principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Ho un marito molto prepotente. Sa sempre tutto ed è sempre giusto in tutto. Consiglia come comunicare con una persona simile.


Per prima cosa, tuo marito vuole chattare? Quando gli parli, è davvero un dialogo, o forse il tuo monologo, che pronunci allo scopo di cambiare o incolpare tuo marito?
Se siete coniugi, ciò non significa che dovreste avere automaticamente il desiderio reciproco di parlare della stessa cosa allo stesso tempo. Molto spesso, uno dei coniugi vuole parlare e l'altro vuole ascoltare. Quando hai il desiderio di parlare con tuo marito, assicurati prima che abbia il desiderio di parlare con te. Forse preferisce ascoltarti, o forse non vuole comunicare affatto. Devi rispettare le sue condizioni. Se il marito è introverso per natura, cioè non vuole mai comunicare, allora dovresti cercare un'altra persona con cui parlare. Forse devi chiedere a tuo marito perché non gli piace parlare e provare a capire i suoi sentimenti. Scopri quale forma di conversazione preferisce. Tuo marito, essendo un uomo affamato di potere, ovviamente, risponderà che preferisce parlare senza mezzi termini e in tono scortese.
Non è facile per te abituarti al carattere imperioso di tuo marito, perché non hai ancora fatto i conti con il carattere imperioso di tuo padre.
Spesso la nostra scelta di un compagno di vita è spiegata da un desiderio inconscio di trovare una persona con quei tratti di personalità dei nostri genitori che non abbiamo accettato.
Quando tuo padre ha mostrato il suo carattere imperioso, l'ha considerato naturale per un buon padre. L'ha imparato nella prima infanzia. Dietro il suo carattere imperioso c'era la paura di non essere nella posizione più alta o di perdere il rispetto degli altri.
Avendo capito la causa della paura del padre, sarà più facile per te capire che il personaggio dominante del marito probabilmente nasconde lo stesso senso di paura del padre.
Non credo che dovresti avvicinarti a tuo marito e chiedere subito: "Hai paura di qualcosa?" Meglio avere pazienza e cercare di capire il motivo della sua paura, chiedergli tutto e con attenzione, senza commenti e moralismi, ascoltarlo. È possibile che il marito si ritiri meno.
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Ho un marito molto prepotente. Sa sempre tutto ed è sempre giusto in tutto. Consiglia come comunicare con una persona simile.

  1. Quando esco da solo o con la mia ragazza, mio ​​marito mi condanna sempre o mi fa il broncio. A volte esco a fare una passeggiata, a volte no. In un modo o nell'altro, mi sento fuori posto. Se esco a fare una passeggiata, mi sento in colpa. Se non esco a fare una passeggiata, mi sento infelice. So che cedo alla colpa, ma non posso fare a meno di me stesso. Come dovrei essere?
    È chiaro che tuo marito esprime solo apertamente ciò che sta già accadendo in te. Fa parte di te, il che dice che una buona moglie non dovrebbe uscire senza il coniuge. Tuttavia, c'è un'altra parte di te che a volte vuole uscire con qualcun altro. Apparentemente, la prima parte è più forte e più spesso vince. Contatta queste due parti in te e chiedi loro di accettare e
  2. Voglio davvero mantenere la mia attuale famiglia, ma improvvisamente mi sono reso conto che mio marito decide sempre tutto per me e per i bambini.
    Ha sempre ragione in tutto e soffro costantemente per il fatto che non riesco a raggiungere l'autoaffermazione. Quale tratto di personalità non accetto? Se il coniuge decide sempre tutto per te e non tiene conto della tua opinione, ciò significa che non vuoi venire a patti con il tuo principio femminile. La stessa cosa succede con il coniuge. Se è convinto che sua moglie debba essere guidata, allora questo indica che
  3. Vorrei sapere cosa posso imparare da mia madre. Mi fa provare emozioni - nel senso che mi contraddice sempre. È negativamente incline e dice sempre che non sarò in grado di raggiungere il successo negli affari che ho iniziato.
