principale
A proposito del progetto
Notizie mediche
Per gli autori
Libri con licenza di medicina
<< Precedente Successivo >>

Vorrei sapere cosa posso imparare da mia madre. Mi fa provare emozioni - nel senso che mi contraddice sempre. È negativamente incline e dice sempre che non sarò in grado di raggiungere il successo negli affari che ho iniziato.


A giudicare dalla tua domanda, vedo che dai la colpa a tua madre per le tue emozioni. Sottolineo ancora una volta che una persona non può essere ritenuta responsabile delle emozioni di nessuno. Solo tu sei responsabile delle tue emozioni, cioè della tua reazione alle parole o alle azioni di tua madre. Potresti non essere d'accordo con quello che ti dice, ma è importante che senti che agisce, come pensa, dal profondo del suo cuore. Lei non sa essere positiva. Per lei, questo potrebbe essere il modo migliore per farti andare avanti, sviluppare.
Molti genitori adottano questo approccio negativo, pensando che così facendo otterranno risultati positivi. Questo è triste perché è estremamente inefficiente. Forse tua madre ha così poca fiducia in se stessa, ha così paura dei fallimenti che non oserebbe mai intraprendere la realizzazione del progetto che stai intraprendendo. Sarebbe stata troppo offesa da sola per il fallimento e, inoltre, per essere delusa da se stessa. Per proteggerti dalla delusione, sopprime il tuo desiderio di fare qualcosa anche prima di arrivare a questo. Agisce in modo tale da prepararti meglio ad accettare un possibile fallimento.
Qualunque sia la sua motivazione, devi finalmente imparare ad accettarla per quello che è. Mi chiedi: "Cosa posso imparare?" Sì, solo per amare una madre con un simile sguardo, per mostrare più simpatia per lei, per essere più consapevole della sua paura, delle sue paure o della sua sofferenza. Per questo è importante consultare, parlare con lei, chiedere come si sente, come si sentirebbe se avesse fatto lo stesso di te. Avrebbe paura del fallimento? Spera in fondo che ci riuscirai o soffre al pensiero della delusione? Parla con lei e ascoltala attentamente. Non ti incolpa di niente. Esprime solo ciò che pensa. Volgi al tuo cuore per sentire tua madre e non ascoltare la mente, il che ti fa pensare che non ti ami.
Se prendiamo le nostre decisioni e siamo responsabili delle nostre azioni, come spieghi la distruzione di una persona da parte di un'altra, ad esempio la morte di un pedone a seguito di un incidente d'auto o la morte di cinquanta persone a seguito di un'esplosione, ecc. Chi prende la decisione e cosa?
La domanda non è chi decide cosa. Tutto è parte integrante del piano generale, che viene eseguito in conformità con la legge di attrazione, o la legge di causa ed effetto. Se una persona ha un malfunzionamento con un'auto e abbatte un pedone, questa non è una conseguenza della pura possibilità. Le persone coinvolte, le famiglie delle vittime, nonché i testimoni dell'incidente automobilistico, risponderanno in modo diverso, a seconda della loro percezione di questo evento e di chi sono. Ognuno è responsabile delle proprie percezioni e delle proprie reazioni.
Pertanto, la persona responsabile di ciò, ovvero la persona che ha causato l'incidente, non è necessariamente colpevole della morte di un pedone.
Non ha preso una decisione in anticipo: "Forse oggi ucciderò qualcuno". Non voleva infliggere consapevolmente dolore a nessuno. Forse è ritenuto colpevole dalla legge umana, ma la legge umana si occupa solo della parte generale. L'uomo si basa sulla percezione della vita derivante dalla sua mente inferiore, l'intelletto. Pertanto, abbiamo spesso una comprensione limitata di ciò che percepiamo con i sensi fisici, cioè con la vista, l'udito, il tatto, il gusto e l'olfatto. Per questo motivo, le leggi umane si rivelano errate.
