Può anche essere definito un contratto a vita. Quando penso di poterli ferire, mi sento male. Cosa devo fare per pensare diversamente?
    Cambia le tue convinzioni. In primo luogo, quando decidi di avere un bambino, non dovresti pensare di essere responsabile della sua felicità. La tua prima motivazione dovrebbe essere il desiderio di consentire all'anima di ritornare per essere incarnata. È un dono di sé. Quindi, per continuare la tua crescita, devi imparare ad amare quest'anima che ti ha scelto. Avere un bambino è
  5. Come madre, mi sento responsabile di nutrire bene i bambini, perché credo che siano ancora troppo piccoli per prendersi cura della propria salute. Ho tre figli dai quattro ai nove anni. Non pensi che questa responsabilità ricada su di me?
    Non sei direttamente responsabile per la salute dei tuoi figli. Come madre, dovresti essere responsabile delle conseguenze del parto dei bambini - vale a dire monitorare i loro bisogni materiali, aiutarli ad apprendere, trasferire loro le loro conoscenze, dare loro amore e tutto ciò nella misura in cui puoi fare. D'altra parte, non puoi sapere in anticipo quali saranno i risultati. Puoi cucinare di più
  6. Mantengo sempre le mie promesse ed è molto difficile per me venire a patti con il fatto che gli altri non mantengano la parola.
    Questo succede spesso: i miei figli promettono di ripulire dopo se stessi e di uscire di casa senza farlo; o mio marito promette di fare shopping al posto mio e si dimentica di farlo. Mi trovo spesso in una situazione in cui gli altri non mantengono la mia parola. Perché mi sta succedendo questo? Dici che mantieni sempre le tue promesse. Forse ci sono momenti in cui non lo fai, ma non te ne accorgi.
  7. Mia madre mi ha detto che l'infiammazione dei capezzoli si verifica sempre e che devi solo tollerarla.
    Come molte altre donne, tua madre ha sofferto invano. L'infiammazione dei capezzoli può e deve essere prevenuta. Nella maggior parte dei casi, sono un segno di attaccamento improprio al petto. Il bambino succhia solo il capezzolo, causando attrito e danni, invece di succhiare il seno in un'azione ondulata che non può danneggiare il capezzolo. Circa il 90% dei problemi è causato da errori
  8. Mia moglie va a lavorare. Non le è mai piaciuto svolgere le faccende domestiche, lo so e l'ho sempre saputo. Vado anche a lavorare. Da quando ci siamo sposati, mantenere l'ordine in casa ricade costantemente su di me. Comincia a disturbarmi. Entriamo entrambi al lavoro e come posso spiegarle che per il mantenimento della pulizia in casa ha la stessa responsabilità di me?
    Hai preso un chiaro impegno prima di decidere di vivere insieme? Forse ti sei impegnato a fare le faccende domestiche dicendole, ad esempio: “Nessun problema. Lo farò? E ora sei responsabile delle conseguenze della tua decisione. Tuttavia, se al momento è diventato troppo difficile per te, devi parlarne con il tuo coniuge. Chiedile
  9. Cosa fare quando voglio parlare con mio marito, ma non lo fa?
    Ho l'impressione di parlare con un muro. Per questo motivo, molto spesso mi astengo dal parlare con lui. Quando una persona si chiude completamente in se stessa, questo indica la sua paura di perdere l'autocontrollo. Negli uomini, di regola, è la paura di mostrare la loro sensibilità e vulnerabilità. Esternamente, sembrano calmi, trattengono le loro emozioni, volendo così impressionare la persona,
  10. Ho avuto un amante per un breve periodo e mi sento in colpa per non aver rinnovato il rapporto con sua moglie. Mi sento in colpa per tutto ciò che è stato distrutto. Come posso liberarmi da questa colpa?
    La relazione tra il tuo ex amante e sua moglie non ti riguarda in alcun modo. Ciò che accade tra loro non ha nulla a che fare con te. Ma, in base alla tua scala di valori, ti dici che non è bene avere una relazione con un uomo sposato. Devi scegliere una delle due cose: o assicurati che ciò non accada di nuovo, perché ti senti in colpa, o cambia il tuo
  11. Hai detto che il bambino ha un ruolo da svolgere. Che cosa può fare?
    Il bambino ha un ruolo molto importante. Immediatamente dopo la nascita, un bambino sano ha la forza e la capacità [4] di strisciare attraverso lo stomaco di sua madre, trovare il suo petto e infilargli il naso e leccare il capezzolo di sua madre. Verrà il momento e aprirà la bocca e inizierà a succhiare. Se nessuno disturba il bambino ed è accanto a sua madre, cercherà il seno e succherà ogni volta che ha fame. corporeo
  12. Sono una donna non sposata e vivo da sola. I miei genitori anziani spesso si ammalano. Mia madre mi chiama egoista quando mi rifiuto di venire da lei non appena ha bisogno di aiuto. Sono responsabile per i miei genitori? Devo sempre aiutarli?
    Il tuo cuore conosce la risposta a questa domanda, ma la tua mente la contesta. Nessun bambino è responsabile della felicità o del benessere dei propri genitori. Tuttavia, una certa parte di te crede di essere responsabile per loro, ed è del tutto possibile che tu stesso ti consideri egoista. Sei indubbiamente influenzato dai tuoi genitori, che credono che una brava figlia riconoscente debba,
  13. Ma se non riesco a mostrarti l'immagine finale, perché non la combino con raccase?
    La parte più importante di questa storia (e per me dal punto di vista personale e professionale, uno dei momenti più importanti dell'intero libro) non è affatto correlata all'aspetto del prototipo finale *. La svolta è avvenuta grazie alle immagini disegnate dal team - le stesse immagini di cui abbiamo appena discusso in modo così dettagliato. Come nella storia con McKinsey e Lego, all'inizio avevo paura di mostrarli
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com