    A giudicare dalla tua domanda, vedo che dai la colpa a tua madre per le tue emozioni. Sottolineo ancora una volta che una persona non può essere ritenuta responsabile delle emozioni di nessuno. Solo tu sei responsabile delle tue emozioni, cioè della tua reazione alle parole o alle azioni di tua madre. Potresti non essere d'accordo con quello che ti dice, ma è importante che pensi che si stia comportando come lei
  4. Mia moglie è sicura di avere sempre ragione in tutto.
    Non cerca di migliorare le nostre relazioni, non ascolta il mio consiglio e non approva le mie azioni. È possibile vivere così senza sentirsi offesi? È solo che il coniuge è abituato a esprimere ad alta voce ciò che preferisci tacere. Sei pienamente consapevole della tua responsabilità per la felicità e il fallimento della famiglia? Cerchi di sposarti e affrontare
  5. Ho grosse difficoltà con il concetto di responsabilità. Sono stato picchiato e ho sperimentato tutti i tipi di difficoltà. Penso di non essere sempre la colpa.
    Che ne dici? Dalla tua domanda deriva che ti consideri colpevole. Ti dici: “Non ho fatto niente di male; perché allora mi è successo? " Molto spesso le persone confondono colpa e responsabilità. La tua responsabilità per quello che ti è successo è nella capacità di affermare che la tua vita non è stata facile e, soprattutto, nel capire che tutto
  6. Mantengo sempre le mie promesse ed è molto difficile per me venire a patti con il fatto che gli altri non mantengano la parola.
    Questo succede spesso: i miei figli promettono di ripulire dopo se stessi e di uscire di casa senza farlo; o mio marito promette di fare shopping al posto mio e si dimentica di farlo. Mi trovo spesso in una situazione in cui gli altri non mantengono la mia parola. Perché mi sta succedendo questo? Dici che mantieni sempre le tue promesse. Forse ci sono momenti in cui non lo fai, ma non te ne accorgi.
  7. Mio marito quasi sempre dimentica il mio compleanno.
    size = 3 face = "Times New Roman"> E a volte voglio davvero ricevere regali. Non dimentico mai di augurargli un felice compleanno. Dimmi, come farlo in modo che non sia così smemorato? Ecco il momento migliore per capire la differenza tra te e migliorare le tue relazioni intime. Sembra che tuo marito abbia poco interesse per i compleanni. Hai già provato con calma, senza rimproverare
  8. LA SCELTA È SEMPRE O TUTTO QUELLO CHE VUOI SAPERE SULLA STERILIZZAZIONE, MA SEI STATO ARRIVATO A CHIEDERE
    Olga Korotonozhkina esperta AB RUI, veterinaria Il gatto è molto prolifico. A 8 - 10 mesi può già portare la prima prole. Due, tre e anche quattro volte all'anno, è in grado di dare alla luce cuccioli, una media di cinque in ogni cucciolata. Dopo un anno, anche le giovani generazioni sono coinvolte nel processo di procreazione. Gli scienziati americani hanno calcolato che un gatto e tutta la sua prole in sette anni possono produrre
  9. Sono una donna non sposata e vivo da sola. I miei genitori anziani spesso si ammalano. Mia madre mi chiama egoista quando mi rifiuto di venire da lei non appena ha bisogno di aiuto. Sono responsabile per i miei genitori? Devo sempre aiutarli?
    Il tuo cuore conosce la risposta a questa domanda, ma la tua mente la contesta. Nessun bambino è responsabile della felicità o del benessere dei propri genitori. Tuttavia, una certa parte di te crede di essere responsabile per loro, ed è del tutto possibile che tu stesso ti consideri egoista. Sei indubbiamente influenzato dai tuoi genitori, che credono che una brava figlia riconoscente debba,
  10. Mia moglie va a lavorare. Non le è mai piaciuto svolgere le faccende domestiche, lo so e l'ho sempre saputo. Vado anche a lavorare. Da quando ci siamo sposati, mantenere l'ordine in casa ricade costantemente su di me. Comincia a disturbarmi. Entriamo entrambi al lavoro e come posso spiegarle che per il mantenimento della pulizia in casa ha la stessa responsabilità di me?
    Hai preso un chiaro impegno prima di decidere di vivere insieme? Forse ti sei impegnato a fare le faccende domestiche dicendole, ad esempio: “Nessun problema. Lo farò? E ora sei responsabile delle conseguenze della tua decisione. Tuttavia, se al momento è diventato troppo difficile per te, devi parlarne con il tuo coniuge. Chiedile
  11. Nella mia famiglia faccio tutto: casa, cibo, bambini, educazione, educazione. Non capisco perché solo io dovrei occuparmi di tutto questo. Mio marito dice che quando una donna fa tutto, è nell'ordine delle cose. Ma è anche responsabile di questo, giusto?