La più importante è la legge del cuore, cioè ciò che accade dentro di noi, nel regno spirituale. La responsabilità che spetta alla persona che ha ucciso un'altra persona in un incidente d'auto è come sopravviverà alle conseguenze di questo evento. Deciderà di sentirsi in colpa e rimproverarsi per questo per il resto della sua vita? Incolpare se stesso per ciò che non è davvero da biasimare può essere abbastanza per attrarre spiacevoli incidenti attraverso i quali cerca di punirsi.
E il pedone? Forse in questo modo ha scelto di lasciare questa persona e questa situazione. Quando abbiamo completato tutto ciò che dovevamo fare in questa vita con il corpo selezionato e nell'ambiente scelto, dobbiamo lasciare il pianeta per guardare tutto dal lato e preparare il nostro ritorno futuro. Chi può dire che un'ora del genere non abbia colpito questo pedone? È impossibile saperlo ed è inutile rovinare il cervello cercando di capirlo. È meglio abbandonare ulteriori tentativi di giudizio e accettare la realtà così com'è. Dì a te stesso: "Cosa devo fare con tutto questo adesso?" La persona che ha causato l'incidente può chiedersi: “Uso questo incidente per autodistruzione, odio e condanna ingiustamente me stesso, oppure lo uso per accettarmi, darmi il diritto di vivere un'esperienza simile e fermarmi giudicarti ingiustamente? " Scegliendo l'amore piuttosto che il senso di colpa, questa persona impara molto rapidamente cosa avrebbe dovuto imparare da questa esperienza.
Per quanto riguarda l'esplosione che ha causato la morte di 50 persone, come nel caso di un incidente aereo in cui sono morte 350 persone, tutti questi "incidenti" non sono affatto accidentali, ma sono parte integrante del piano generale. Tutta questa gente era lì proprio nel momento in cui si è verificata l'esplosione. Tutti avevano un appuntamento con se stessi, che non dovrebbe essere in ritardo. Coloro che hanno avuto relazioni emotive con loro di solito vivono di più questa esperienza. La loro responsabilità è sopravvivere a questa realtà, usandola per imparare ad amare di più, e non con rabbia verso uno o coloro che hanno causato l'esplosione. Tutto ciò che accade è parte integrante del piano generale. Ciò non significa che dovremmo rimanere indifferenti agli incidenti. Scegliendo amore, accettazione, mostriamo compassione, ma non proviamo emozioni. Che stile di vita meraviglioso!
<< Precedente Successivo >>
= Passa al contenuto del libro di testo =

Vorrei sapere cosa posso imparare da mia madre. Mi fa provare emozioni - nel senso che mi contraddice sempre. È negativamente incline e dice sempre che non sarò in grado di raggiungere il successo negli affari che ho iniziato.

  1. Mia moglie va a lavorare. Non le è mai piaciuto svolgere le faccende domestiche, lo so e l'ho sempre saputo. Vado anche a lavorare. Da quando ci siamo sposati, mantenere l'ordine in casa ricade costantemente su di me. Comincia a disturbarmi. Entriamo entrambi al lavoro e come posso spiegarle che per il mantenimento della pulizia in casa ha la stessa responsabilità di me?
    Hai preso un chiaro impegno prima di decidere di vivere insieme? Forse ti sei impegnato a fare le faccende domestiche dicendole, ad esempio: “Nessun problema. Lo farò? E ora sei responsabile delle conseguenze della tua decisione. Tuttavia, se al momento è diventato troppo difficile per te, devi parlarne con il tuo coniuge. Chiedile
  2. È difficile per me accettare l'idea che scegliamo i nostri genitori. Ho letto di questo nel tuo primo libro e devo ammetterti che ancora non riesco a capirlo. Sono una bambina adottiva e voglio sempre vedere la mia vera madre. Perché ho scelto una madre che ha deciso di lasciarmi?
    Imparare ad amare nonostante sia stato abbandonato. Dato che raccogliamo sempre ciò che seminiamo, un bambino abbandonato è di solito un'anima che in qualche modo ha abbandonato suo figlio nella sua vita precedente. Apparentemente, questo è il tuo caso. Perdonando tua madre biologica che ti ha lasciato, ti perdoni automaticamente. Per fare questo, hai bisogno di un cuore aperto, molto
  3. Mia sorella ha il cancro al seno, ha già metastasi. È stata trattata da un uomo di medicina, è andata a sedute di preghiera, ecc. Al momento, dice che si sta dando nelle mani di DIO e si sta gradualmente preparando per la morte. Ha due figli di nove e quindici anni. Cosa posso fare come sorella?
    Tua sorella, a quanto pare, ha già fatto la sua scelta. Se ha preso una decisione, è importante che tu lo rispetti. Tuttavia, vedo che vuoi venire in suo aiuto, poiché è difficile per te accettare la sua morte. È importante che tu chiarisca ciò che è difficile da accettare. Cosa senti sotto la doccia? La prossima volta che vai da lei, condividi i tuoi dubbi con lei, dille che hai grandi difficoltà a credere
  4. Mia madre mi ha detto che l'infiammazione dei capezzoli si verifica sempre e che devi solo tollerarla.
    Come molte altre donne, tua madre ha sofferto invano. L'infiammazione dei capezzoli può e deve essere prevenuta. Nella maggior parte dei casi, sono un segno di attaccamento improprio al petto. Il bambino succhia solo il capezzolo, causando attrito e danni, invece di succhiare il seno in un'azione ondulata che non può danneggiare il capezzolo. Circa il 90% dei problemi è causato da errori
  5. Voglio davvero mantenere la mia attuale famiglia, ma improvvisamente mi sono reso conto che mio marito decide sempre tutto per me e per i bambini.
    Ha sempre ragione in tutto e soffro costantemente per il fatto che non riesco a raggiungere l'autoaffermazione. Quale tratto di personalità non accetto? Se il coniuge decide sempre tutto per te e non tiene conto della tua opinione, ciò significa che non vuoi venire a patti con il tuo principio femminile. La stessa cosa succede con il coniuge. Se è convinto che sua moglie debba essere guidata, allora questo indica che
  6. Credo che dare alla luce bambini sia una grande responsabilità. Può anche essere definito un contratto a vita. Quando penso di poterli ferire, mi sento male. Cosa devo fare per pensare diversamente?
    Cambia le tue convinzioni. In primo luogo, quando decidi di avere un bambino, non dovresti pensare di essere responsabile della sua felicità. La tua prima motivazione dovrebbe essere il desiderio di consentire all'anima di ritornare per essere incarnata. È un dono di sé. Quindi, per continuare la tua crescita, devi imparare ad amare quest'anima che ti ha scelto. Avere un bambino è
  7. Mantengo sempre le mie promesse ed è molto difficile per me venire a patti con il fatto che gli altri non mantengano la parola.
    Questo succede spesso: i miei figli promettono di ripulire dopo se stessi e di uscire di casa senza farlo; o mio marito promette di fare shopping al posto mio e si dimentica di farlo. Mi trovo spesso in una situazione in cui gli altri non mantengono la mia parola. Perché mi sta succedendo questo? Dici che mantieni sempre le tue promesse. Forse ci sono momenti in cui non lo fai, ma non te ne accorgi.
  8. Mio marito ha paura del panico di non avere soldi. E questo nonostante il fatto che lui e io abbiamo un lavoro permanente. Cosa fare e cosa dirgli?