    Dipende dagli obblighi che hai preso insieme prima della nascita dei bambini. Hai discusso delle conseguenze di avere figli in famiglia? Chi li voleva? Supponiamo che tu volessi davvero avere figli, ma tuo marito ti ha detto: “Non voglio avere figli, ma se questo è così importante per te, allora va bene. Puoi avere figli, non mi dispiace, perché li tratterai. " Se tra di voi è stato raggiunto
  12. Consigli cosa fare se mia moglie mi umilia con estranei? Che consiglio daresti a tua moglie?
    Tali situazioni sorgono negli sposi che non sanno comunicare, hanno paura di rivelare i propri sentimenti, di condividere dubbi. Quando una moglie è alla ricerca di un caso adatto per insultare il marito in pubblico, ciò significa che ha paura di parlare con lui in privato, cioè vuole parlare, ma non osa. Si controlla finché non compaiono estranei, credendo che con loro il coniuge non lo faccia
  13. Ora ho un secondo marito. È un po 'chiuso, perché ha paura di non mettere radici nella nuova famiglia.
    New Roman "> Sono molto sincero con lui e mi piacerebbe la stessa franchezza da parte mia. Il mio ex marito era una persona molto gelosa con un eccessivo istinto possessivo. Voleva che io fossi sempre con lui. Per questo, sono da lui e Il mio secondo marito è completamente diverso. È molto indipendente e non è facile per me. Sono indeciso: non so quale mi piace di più. Primo marito
  14. Come non sentirsi in colpa se il marito sposta costantemente la sua responsabilità nei miei confronti?
    Prima di tutto, il tuo coniuge non può trasferirti le sue responsabilità. Probabilmente stai parlando dei suoi obblighi. In secondo luogo, hai già raggiunto un accordo e obblighi chiaramente definiti a questo livello? A chi e cosa si decide di fare? Il coniuge deve essere ritenuto responsabile delle conseguenze delle sue azioni. Se non vuole fare nulla, sarebbe bello verificarlo
  15. Sono una di quelle persone che hanno sempre paura di offendere gli altri. Sono d'accordo troppo rapidamente quando qualcuno si rivolge a me per chiedere aiuto. Quindi me ne pento e non so come uscire da questa situazione.
    Accetti molto rapidamente, poiché, come persona generosa, vorresti aiutare tutti. D'altra parte, capisci che spesso vai oltre i tuoi limiti. Nell'aiutare gli altri, ti dimentichi di te stesso. Dovresti imparare ad essere libero dai tuoi obblighi. È positivo quando puoi impegnarti quando sei in grado di fare promesse, ma è anche molto importante essere in grado di sbarazzarti del tuo
  16. Ho avuto una vita molto attiva e appagante; Non riesco a capire il significato della nota di morte di suo marito, che ha scritto prima di suicidarsi.
    Nell'ultimo anno e mezzo, ho cercato invano di capirlo. Prima della sua morte, mio ​​marito ha scritto che non poteva raggiungere il livello del mio sviluppo spirituale. E ora ho paura di tornare alla mia precedente vita attiva. Cosa fare Nessuno è responsabile per chiunque si suicidi. Tuo marito ha deciso di morire in questo modo, e questa è la sua scelta. Ti consideri davvero colpevole della sua morte7 Pensa seriamente e
  17. Come puoi dire che tutto ciò che ci accade è causato da una causa interna? Mi sono fermato a un semaforo rosso e in quel momento un'altra macchina mi ha colpito da dietro. Come posso essere la causa di questo?
    Al momento, a causa della nostra grande mancanza di consapevolezza, è molto difficile conoscere esattamente la causa interna di ogni incidente (o conseguenza) nel nostro mondo esterno. Prendi un esempio del tuo incidente. Anche se la tua consapevolezza non è sufficiente per ricordare a cosa stavi pensando al momento dell'incidente o per capire la causa dell'incidente. Ti suggerisco di iniziare la tua indagine, a partire da
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com