    Hai provato a parlargli di ciò che lo disturba? Gli hai chiesto se avesse qualche domanda a riguardo, ci ha pensato? Suo padre aveva paura di rimanere senza soldi? In tal caso, cosa provava tuo marito da bambino quando vide questa paura di suo padre? Ha giudicato il padre? Quando condanniamo i nostri genitori, alla fine diventiamo proprio come loro. Sarebbe bello dare
  9. Non capisco la tua teoria. Dici che raccogli ciò che semini.
    Perché mia moglie non mi ascolta quasi mai, anche se la ascolto sempre quando parla dei suoi affari o problemi? Stai davvero ascoltando quello che dice il tuo coniuge, o forse stai ascoltando la tua voce interiore mentre parla? Non la critichi interiormente in quei momenti in cui ti sta parlando? Stai meditando la tua risposta mentre parla?
  10. Quando esco da solo o con la mia ragazza, mio ​​marito mi condanna sempre o mi fa il broncio. A volte esco a fare una passeggiata, a volte no. In un modo o nell'altro, mi sento fuori posto. Se esco a fare una passeggiata, mi sento in colpa. Se non esco a fare una passeggiata, mi sento infelice. So che cedo alla colpa, ma non posso fare a meno di me stesso. Come dovrei essere?
    È chiaro che tuo marito esprime solo apertamente ciò che sta già accadendo in te. Fa parte di te, il che dice che una buona moglie non dovrebbe uscire senza il coniuge. Tuttavia, c'è un'altra parte di te che a volte vuole uscire con qualcun altro. Apparentemente, la prima parte è più forte e più spesso vince. Contatta queste due parti in te e chiedi loro di accettare e
  11. Ho grosse difficoltà con il concetto di responsabilità. Sono stato picchiato e ho sperimentato tutti i tipi di difficoltà. Penso di non essere sempre la colpa.
    Che ne dici? Dalla tua domanda deriva che ti consideri colpevole. Ti dici: “Non ho fatto niente di male; perché allora mi è successo? " Molto spesso le persone confondono colpa e responsabilità. La tua responsabilità per quello che ti è successo è nella capacità di affermare che la tua vita non è stata facile e, soprattutto, nel capire che tutto
  12. Da più di un anno, mia madre giace in un istituto psichiatrico in attesa di collocamento in un istituto medico. Dal momento che sono l'unica persona attraverso la quale comunica con il mondo esterno, mi sento obbligato a prendermi cura di lei. A parte la fiducia che mi dà, quale regalo posso ottenere da questa situazione? Le nostre relazioni non sono mai state strette, praticamente semplicemente non esistono.
    Per quanto riguarda il regalo, un suggerimento è contenuto nella tua domanda. Questo è il caso ideale per avvicinarti a tua madre. Tuttavia, come provi un senso di obbligo nei suoi confronti? Ti importa di lei da un cuore puro? Ti sentiresti in colpa se non lo facessi? Nessun bambino deve i suoi genitori e viceversa. Tuttavia, i legami tra genitori e figli forniscono
  13. Se permetto a mia figlia adolescente di camminare tardi quella sera e improvvisamente rimane incinta o tossicodipendente, mi sentirò in colpa. Cosa faccio Forse sono padre troppo prepotente?
    Tra noi, dimmi onestamente: credi davvero che tua figlia possa rimanere incinta o assumere droghe solo la sera tardi? Sai benissimo che non c'è logica nelle tue parole. 'Tuttavia, dato che ti senti in colpa, ti consiglio di parlarne francamente con tua figlia. Condividi i tuoi sentimenti con lei. Realizza anche quel tuo sentimento
  14. Ho avuto un amante per un breve periodo e mi sento in colpa per non aver rinnovato il rapporto con sua moglie. Mi sento in colpa per tutto ciò che è stato distrutto. Come posso liberarmi da questa colpa?
    La relazione tra il tuo ex amante e sua moglie non ti riguarda in alcun modo. Ciò che accade tra loro non ha nulla a che fare con te. Ma, in base alla tua scala di valori, ti dici che non è bene avere una relazione con un uomo sposato. Devi scegliere una delle due cose: o assicurati che ciò non accada di nuovo, perché ti senti in colpa, o cambia il tuo
Portale medico "MedguideBook" © 2014-2019
info@medicine-guidebook.com